Come cambia il nostro corpo quando invecchiamo? (Parte 1)

"Non c'è differenza tra un giovane uomo e un vecchio finché sono entrambi seduti".

Mark Twain

L'invecchiamento normale in assenza di malattia è un processo straordinariamente benigno. Fisiologicamente, l'invecchiamento è essenzialmente l'erosione graduale ma costante dei sistemi di organi e della capacità intrinseca del corpo di riparare se stessa. In molti casi questa erosione è evidente solo durante i periodi di massimo sforzo o stress e molte persone continuano la normale attività quotidiana fino alla vecchiaia.

Dal momento che nessuno di noi può vivere per sempre, l'obiettivo generale è quello di mantenere il corpo in ordine, fino a quando tutto cade a pezzi alla fine della vita. Alla fine il corpo raggiunge un punto critico, di solito in età molto avanzata, quando problemi minori non possono essere superati e causare la morte della persona in un tempo relativamente breve. Ad esempio, l'infezione di un tratto urinario è di solito solo una seccatura per uno studente universitario, ma può essere il presagio di un serio declino in una persona di 85 anni. Di conseguenza, una persona sana che sta invecchiando normalmente sperimenterà spesso una malattia grave e un indebolimento solo nell'ultimo periodo di vita. Le eccezioni a questo ideale processo di invecchiamento sono in genere il risultato di malattie come malattie cardiache o cancro.

Questa serie di 4 blog esaminerà i principali cambiamenti fisici che puoi aspettarti dal tuo corpo che invecchia. Alcuni di questi cambiamenti possono influenzare il modo in cui gli altri ti percepiscono o il modo in cui percepisci te stesso, ma altrimenti hanno un impatto limitato sulla qualità della tua vita. Alcuni possono portare disagio o disagio che è generalmente gestibile se si è pronti e disposti a fare alloggi. Altri possono portare a impatti più sostanziali sulla qualità della vita.

Cambiamenti in altezza

Tutti noi perdiamo altezza mentre invecchiamo, ma c'è una grande variabilità sia nell'età di esordio che nel tasso di perdita. In media, la maggior parte delle persone perde circa due pollici all'età di 80 anni. Alcune di queste perdite si verificano nel torso a causa di cambiamenti nella postura, cambiamenti nella crescita delle vertebre, una flessione in avanti della colonna vertebrale e la compressione dei dischi tra le vertebre. Anche i cambiamenti alle gambe e ai piedi contribuiscono a questa perdita, compresa una maggiore curvatura delle anche e delle ginocchia, diminuzione dello spazio articolare nelle estremità e appiattimento degli archi nei piedi.

Cambiamenti nella composizione corporea

L'invecchiamento causa importanti cambiamenti nella composizione corporea e negli elementi strutturali dei tessuti. La proporzione del corpo che è costituita da grasso aumenta in media dal 14 al 30% tra i 25 ei 75 anni. Allo stesso tempo si verifica una diminuzione dell'acqua totale corporea (principalmente l'acqua al di fuori delle nostre cellule chiamata acqua extracellulare ), una sostanziale perdita di massa muscolare magra e una leggera diminuzione di ossa e visceri. Gli organi specifici mostrano perdite evidenti: il fegato e i reni, ad esempio, perdono circa un terzo del loro peso tra i 30 ei 90 anni. D'altra parte, la ghiandola prostatica raddoppia di peso tra i 20 ei 90 anni.

Questi cambiamenti sembrano essere influenzati da cambiamenti ormonali. Possono avere importanti implicazioni per la pianificazione nutrizionale e l'uso di farmaci. Ad esempio, una dose di un farmaco liposolubile come il diazepam (Valium®) rimarrà nel corpo di una persona anziana molto più a lungo di quanto rimanga in una persona più giovane perché il corpo della persona anziana contiene più grasso.

Cambiamenti nella pelle

I cambiamenti della pelle come le rughe sono una delle alterazioni fisiche più facilmente associate all'invecchiamento. Potrebbe sorprendervi che lo strato esterno della pelle, lo strato corneo, cambi molto poco con l'età. I principali cambiamenti si verificano a un livello più profondo. Il collagene, un elementare componente chimico della pelle e del tessuto connettivo, diminuisce con l'età. Anche la sua struttura cambia. Le fibre di collagene nella pelle più giovane mostrano una disposizione ordinata simile alle fibre in una corda. Queste fibre diventano più ruvide e più casuali con l'invecchiamento, finendo per assomigliare a una massa di spaghetti. È questo spostamento che provoca una perdita di elasticità e produce le rughe.

Inoltre, mentre invecchiamo, l'area di contatto diminuisce tra il derma, lo strato interno della pelle e l'epidermide, lo strato che lo copre. Ci sono anche riduzioni nel numero di cellule basali più profonde e cellule produttrici di pigmento, i melanociti, così come le cellule di Langerhans, quelle che provengono dal midollo osseo e forniscono assistenza al sistema immunitario. La riduzione di queste cellule colpisce nella pelle esposta alla luce solare e si ritiene che contribuisca allo sviluppo dei tumori della pelle dovuti al sole, sebbene non sia noto il loro effetto sul normale invecchiamento della pelle.

Cambiamenti nei capelli

I cambiamenti dei capelli giocano un ruolo importante nel modo in cui percepiamo l'invecchiamento, ma hanno un impatto molto limitato sulla qualità della vita. L'ingrigimento dei capelli deriva da una progressiva perdita di cellule pigmentate (melanociti) dai bulbi piliferi. Anche se l'ingrigimento dei capelli sulla testa può verificarsi in età relativamente giovane, si ritiene che l'ingrigimento dei capelli sotto l'ascella sia uno dei segni più affidabili dell'invecchiamento.

Ci sono anche cambiamenti associati all'età nel tasso di crescita dei capelli e la quantità di capelli su varie parti del corpo. Il numero di follicoli piliferi sul cuoio capelluto diminuisce con l'età e il tasso di crescita del cuoio capelluto, dei peli pubici e delle ascelle tende a diminuire. Gli uomini anziani spesso hanno una crescita accresciuta di sopracciglia, narici e peli dell'orecchio, e le donne anziane vedono talvolta un'aumentata crescita di peli sul viso, probabilmente a causa di cambiamenti ormonali.

Cambiamenti nei muscoli e nelle ossa

La maggior parte delle persone perde una notevole quantità di muscoli con l'età. In generale, i muscoli diminuiscono in forza, resistenza, dimensioni e peso rispetto al peso corporeo totale. Tuttavia, l'insorgenza tardiva di questi cambiamenti e il loro imprevedibile tasso di comparsa suggeriscono che potrebbero non essere dovuti all'invecchiamento, ma piuttosto a causa di inattività, carenza nutrizionale, malattia o altre condizioni di vecchia data. Curiosamente, sia il diaframma che il cuore, due muscoli che lavorano ininterrottamente per tutta la vita, sembrano essere relativamente invariati con l'invecchiamento.

Sperimentiamo anche cambiamenti nella cartilagine, la sostanza flessibile e ammortizzante che fornisce la superficie lubrificante della maggior parte delle articolazioni. La diminuzione del contenuto di acqua e i cambiamenti nella struttura e nella chimica della cartilagine possono ridurre la capacità della nostra cartilagine di riprendersi durante lo stress ripetitivo mentre invecchiamo.

La perdita ossea è un aspetto universale dell'invecchiamento che si verifica a tassi altamente individuali. Mentre la crescita e il rimodellamento osseo si verificano per tutta la vita, con l'avanzare dell'età la crescita dell'osso rallenta e l'osso inizia a ridursi e diventa più poroso. Anche il reticolo interno delle ossa perde i suoi supporti orizzontali, il che ne compromette significativamente la resistenza.

Il cranio, d'altra parte, sembra addensarsi con l'età. Questa crescita è più evidente nel profondo del cranio e nei seni frontali. Anche la crescita ossea è stata dimostrata in età avanzata nelle costole, nelle dita e nel femore. Anche i cambiamenti nell'anca possono essere importanti, perché la crescita nella metà dell'osso si traduce in un osso più largo ma più debole.

Condizionamento, nutrizione, ormoni e malattie hanno un'influenza significativa sulla degenerazione di muscoli e ossa con l'età. Il condizionamento è il più significativo perché il disuso o il sottoutilizzo accelera il declino delle strutture ossee e muscolari. I blog precedenti hanno esplorato come l'esercizio e la nutrizione possono aiutarti a mantenere la forza nei muscoli e in altri sistemi corporei.

Solutions Collecting From Web of "Come cambia il nostro corpo quando invecchiamo? (Parte 1)"