Come connettersi con chiunque

Se hai appena incontrato Amanda Marko a un cocktail party, potresti aver sentito qualche versione di questa storia:

Intorno al Natale dell'anno scorso, Amanda stava parlando con sua sorella a casa della sua famiglia a Cincinnati quando la sua nipotina di sei anni, Evelyn, si avvicinò. "Mia sorella mi ha detto che Evelyn di recente era diventata amica di penna con la figlia di nostro cugino", Marko avrebbe detto. "Pensavo che fosse così bello."

La sorella di Amanda le ricordò che Amanda si era anche scambiata la corrispondenza con numerosi amici di penna durante tutta la loro infanzia. "La cosa divertente era, aveva ragione," Marko avrebbe continuato. "Ma me ne ero completamente dimenticato. Ho avuto amici di penna provenienti da tutto il mondo che ho raccolto da diversi posti o viaggi. "

Oggi, Marko è un dirigente di comunicazione strategico e fondatore di Connected Strategy Group, una società di consulenza che forma i dirigenti su come utilizzare il potere delle connessioni e delle storie nel mondo degli affari. E l'esperienza con la nipote le ha fatto capire, dice, "che sono sempre stato qualcuno che trova connessioni e rimane in contatto. È proprio vero: sono sempre stato una persona a cui piace incontrare persone. "

La sua storia trasmette questo messaggio.

wavebreakmedia / Shutterstock

Racconti di connessione rivelano il vero te

Marko racconta questa storia – che lei ora chiama "storia di connessione" – quando incontra qualcuno di nuovo. "La tua storia di connessione dà a qualcuno un vero sguardo su di te", dice. "Non posso semplicemente dire, 'Ciao, sono degno di fiducia, laborioso e diligente.' Ma posso raccontare una storia che dà alla persona con cui sto parlando l' impressione che Amanda Marko sia degna di fiducia, laboriosa e diligente ".

Le storie sono un ottimo strumento per rendersi memorabili per le nuove persone che incontri. Il solito processo di incontrare qualcuno di nuovo è così abituale – lo abbiamo fatto tutti così spesso – che è molto facile cadere in un solco, e fare poca impressione su potenziali amici, clienti o altri. È facile abituarsi a spiegare chi sei e cosa fai allo stesso modo, ancora e ancora, senza pensare.

Ti annoi con le tue solite risposte, ma non metti nessuna energia e sforzo per pensarle, anche se il modo in cui rispondi potrebbe cementare la prima impressione che le persone hanno di te. In altre parole, piuttosto che usare una storia di connessione coinvolgente, in realtà si limita a dire alla gente: Ciao, sono Joe, sono affidabile, laboriosa e diligente.

Puoi renderti molto più memorabile.

Perché come spieghi chi sei

Perché importa così tanto come spiega chi sei e cosa fai? Ogni volta che incontri qualcuno, è un'opportunità, un'opportunità per te per fare una buona prima impressione e un'opportunità per creare una solida base per una nuova relazione.

Se passi il sonno attraverso la tua conversazione, hai appena lasciato passare un'opportunità. Non solo non fai una prima impressione memorabile, rischi di essere visto come noioso o disinteressato.

4 passaggi per creare la tua storia di connessione

Una buona storia di connessione è breve – preferibilmente meno di 90 secondi – e illustra chi sei come persona. Spiega anche cosa fai e forse anche perché lo fai in un modo che è distintivo e memorabile.

Ci sono quattro elementi per una buona storia di connessione:

  1. Marcatori di storie. Il primo passo è creare "story markers" molto specifici che indichino dove e quando è accaduta la storia. La storia di Amanda Marko è accaduta a Cincinnati durante Natale. Questi indicatori orientano l'ascoltatore nel luogo e nel tempo.
  2. Una progressione di azioni, o Story Arc. "La trama dovrebbe essere nella forma 1-2-3 – dovrebbe esserci una causa e un effetto", dice Marko. Senza una progressione di azioni o serie di eventi, non hai una storia. Hai solo una recitazione di fatti, come una pagina della rubrica.
  3. Altre persone. Identifica gli altri personaggi e la loro relazione l'uno con l'altro, includi il dialogo e usa i nomi delle persone. Amanda Marko si è allenata a dire il nome di sua nipote perché è più probabile che un ascoltatore formi un'immagine di quella persona nella sua mente. (Ti ricordi il nome della nipote? Era Evelyn.)
  4. Il punto. Alla fine della storia della tua connessione, devi offrire un breve riassunto di ciò che significa per te. Non aspettarti che il tuo ascoltatore faccia questo lavoro da solo. Quante volte qualcuno ti ha raccontato una storia che hanno detto di aver trovato divertente o profonda, ma che ti ha lasciato confuso o incerto sul punto? Come ha detto Amanda, "È proprio vero: sono sempre stato una persona a cui piace incontrare persone." Ha sintetizzato il punto della storia in modo che i suoi ascoltatori non dovessero collegare i punti da soli.

Trova la tua storia

Non riesci a pensare ad una buona storia di connessione dalla tua vita? Chiedi a un familiare, amico intimo, partner o coniuge se possono pensare a episodi che illustrano chi sei veramente. Potrebbero avere un tempo più facile di te.

Oppure potrebbero esserci storie che già sai dire quando incontri nuove persone, ma non sei in sintonia con il modo in cui lo fai e ciò che stai realmente comunicando. Per le prossime settimane, fai attenzione alle storie che racconti quando incontri qualcuno di nuovo. Se colpisce tutti e quattro i punti precedenti, potresti avere la tua storia di connessione.

Hai una storia di connessione che condividi quando incontri qualcuno di nuovo? Lasciatelo nei commenti qui sotto.

John Corcoran è un avvocato e un ex scrittore della Casa Bianca di Clinton. Scrive di networking aziendale e abilità sociali. Ha una guida gratuita di oltre 52 pagine che puoi scaricare, chiamata Come aumentare il tuo reddito oggi costruendo relazioni con gli influenzatori, anche se odi la rete.

Solutions Collecting From Web of "Come connettersi con chiunque"