Come confortarti

Foto: pipitdapo

L'altra settimana, una mia paziente mi ha detto che di recente si è reso conto di avere la tendenza a diventare quasi imbarazzante in certe situazioni, cosa che ha attribuito a diverse esperienze della prima infanzia. Quando aveva tre anni, mi disse, sua sorella di cinque anni morì di cancro. Non ricorda in particolare che sta morendo, ma ricorda di essere stata lasciata sola con una cameriera per un anno e di sentirsi abbandonata. Suo padre, un alcolizzato, lasciò la sua famiglia poco dopo. Conta come il suo primo ricordo quando vede la valigia di suo padre aperta su un letto.

Di recente, suo figlio è stato costretto a confrontarsi con un problema medico potenzialmente serio. Anche se ora sembra ben controllato, per un periodo di tempo prima che potesse sapere se sarebbe stato o no, la mia paziente mi ha detto che si trovava in un grande bisogno di conforto. Ha notato che quando si sente così in passato, si sente anche lui troppo bisognoso, trova il suo bisogno di scacciare le persone alle quali si rivolge per il supporto. Come risultato, si è sentito risentito per non aver ottenuto ciò di cui aveva bisogno (mi ha detto con una risata autoironica). Quello che si è trovato a pensare durante questo ultimo episodio con suo figlio, ha detto, era che aveva bisogno di trovare un modo per confortarsi.

SIAMO UNA PERSONA O MOLTE?

È interessante notare che le indagini sia in psicologia che in neurologia sostengono l'idea che, nonostante il sentimento persistente che tutti noi abbiamo di un essere unificato, siamo in un modo molto reale di sé multipli. Ad esempio, a livello mentale, le persone hanno spesso sentimenti diametralmente opposti a qualcosa allo stesso tempo. A livello del cervello, alcuni pazienti che hanno avuto i loro due emisferi cerebrali separati chirurgicamente nello sforzo di controllare debilitanti attacchi epilettici sviluppano qualcosa chiamata sindrome della mano aliena in cui una mano a volte agisce di sua "propria" volontà (es. sbottona una camicia che il paziente ha appena abbottonato), suggerendo che al di sotto dell'esperienza che abbiamo di un sé integrato possono trovarsi diversi sé che agiscono in perfetta coordinazione.

Questo concetto ha un parallelo nel Buddismo di Nichiren in cui a volte una persona viene immaginata come se avesse due sé, il sé più piccolo e il sé più grande. L'interpretazione di questi due termini varia a seconda del contesto. Il sé più piccolo a volte si riferisce all'Io meschino le cui uniche preoccupazioni sono egoistiche e altre volte alla capacità apparentemente infinita che tutti dobbiamo credere con tutto il cuore alle varie delusioni che popolano il nostro pensiero. Il sé più grande, al contrario, è considerato il nostro sé migliore, il nostro sé più disinteressato, il nostro sé illuminato.

La cosa più interessante di questo modello non è che tutti noi possediamo questi sé diversi (molti di noi hanno sperimentato come ci si sente a manifestare il nostro io più piccolo invece del nostro sé più grande e viceversa, ad un certo punto) ma che potremmo separarli abbastanza nel nostro modo di pensare per rendere possibile l'idea che il sé più grande potesse confortare il sé più piccolo come se fossero persone completamente separate. Questa, in effetti, è l'idea che il mio paziente si è trovato a inciampare. Se si sentiva – a torto oa ragione – impedito di ottenere conforto, diciamo, da sua moglie, perché, ragionò, non poteva semplicemente confortarsi?

I BENEFICI DELL'AUTOM-COMPASSIONE

In un recente articolo su Well, un blog sulla salute sul sito web del New York Times , Tara Parker-Pope scrive che "la ricerca suggerisce che concedersi una pausa e accettare le nostre imperfezioni potrebbe essere il primo passo verso una salute migliore. Le persone che ottengono punteggi elevati di auto-compassione hanno meno depressione e ansia e tendono ad essere più felici e più ottimisti. Dati preliminari suggeriscono che l'auto-compassione può anche influenzare quanto mangiamo e può aiutare alcune persone a perdere peso. Questa idea sembra in contrasto con il parere di molti medici e libri di autoaiuto, che suggeriscono che la forza di volontà e l'autodisciplina sono le chiavi per una salute migliore. Ma Kristin Neff, pioniera nel settore, afferma che l'auto-compassione non deve essere confusa con l'autoindulgenza o standard inferiori. "Nella mia ricerca ho scoperto che la ragione principale per cui le persone non sono più auto-compassionevoli è che hanno paura che diventino auto-indulgenti", ha detto il dottor Neff, professore associato di sviluppo umano presso l'Università del Texas ad Austin . "Credono che l'autocritica sia ciò che li tiene in riga. La maggior parte delle persone ha sbagliato perché la nostra cultura dice che essere duri con se stessi è il modo di essere. '"

L'esperienza del mio paziente supporta l'idea che la più grande barriera all'autocompiacimento non è che sia così difficile (in fin dei conti, non è più difficile in teoria che confortare qualcun altro); è che spesso pensiamo di non meritarlo . Spesso siamo i nostri critici più duri, e la tendenza a mantenerci su uno standard più elevato, senza dubbio adattivo in molti modi, comporta anche un costo significativo: l'incapacità di rivolgersi a noi stessi per il comfort quando ci feriamo.

L'impatto benefico che le parole confortanti hanno sulla nostra sofferenza può avere meno a che fare con le parole stesse che con il fatto che provengono da qualcuno che percepiamo che ci tiene a noi. Mentre le parole stesse possono suonare vuote, avere un'altra persona intenta a fornire conforto in sé è spesso ciò che ci fa sentire meglio. Conoscere qualcun altro si preoccupa e sentire un'espressione di tale cura, ci fa sentire meno soli. Per rendere efficaci tutti gli sforzi per il benessere di sé, quindi, dobbiamo imparare a concettualizzare il nostro sé più grande come entità indipendente. Il grado in cui possiamo auto-confortare in modo efficace dipenderebbe dalla forza della nostra immaginazione, non solo nella nostra capacità di compartimentare il nostro bisogno, ma nella nostra capacità di immaginarci contemporaneamente come nostro genitore amorevole. Una cosa che può aiutare in questo tipo di visualizzazione è prendere il tempo per avere una vera conversazione con noi stessi, per dire in realtà ad alta voce le parole che dovremmo parlare a un buon amico che soffre in modo simile. Naturalmente, se siamo pieni di auto-disgusto o antipatia per noi stessi intensamente, troveremo la convocazione di sentimenti compassionevoli per noi stessi ancora più stimolante. Ma alcune ricerche dimostrano che l'auto-cura è un'abilità che può essere appresa, anche per le persone che in particolare non ritengono di meritare di impararlo.

Per la sorpresa della mia paziente, il semplice fatto di imbattersi nell'idea di potersi consolare sembrava concedergli il potere di farlo. Si sedette una mattina, afferrò una visione del suo sé più grande, un sé estremamente permissivo, compassionevole e saggio, e lo trasformò nella parte di se stesso che aveva paura e aveva bisogno di sentirsi dire che tutto sarebbe andato bene. Ad alta voce, parlò con gentilezza e amore a se stesso, si rese conto che quello che stava succedendo era terribile, che non aveva fallito come genitore, e che gli importava di soffrire così. E in qualche modo, ha funzionato. Infatti, riferì non solo di sentirsi meglio, ma anche di liberarsi del risentimento che provava verso sua moglie per non confortarlo nel modo in cui voleva.

Potrebbe esserci una ragione migliore per noi per intraprendere il diligente sforzo richiesto per allargare la nostra capacità di compassione oltre a essere in grado di accenderlo da soli?

Se ti è piaciuto questo post, non esitare a visitare la home page del Dr. Lickerman, Happiness in this World.

Solutions Collecting From Web of "Come confortarti"