Come e quando parlare ai tuoi figli del sesso

Patrick Carnes, noto esperto di dipendenza da sesso, ritiene che uno "tsunami" sia inevitabile per quanto riguarda l'impatto della pornografia su Internet sui bambini e sui giovani di oggi.

La ricerca stima che il 90 percento dei bambini oggi impari prima del sesso attraverso la visualizzazione di materiale pornografico. Altre ricerche rivelano che la prima esposizione di un bambino al porno avviene intorno ai nove anni. E questo non è solo un problema per soli ragazzi. Anche se l'uso della pornografia è più diffuso tra i ragazzi, anche le ragazze lo vedono.

A parte i molti problemi problematici con i nostri bambini che vengono introdotti al porno in età precoce, il porno come educazione sessuale porta a idee profondamente radicate sul sesso che potrebbero perseguitare, mistificare e intrattenere un bambino nei loro anni dell'adulto.

Ad esempio, gli adulti maturi capiscono che la sessualità è più che un semplice scambio di parti del tuo corpo. La sessualità trova la sua realizzazione e il suo significato in una vera connessione e intimità che tiene conto della piena personalità dell'altro. Oltre ad essere attratto fisicamente, una persona che è in grado di esprimere la sua piena sessualità riguarda anche l'intelletto, le emozioni, la spiritualità dell'altro, ecc. Quando i bambini sono portati a credere che il porno sia uguale al sesso, ricevono una visione incredibilmente miope di ciò che il sesso può e dovrebbe significare.

Diversi anni fa, ho sentito un educatore di terapisti sessuali descrivere lo stato di educazione sessuale in America come relegato a scegliere tra due sole opzioni: astinenza o sicurezza. Poi ha paragonato il sesso ed all'autista.

Cosa accadrebbe se il guidatore avesse solo due possibilità: nessuna istruzione o semplice addestramento sulla sicurezza? Ha paragonato l'astinenza a un adulto che si rifiuta di parlare con il proprio figlio di come funziona realmente un'automobile: "Lo scoprirai una volta che sarà il momento giusto." Paragonò il sesso sicuro ad un adulto che raccontava a un bambino delle caratteristiche di sicurezza della macchina e nient'altro: "C'è un airbag lì dentro. In bocca al lupo."

Ma non è così che viene condotto l'autista. Infatti, i nostri ragazzi sono tenuti a sopportare mesi di lezioni da parte di professionisti, più il coinvolgimento dei genitori, prima di ottenere una licenza. L'ampiezza e la profondità dell'istruzione sessuale di oggi, sia a livello istituzionale che familiare, impallidiscono. E in molti casi, c'è una sottile corrente sottostante di vergogna che attraversa ogni conversazione di sesso, molto spesso a causa della vergogna di un genitore o di un imbarazzo nell'affrontare l'argomento con i loro figli. Ma quando gli viene data così poca informazione su un argomento così allettante, e quando la vergogna o l'imbarazzo contraddistingue la conversazione con un genitore, dov'è il turno di un bambino curioso?

Al loro telefono. O il loro tablet. O il loro computer. O i loro amici (che tireranno su qualcosa sul loro telefono, tablet o computer.)

È così che è iniziato lo tsunami. È così che lo tsunami continua a dare slancio. È così che lo tsunami invaderà la mente di tuo figlio con possibili messaggi di nascondimento, colpa e vergogna riguardo alla sua sessualità.

Non deve essere così, ma tocca ai genitori cambiare la situazione.

Nella mia pratica di counselling, piuttosto che sostenere "The Talk", suggerisco che i genitori abbiano molti colloqui adatti all'età nel corso di molti anni che tengano conto di argomenti specifici. Ad esempio, quando il bambino ha dai tre ai cinque anni, parla dei nomi delle parti del corpo. Dai cinque agli otto anni, parla di dove vengono i bambini, del concepimento, dello sviluppo fetale e del parto. Dalle otto alle undici, discuti di argomenti come i rapporti sessuali, compresi i confini, la pubertà, il ciclo mestruale di una donna, la pornografia e l'abuso sessuale. Dall'età di undici a quattordici anni, avere più dialogo sulla pubertà, amore, incontri e domande più complesse sulla sessualità.

Nota: questo è semplicemente un esempio. Tieni presente che potresti voler regolare questo in base alla maturità del tuo bambino.

Come genitore, sostengo che tu sia colui che aiuta il tuo bambino a definire e comprendere la sua sessualità. Sii colui a cui vengono quando hanno domande sul sesso. Sì, sarà imbarazzante e potrebbe mettere alla prova il tuo livello di comfort.

Incoraggiando questo tipo di discorsi coerenti, stai preparando tuo figlio al successo quando si tratta di navigare nel mondo online incredibilmente difficile che devono affrontare. Diventando una figura di fiducia in quell'area della loro vita, stai guadagnando il diritto di parlare nella loro maturazione come giovani adulti. Li stai aiutando a capire esattamente perché hai posto dei limiti al loro comportamento online.

I bambini che vedono il porno (che hanno genitori che non parlano di sesso) hanno una maggiore probabilità di diventare adulti che trattano la sessualità nascondendosi con vergogna e fantasia. Da adulti, potresti sapere che le relazioni reali richiedono un duro lavoro, sono meno focalizzate sull'auto e considerano una visione più completa del loro partner. Prenditi il ​​tempo e abbi il coraggio di educare tuo figlio sulla sessualità. Puoi farlo! Sii colui che modella lo sviluppo sessuale di tuo figlio.

Per maggiori informazioni su relazioni sane, prendi una copia del mio libro The Stories We Tell Ourselves. Clicca qui per fare domande e / o commentare a Scott.

Segui Scott Gornto su Twitter: www.twitter.com/gornto

Solutions Collecting From Web of "Come e quando parlare ai tuoi figli del sesso"