Come descrivi l'ADHD?

Cosa significa l'ADHD per te? Come descriveresti come ci si sente a pensare in modo ADHD? Quando viene posta la domanda, le risposte fornite possono variare. Alcuni si concentreranno sui benefici:

"È come se fossi più veloce di chiunque altro. Posso ottenere la risposta molto rapidamente – non posso spiegare come – e posso davvero sentire, a volte, che sono la persona più veloce e acuta della stanza. "

"Ottengo grandi benefici dal mio ADHD. Mi aiuta a pensare a soluzioni diverse da quelle di altre persone. Sono contento di avere il mio cervello ADHD; mi ha aiutato molto nella mia carriera ".

"Penso che mi renda davvero una persona divertente. Sono spumeggiante e simpatico, e questo è importante per me. Non so se sarei così vivace se non avessi il mio ADHD. La gente lo ama di me. "

Altri si concentrano sugli aspetti negativi:

"È come se avessi sei radio in testa, e sono tutte su stazioni diverse. Non so mai a cosa prestare attenzione. "

"Mi sento sempre disperso. Mi sento sempre dietro ".

"Sento sempre di dover lavorare più duramente delle altre persone per ottenere qualcosa. Tutto mi prende più tempo. "

Ecco come una persona descrive il problema della distrattività:

"L'ADHD è così: dire a una persona 'normale' e ad una persona ADHD che stava pilotando una barca da Seattle a Vancouver. La persona normale andrebbe direttamente da una città all'altra e arriva più velocemente. Io, come persona ADHD, sarei comunque arrivato a Vancouver, sebbene non altrettanto velocemente. Mi guardavo intorno e vedevo le isole lì, e andavo in diverse isole e chi lo sa? Potrei trovare un vero tesoro sulle isole. "

Le tue parole – come descrivi l'ADHD a te stesso – contano. Se sei la persona con ADHD, sarai al meglio se riuscirai a inquadrare l'ADHD in una luce positiva. Siamo tutti al meglio quando crediamo in noi stessi e ci vediamo positivamente. Se stai cercando di concentrarti su un compito, ti concentrerai in modo più naturale se credi di poter svolgere il compito, che hai quello che serve. Se stai cercando di aiutare qualcuno con ADHD, sappi che saranno al loro meglio se sapranno di poter contare su di te per credere nelle loro buone qualità.

È possibile descrivere l'ADHD in modo positivo e negativo. Puoi descrivere una persona come "iperattiva", che ha connotazioni negative, o "energetica", che suona molto meglio. Mentre scriviamo questo, stiamo cercando di ingoiare abbastanza caffeina per raggiungere il livello di "energia". "Loquace", può diventare "sociale". "Correre attraverso i compiti", suona peggio di "veloce" o "efficiente". " Non segue le indicazioni? "" Indipendente "è una qualità più apprezzata.

Quindi, come vedi il tuo ADHD? Quali parti di esso sono utili e preziose? Quali parti ti stanno dando problemi? Descrivere te stesso in modo negativo ha un certo valore: devi identificare onestamente i difetti che trarrai benefici dal cambiamento, ma questo è immensamente più prezioso se abbinato a un piano per migliorare quelle aree di interesse.

Il successo porta a un aumento dell'autostima. Ripetuti fallimenti – dove spesso si dice "potrebbe avere, dovrebbe avere, non" – possono contribuire alla depressione. È difficile da adulta venire a patti con la sensazione di essere spesso sottosopra, di poter fare di più, ma di continuare a ripetere lo stesso modello di comportamento autolesionista.

Uno degli aspetti più problematici dell'ADHD è che può portare a una sensazione di disperazione che nulla migliorerà mai, e ad un punto di vista complessivo di "cosa c'è di sbagliato in me". Ma c'è molto che è giusto per i pensatori di ADHD: assicurati di usare le tue parole per enfatizzare i lati positivi.

Pen for Purpose - Blog
Fonte: penna per scopo – Blog

Solutions Collecting From Web of "Come descrivi l'ADHD?"