Come badare a te stesso

Ci sono momenti nella vita in cui le cose si disgregano, quando perdiamo qualcosa di profondamente importante, qualcosa che ci ha fatto sentire connessi, radicati o sicuri. A volte un sacco di cose si sfaldano allo stesso tempo. Ci sono momenti nella vita, per tutti, quando ci si sente come se tutte le nostre reti di sicurezza venissero tagliate, e siamo spogliati di tutto ciò che abbiamo considerato il nostro fondamento.

Un mio amico ha recentemente divorziato. La fine del suo matrimonio è arrivata, come molti fanno, con grande incomprensione e dolore. La parte peggiore era che si sentiva come se il suo migliore amico, il suo ex marito, si fosse trasformato in qualcuno che non conosceva e che sembrava odiarla, il che creava grande dolore e sentimenti di impotenza. Adesso era una donna single di 50 anni con la sensazione che nulla nella vita potesse essere contato. Se questa rottura potesse accadere quando le sue intenzioni erano state così buone, con qualcuno che aveva amato così profondamente e con tanta onestà, allora il mondo era sicuramente un posto pericoloso. Non c'era terreno da trovare, niente che la radicasse in un senso di sicurezza. Si sentiva del tutto sconvolta, terrorizzata, come se stesse fluttuando in una capsula spaziale che aveva perso il contatto con il suo centro di comando terreno.

Non aveva idea di come andare avanti.

Quello che il mio amico ha fatto dopo è quello che molti di noi fanno quando siamo in una situazione di profonda sofferenza: è passata alla modalità azione. Ha iniziato a fare progetti per incontrare il prossimo uomo, per tornare alla vita. Si unì ai gruppi di "meetup", registrati con siti di incontri, chiamò tutti quelli che sapeva per scoprire chi sapevano che avrebbe potuto gradire. Ha acquistato abbonamenti a riviste che elencavano le attività sociali nella sua città, si sono iscritte a nuovi corsi e si sono "tirate fuori" in ogni modo. Nessuna pietra "successiva" è stata lasciata nulla.

Come il mio amico ha reagito alla sua tristezza e la paura è molto normale, molto umana. Quando ci immergiamo in azione feroce come risposta alla sofferenza, stiamo davvero solo legando per far sparire i cattivi sentimenti, e quindi prenderci cura di noi stessi. Vogliamo sentirci meglio, quindi abbiamo deciso di capire come farlo accadere. Ci sentiamo impotenti, quindi ci potenziamo con i passaggi di azione. In realtà, non c'è nulla di sbagliato – e molto giusto – nel fare le cose per farci sentire meglio quando stiamo soffrendo.

Eppure, l'approccio di azione molto normale del mio amico manca di un ingrediente cruciale: non consente che i nostri sentimenti reali (e quindi il nostro sé) siano inclusi nella nostra esperienza. Mentre tentavamo febbrilmente di cambiare i nostri sentimenti, ciò che viene lasciato fuori dal processo è sentire ciò che sentiamo realmente.

Quando sperimentiamo una grande perdita o un trauma emotivo, di solito non sappiamo cosa fare, o come migliorarlo, quale sarà il percorso per migliorare e come si realizzerà. Oltre a permettere a noi stessi di provare la tristezza, l'impotenza e la paura che la perdita porti, è anche profondamente importante permetterci di sentire cosa vuol dire non avere una risposta, e non sapere come faremo a cambiare la situazione e rimediare al nostro dolore Possiamo ricordare a noi stessi che la situazione e le sensazioni cambieranno, come sempre, ma che proprio ora , in questo momento, possiamo darci il permesso di non sapere cosa fare.

Per noi Type A's, e anche Type B's e C's, permettere la sensazione di non sapere come aiutarci può essere molto difficile e spaventoso. Eppure, il permesso di non sapere è un dono profondo per noi stessi e un atto di profonda cura di sé. A volte, questo da solo può alleviare la sofferenza e prendersi cura del nostro dolore, senza fare nient'altro.

La sofferenza, per quanto terribile ci si senta di attraversare, è la nostra maestra. Ma può insegnarci solo se permettiamo che venga percepito. Tristezza, paura, non conoscenza: tutte le emozioni difficili, quando sperimentate, cambiano chi siamo, che ironicamente è ciò che stiamo cercando di ottenere quando corriamo freneticamente cercando di aggiustare i nostri sentimenti dolorosi. Quando permettiamo ai nostri veri sentimenti di essere qui, così come sono, ci offriamo un caldo abbraccio e la gentilezza della nostra presenza compassionevole. Siamo d'accordo di stare con noi stessi, mantenerci in compagnia in ciò che stiamo vivendo veramente.

Mentre è contrario a come siamo condizionati in questa cultura per rispondere alla sofferenza, il semplice atto di lasciarci sentire come ci sentiamo è l'atto che è davvero più utile sia nella guarigione che nel generare cambiamenti. Permetterci di essere tristi calma la tristezza. Permettendo a noi stessi di avere paura, calma la nostra paura. Permettendo a noi stessi di non sapere come risolvere il nostro dolore, lenisce l'ansia di doverlo aggiustare. Permetterci di essere ciò che siamo, così come siamo, ci permette di sentirci profondamente amati, benvenuti nella nostra vita, e non da soli.

Quando ci permettiamo di sentire come ci sentiamo, troviamo la compagnia della nostra presenza , che alleggerirà sempre la nostra sofferenza.

 

Copyright 2014 Nancy Colier

Solutions Collecting From Web of "Come badare a te stesso"