Come avere conversazioni migliori con i tuoi figli

"Com'è andata a scuola oggi?" "Bene."

"Che cosa hai fatto?" "Roba."

Perché i bambini non vogliono parlare con noi dei loro cattivi sentimenti? Perché sono così spesso difensivi e non comunicativi, riluttanti persino a riferire eventi banali del giorno?

Perché così spesso ci dicono, quando sappiamo chiaramente il contrario, che "tutto va bene?" Perché i bambini piccoli mettono le dita nelle orecchie, o ci gridano, ignorano le nostre domande o ci dicono: "Io sono non te lo dirò. "Perché si rifiutano così spesso di ascoltare ciò che abbiamo da dire?

Nel post di oggi, vorrei condividere alcune lezioni, raccolte dalla mia esperienza di terapeuta infantile, su come possiamo coinvolgere bambini e adolescenti nel dialogo, come possiamo ascoltarli e aiutarli ad ascoltarci, con meno difese e meno discussioni .

Molto spesso, il silenzio di tuo figlio è un comportamento istintivo di autoprotezione, evocato dall'anticipazione di sentimenti dolorosi. I bambini non vogliono parlarci quando si arrabbiano o si vergognano; o quando hanno paura che saremo critici; o quando credono che parlare li farà solo sentire di nuovo male, o si sentiranno peggio. Se lo lasciassimo in pace, crede, i suoi sentimenti negativi andranno via.

Anche quando non c'è nulla di veramente sbagliato, quando facciamo una domanda a un bambino, egli può sentire più della nostra domanda. Sente le sfumature, le implicazioni, le nostre domande. Può sospettare che molte delle nostre domande neutrali non siano realmente neutrali (ad esempio, quando chiediamo della sua giornata a scuola) e potrebbe chiedersi, perché me lo chiedi?

Cosa possiamo fare?

Ecco alcune raccomandazioni che sono state utili a molti genitori nello sviluppo di una comunicazione più aperta con i loro figli.

Esprimere interesse entusiastico per gli interessi del bambino, anche se questi non sono gli interessi che sceglieresti. Questo è il modo più sicuro per coinvolgere i bambini nel dialogo e un primo principio di rafforzamento delle relazioni familiari.

Riconoscere le proprie frustrazioni, delusioni e lamentele. In terapia, quando un bambino è scontroso e non comunicativo, se le chiedo di parlarmi di ciò che è ingiusto nella sua vita, si aprirà quasi sempre. Come genitori, possiamo dire ai nostri figli "So che ritieni che non fosse giusto quando …" O, "So che eri davvero deluso quando …" O, "So che eri davvero frustrato e arrabbiato quando …"

In questi momenti, stiamo facendo molto di più che aiutare i bambini a parlare con noi dei loro sentimenti. Li stiamo anche aiutando a capire che le delusioni, in se stesse e negli altri, fanno parte della vita e che i sentimenti di rabbia e ingiustizia non durano per sempre. (Discuterò l'importanza di questi momenti – per i nostri rapporti con i nostri figli e per la loro salute emotiva – in un post futuro.)

Condividi storie personali. Parla con i tuoi figli delle esperienze nella tua vita, specialmente in momenti di tristezza, ansia e delusione. Fai loro sapere che sai come si sentono, perché hai anche avuto questi sentimenti.

Quando c'è un problema ricorrente nella tua vita familiare, recluta tuo figlio nella risoluzione dei problemi. Chiedile le sue idee. Puoi dire, ad esempio, "Un sacco di volte, abbiamo un problema al mattino, quando è ora di prepararsi per la scuola. Cosa pensi che possiamo fare per questo? "

La maggior parte dei bambini, soprattutto se iniziamo con qualche apprezzamento dei loro sentimenti e preoccupazioni, partecipa con entusiasmo a questo processo e molti genitori sono piacevolmente sorpresi dalla ragionevolezza delle soluzioni offerte dai loro figli.

Riconosci i tuoi errori. Se siamo disposti a riconoscere i nostri errori, i nostri figli saranno più propensi a possedere il loro. Dovremmo dire, ad esempio, "So che ero molto arrabbiato con te prima. Forse mi sono arrabbiato troppo . "

Quando hai bisogno di criticare, criticare pensosamente e delicatamente. Quando parli con tuo figlio di un problema, dille che cosa è giusto su ciò che sta dicendo prima di dirle cosa c'è che non va.

Metti da parte 10 minuti, ogni sera prima di andare a letto, come un tempo per parlare, un tempo per ascoltare le preoccupazioni di tuo figlio e condividere storie. Se lei dice che non ha nulla di cui parlare, dille qualcosa che è successo ai tuoi giorni, forse un momento di eccitazione o frustrazione, o un momento di umorismo. Chiedile qualcosa che non vede l'ora o che si preoccupa per il giorno successivo

I bambini attendono questi momenti, proprio come fanno le opportunità di gioco. Spesso, quando i genitori mettono da parte questo tempo per ascoltare e parlare con i propri figli, segnalano un immediato miglioramento dell'umore e del comportamento del loro bambino.

Dagli tempo. Quando parli di qualsiasi problema, è importante dare tempo al tuo bambino. Non provi, in quel momento, a insistere su una risposta. Questo può essere particolarmente importante per i ragazzi, che spesso hanno bisogno di più tempo per abbandonare la loro difesa riflessiva. Puoi dire, ad esempio, "OK, capisco come ti senti. Parliamone di nuovo domani e vediamo se possiamo inventare nuove idee. "

Infine, fai attenzione a come parli degli altri . Se giudichi spesso gli altri, i tuoi figli potrebbero diventare ansiosi di essere anche critici e giudicanti di loro.

La riluttanza di un bambino a parlare con noi è un problema comune sia per i genitori che per i terapeuti infantili e rimane la nostra nemesi persistente. Tuttavia, se siamo pazienti e tolleranti ai loro errori; se riconosciamo ciò che sentono è ingiusto nelle loro vite; se parliamo delle nostre delusioni e frustrazioni; e, soprattutto, se esprimiamo un entusiasmo per i loro interessi e preoccupazioni, anche i bambini scontrosi e disorientati si apriranno.

Nel tempo, possiamo quindi aiutarli a capire che, anche se non è sempre facile, parlare di cattivi sentimenti è una cosa normale e utile da fare.

Solutions Collecting From Web of "Come avere conversazioni migliori con i tuoi figli"