Come concludere una relazione senza rimpianti

vimeo
Fonte: vimeo

C'è quella grande e antica canzone di Paul Simon, 50 modi per lasciare il tuo amante . Probabilmente ci sono ancora più modi di quelli che Paul non immaginava, ma tutti noi conosciamo i generi fondamentali che terminano le relazioni: la conversazione calma e spesso dolorosa del lasciarsi-essere-amici; la drammatica fusione emotiva completa di urla e singhiozzi; la dissolvenza che si vede spesso negli innamorati delle scuole superiori che vanno al college o quelle coppie che si rendono conto che è troppo difficile mantenere una relazione a distanza; i finali bruschi, di quelli che abbiamo fatto, caldi o freddi, comuni con la scoperta di una relazione o di altri segreti segreti. Alcuni finali sono reciproci; più spesso sono sbilanciati con un partner più determinato dell'altro a chiamarlo abbandono; alcuni sono orribilmente squilibrati con il partner respinto e devastato che non è in grado di accettare la realtà e lasciarsi andare.

Ma indipendentemente da come finisce il finale, ciò che spesso rimane per molti è il rimpianto. Nel corso degli anni ho sentito molte storie di rimpianti di relazioni e fondamentalmente prendono la forma di tre fonti sovrapposte.

Si rammarica del finale stesso

Qui è dove la fusione emotiva ha portato a dire cose che la persona in realtà non intendeva o non intendeva dire, o dove l'argomento era troppo arrabbiato o doloroso, o la fine era troppo brusca. Mentre la persona può essere risoluta nel rendersi conto che aveva bisogno di concludere la relazione, il suo rimpianto è che è andato giù nel modo in cui immaginava. Spesso c'era un piccolo follow-up e, di conseguenza, la persona si sentiva stregata.

Cosa fare:

Qui si tratta di scuse, non per la fine, ma per il dramma, l'emozione e i commenti offensivi. Qui fai un passo avanti e fai l'ammucchiamento emotivo che non hai fatto, per qualsiasi motivo, in quel momento. Fai la chiamata e lascia un messaggio, manda una mail, un testo. Hai chiarito che non stai tentando di ricominciare, ma invece vuoi solo scusarti per come è andato tutto.

Anche qui ti perdoni. Ognuno fa il meglio che riesce a volta, e puoi sempre guardare al passato attraverso il nuovo filtro del presente. È una lezione appresa, ma non un motivo per essere perseguitato e dispiaciuto o per continuare a punire te stesso.

Si rammarica per la mancanza di chiusura

Questo è spesso un parente stretto del finale cattivo, ma il nocciolo di questo rimpianto è che hai domande fastidiose che non hanno risposta, che non hai la possibilità di liberarti completamente del petto e aiutare l'altra persona a capire come sentito e cosa c'era dietro a tutto, o più spesso, una combinazione di entrambi.

Cosa fare:

Come l'altro, è ora di andare avanti e parlare se possibile. Qui, per esempio, scrivi, sei mesi dopo aver scoperto la relazione e concluso la relazione, un'e-mail, o al posto dei superficiali messaggi di chat, hanno una seria conversazione faccia a faccia con la tua vecchia fidanzata della scuola superiore . Tu dici tutto ciò che avresti voluto aver detto, o poni tutte le domande che non hai potuto chiedere.

Ancora una volta, sii chiaro sullo scopo, vale a dire, non iniziare di nuovo la relazione, non tornare indietro e castigare l'altro perché sei ancora arrabbiato, ma per aiutare a collegare i punti che costituivano la relazione nella tua mente, e si spera , infine, mettilo a riposare emotivamente e mentalmente. Parli di te, parli di emozioni morbide, parli di ciò che hai apprezzato e di cosa potrebbe essere andato storto.

E se raggiungere l'obiettivo non è un'opzione perché non sai dove si trova la persona, o perché ha detto che non vorrà più parlarti di nuovo, o semplicemente perché ti manca il coraggio, quindi scrivi una lettera che non invierà mai. Indirizzalo alla persona e scrivi ciò che desideri che potresti dire se lo vedessi per un'ora. Scrivi per avere tutto nella tua mente e nel cuore. Quindi, scrivi un'altra lettera a te indirizzata dall'altra, questa volta dicendo tutto ciò che desideri che l'altro risponda idealmente.

Falli indietro e prenditi il ​​tuo tempo; questo può essere emotivamente potente ma curativo.

Si rammarica di non aver provato abbastanza duramente

Questi sono quei rimpianti ossessionanti che forse non dovresti smettere quando hai fatto; che tu non avessi, e forse dovresti, aver dato alla persona un'altra possibilità; che non ti sei spinto su quella collina solo più tempo.

Cosa fare:

Questi rimpianti vengono generalmente stimolati in due modi diversi. A volte arrivano molto più tardi, due anni dopo lo scioglimento, trovi la tua mente e le emozioni che tornano alla relazione e senti quel pizzico di rimpianto che forse, solo forse, avresti dovuto provare ancora.

Sebbene ciò possa indicare una mancanza di chiusura, il fatto che questi rimpianti emergano in modo relativamente improvviso e inaspettato suggerisce che probabilmente ha meno a che fare con quel rapporto e più a che fare con dove ti trovi nella tua vita in questo momento. Mi ritrovo spesso a dire alle coppie sul punto di divorziare che tra due anni avranno probabilmente giorni in cui si sentiranno bene con la loro decisione di divorziare e altri giorni in cui pensano che non avrebbero mai dovuto andarsene.

La differenza deriva dalla visione della vita attraverso la lente del presente. Stiamo continuamente ricreando il nostro passato perché guardiamo continuamente indietro colorati dai nostri attuali e mutevoli stati emotivi. Se le nostre vite stanno andando bene, il processo di dissonanza cognitiva rende le nostre decisioni passate corrispondenti al nostro stato positivo: la rottura è stata una buona decisione. Se, sfortunatamente, stiamo lottando nelle nostre vite per qualsiasi ragione due anni più tardi, ora guardiamo indietro e comprensibilmente ci chiediamo se abbiamo fatto la scelta giusta, chiedendoci se saremmo in un posto migliore ora se non avessimo intrapreso quella strada.

Se stai interrogando e rimpiangendo la tua decisione improvvisamente dopo un lungo periodo di tempo, guarda la tua vita attuale. Il tuo rimpianto è probabilmente un sintomo di qualcosa su cui devi lavorare e migliorare al momento.

D'altra parte, se il tuo rimpianto non è mai andato via o è più recente tra settimane o mesi di rottura – dove stai avendo dei ripensamenti, dove ti chiedi se eri troppo impulsivo, dove, dopo la tua furia della relazione muore, ti rendi conto che c'era qualcosa di forte e importante nella relazione che forse non dovrebbe essere buttato via, fare un passo indietro e decidere cosa fai e cosa non vuoi fare.

Ma prima di farlo, poniti questa difficile ma importante domanda: vuoi davvero fare lo sforzo di dargli un'altra possibilità perché ti preoccupi dell'altro e della relazione, o c'è il pericolo che tu stia cadendo nella modalità predefinita? Sei forse guidato, perché in realtà hai paura del futuro e trovi un'altra relazione, e quindi stai tornando indietro, anche se con sentimenti contrastanti, a quello vecchio? Se senti di essere alla deriva a causa della paura o della solitudine, potresti voler rimanere piantato dove sei e guardare avanti nel miglior modo possibile.

Ma se decidi nel tuo cuore che sì, devi dargli ancora un altro tentativo per vedere se può funzionare, o per essere in grado di andarsene davvero senza rimpianti, quindi vai avanti se la porta dell'opportunità è ancora aperta. Se lo fai, decidi in anticipo i tuoi criteri per il cambiamento: cos'è che tu e l'altro dovete concretamente fare in modo diverso. Quindi imposta un intervallo di tempo per lavorare sulle modifiche.

La ragione di questo è che è fin troppo facile "lavorarci su" e velocemente e semplicemente tornare ai vecchi schemi – essere "più gentili" per tre settimane, poi sprofondare nei sentimenti contrastanti che avevi prima di partire-sempre sperando che sarebbe migliorato anche se nessuno si sta davvero sforzando di farlo. Hai bisogno e vuoi lavorare contro l'autopilota. Sapere esattamente quello che entrambi state cercando di ottenere può aiutarvi a rimanere in pista. Una volta che è chiaro, metti giù la testa e concentrati su di te e sul tuo lato della relazione.

E quando raggiungi la fine del periodo di tempo, diciamo tre o sei mesi, alza la testa e vedi se le cose sono veramente su un percorso migliore. Altrimenti, puoi sperare di andartene con la sensazione di aver fatto davvero del tuo meglio.

E adesso…

Infine, se stai pensando di concludere una relazione nel prossimo futuro, potresti provare a incorporare alcune di queste idee nel tuo modo di pensare. I fini sono dolorosi perché il dolore è doloroso e le conclusioni di tutte le relazioni, indipendentemente dalle circostanze e dalla qualità, sono alla base del dolore. I rimpianti si aggiungono a questa sfida, aggiungendo bagaglio emotivo e dubbi che possono appesantire e bloccare il processo doloroso già doloroso.

Decidi ora cosa devi fare di più per andartene senza rimpianti.

Solutions Collecting From Web of "Come concludere una relazione senza rimpianti"