Come dare agli altri senza bruciare

pathdoc/Shutterstock
Fonte: pathdoc / Shutterstock

Nel nostro mondo troppo stressato, molti operatori sanitari, assistenti sociali e operatori sanitari stanno soffrendo il burnout lento ma doloroso. Anche molti di noi, lavorando per lunghe ore e allevando famiglie, sembrano avvicinarsi al burnout. A volte potremmo sentire che siamo troppo esausti per continuare a dare agli altri, anche se dare è una fonte primaria di felicità nelle nostre vite.

Quindi, come possiamo continuare a dare senza bruciare? Ci è stato detto che la cura di sé è la risposta: concediti un trattamento; te lo meriti. Prenditi del tempo per te stesso. Di 'no In effetti, una revisione della ricerca ha rilevato che gli psicologi nella formazione che praticano più di auto-cura riferiscono di sentirsi meno angosciati, meno stressati e più soddisfatti della vita. La domanda è: come appare l'autosufficienza e quanto abbiamo bisogno?

A quanto pare, il trucco è essere focalizzati sull'altro e gentili, e bilanciare ciò con la cura di te stesso. Ecco alcune pratiche per aiutarti a farlo:

1. Auto-compassione

Una forma particolarmente potente di cura di sé implica trasformare la nostra relazione con noi stessi – in particolare, praticare l' auto-compassione .

La compassione di sé ti tratta come se fossi un amico – con gentilezza piuttosto che con un giudizio – specialmente nei momenti in cui fallisci. L'auto-compassione sta ricordando che tutti noi commettiamo errori, invece di picchiarci. Significa essere consapevoli di emozioni e pensieri senza immergersi troppo in essi. Auto-compassione non significa essere indulgenti o lasciarsi sfuggire, ma non significa nemmeno essere eccessivamente autocritici e duri.

Elaine Beaumont dell'Università di Salford ha condotto numerosi studi sull'impatto dell'auto-compassione sul burnout e sulla fatica della compassione. In uno studio su 100 ostetriche studentesche – che abitualmente vedono sia il miracolo della nuova vita che le tragedie che possono accompagnare il parto – Beaumont e il suo team hanno scoperto che le ostetriche che avevano livelli più elevati di compassione di sé mostravano meno burnout e meno sintomi di compassione fatica. L'opposto era vero per le ostetriche che erano altamente autocritiche. Ha ripetuto questo studio con diverse professioni di assistenza e ha trovato risultati simili nella formazione di infermieri e studenti per essere consiglieri e psicoterapeuti.

Oltre ad essere protetti contro il burnout, le persone più compassionevoli tendono a riportare meno stress ed emozioni negative. Sono anche più ottimisti e sentono più felicità e altre emozioni positive, tra gli altri benefici.

Per esercitarti, puoi provare alcuni degli esercizi che la pionieristica ricercatrice di auto-compassione Kristin Neff ha scritto nel suo libro, come scrivere una lettera auto-compassionevole, prendere una pausa auto-compassionevole, o semplicemente chiedersi: come tratterei un amico in questa situazione?

2. Connessione sociale

Prendersi cura di noi stessi include anche la ricerca di connessioni sociali che possano fornirci supporto pratico ed emotivo quando stiamo lottando. Uno studio sulle infermiere ha scoperto che l'appartenenza a un gruppo più coeso al lavoro aiuta a prevenire l'esaurimento della stanchezza e della stanchezza, riducendo gli effetti dello stress e del trauma.

Questo non dovrebbe sorprendere: la connessione sociale, dalla nascita alla vecchiaia, è uno dei nostri più grandi bisogni umani. Porta a tassi più bassi di ansia e depressione, rafforza il nostro sistema immunitario e può anche allungare la nostra vita.

I ricercatori concordano sul fatto che la connessione sociale ha meno a che fare con il numero di amici che hai con il modo in cui ti senti soggettivamente, all'interno. In altre parole, non devi essere una farfalla sociale per raccogliere i benefici; cerca solo di coltivare un senso interno di appartenenza con chi ti circonda.

La parte difficile è che lo stress è legato all'autofocus; la mente stressata si gira verso me, me stesso e io – rendendoci ancora più infelici e sconnessi dagli altri. Meditazione, yoga, esercizi di respirazione e passeggiate nella natura, oltre a limitare la caffeina, possono aiutarci a calmarci e sentirci pronti a raggiungere gli altri. Uno studio condotto a Stanford ha dimostrato che la meditazione della gentilezza amorevole può essere un modo rapido per coltivare un senso di connessione. Meglio ancora, prova a meditare con un compagno!

3. Empatia e Compassione

Potrebbe sembrare controintuitivo che l'empatia, che include la partecipazione alle lotte degli altri, ci aiuterebbe con le nostre lotte, in particolare come badanti. Ma la ricerca sugli assistenti sociali dimostra che avere più empatia può anche prevenire il burnout. La ricerca sull'imaging cerebrale di Tania Singer suggerisce che l'allenamento alla compassione può effettivamente renderti più bravo nel far fronte alle sofferenze altrui – aiutandoti ad aiutare gli altri senza pagare te stesso.

Una possibile spiegazione è che sviluppando sentimenti come la compassione e l'empatia, ci proteggiamo dal sentirsi afflitti o sopraffatti di fronte alla sofferenza. Quando ti connetti veramente con un'altra persona che sta soffrendo, puoi effettivamente sentirti potenziato ed energizzato, perché sei ispirato a provare compassione ed empatia per quell'individuo. Le tue preoccupazioni si fermano mentre ti immergi nell'obiettivo di essere lì per un altro.

Abbiamo tutti avuto l'esperienza di avere un amico per chiedere aiuto durante un periodo di emergenza. In questi momenti, di solito siamo capaci di molto più di quanto immaginassimo – sembriamo trovare riserve di energia nascoste. In seguito, finiamo per sentirci molto meglio di prima.

Di nuovo, la meditazione amorevolezza è un modo per iniziare a coltivare l'empatia. Quando parli con qualcuno che sta soffrendo, praticare l'ascolto attivo può aiutarti a fornire conforto e sostegno a loro senza dover risolvere i loro problemi.

I benefici del dare

Se riusciamo a capire come continuare a dare agli altri senza soffrire di burnout, possiamo aspettarci di raccogliere molti benefici.

Ad esempio, il volontariato può avere un impatto positivo sulla salute, con benefici per l'obesità, glicemia, pressione arteriosa e longevità. I volontari più anziani possono ricavare una grande sensazione di scopo e autostima dal volontariato; la ricerca mostra che li fa sentire più felici, più connessi agli altri e più fiduciosi della loro autostima. Anche i benefici del volontariato per il benessere sembrano essere universali, tenendo in considerazione sia le culture che le generazioni.

Altri studi hanno scoperto che siamo più felici quando spendiamo denaro per gli altri e che proviamo emozioni più positive quando ci impegniamo in atti di gentilezza per gli altri, piuttosto che per noi stessi. Come ricercatore di felicità che ha scritto un libro sull'argomento, posso attestare i numerosi studi scritti sull'argomento.

Se sei timido o introverso o hai anche ansia sociale, dare agli altri può ancora aumentare la tua felicità. Anche se si tende a sentirsi meglio quando ci connettiamo direttamente con i beneficiari, anche atti gentili condotti sul computer possono aumentare il benessere. Infine, come Adam Grant ha mostrato nel suo libro Give & Take , essere un donatore porta anche a un maggiore successo professionale.

L'auto-compassione, la connessione sociale e l'empatia sono potenti forme di cura di sé – ma ciò non significa che le tradizionali attività di auto-cura non abbiano posto nelle nostre vite. Mantenere il morale con l'esercizio, dormire e fare spazio per attività divertenti come film o shopping sono importanti. Questi piaceri ci procurano brevi esplosioni di felicità che possono aiutarci a alimentarci e farci divertire. Per completare questi piaceri più fisici, tuttavia, dare e connettersi con gli altri in modi positivi ci porterà sentimenti di gioia duraturi che provengono da una vita di propositi e significati. L'equilibrio tra i due è una ricetta per una vita felice, lunga e appagante.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, vedere The Happiness Track (HarperOne, 2016), ora in brossura.

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata su Greater Good Science Center.

Solutions Collecting From Web of "Come dare agli altri senza bruciare"