Come ascoltare in modo che i bambini parlino di bullismo

Negli ultimi anni in cui ho lavorato come consulente scolastico e parlato con professionisti, genitori e studenti negli Stati Uniti sul tema della Prevenzione del bullismo, una delle osservazioni che mi ha colpito di più è che i genitori, in generale, sono molto desiderosi di parlare di bullismo mentre i loro figli, d'altra parte, sembrano voler fare qualsiasi cosa se non parlare ai loro genitori di questo argomento. Più genitori fanno leva, più bambini si ritirano. Più i genitori spingono, i bambini più difficili spingono indietro, con scuse, minimizzazioni, improvvisi cambi di soggetto, stonewalling, silenzio e, a volte, persino la completa negazione che esista un problema tra pari.

Perché così tanti giovani sono così restii a parlare con i loro badanti del bullismo? Più faccio questa domanda agli studenti, più spesso mi dicono alcune versioni di questa logica frustrata:

" Se lo dico ai miei genitori, ne faranno un grosso affare e diranno a tutti cosa mi sta succedendo."

O

"Se lo dico ai miei genitori, correranno a scuola per cercare di incontrare il preside, il che sicuramente farà peggiorare le cose per me."

Cosa possono fare i genitori, i badanti, gli educatori e altri adulti fidati per aiutare un giovane a sentirsi al sicuro abbastanza da confidarsi in una situazione di bullismo? Come puoi far sentire il tuo bambino supportato, invece che imbarazzato o in via di estinzione, abbastanza da dirti quando hanno veramente bisogno del tuo aiuto?

Quando chiedo ai bambini in età scolare come vorrebbero che i loro genitori rispondessero quando parlano di una situazione di bullismo, le risposte sono quasi universali. Più comunemente, i bambini mi dicono: "Vorrei solo che ascoltassero". Questo è frequentemente seguito da "Vorrei che mi dessero qualche consiglio, ma lascia che provassi a gestirlo da solo."

Quelle che seguono sono cinque linee guida per genitori e professionisti su come ascoltare bene e rispondere in modo utile quando un giovane riporta un episodio di bullismo:

1. Stai calmo
Prima di tutto, quando un giovane fa il salto della fede per parlarti di una situazione di bullismo, stai calmo. Evitare di andare fuori di testa. Le dinamiche che descrivono possono essere molto banali o possono essere completamente terrificanti, ma in ogni caso, il tuo ruolo di adulto utile è ascoltare bene e rispondere come se la situazione fosse completamente gestibile. La fermezza della tua risposta farà molto per modellare l'attitudine del bambino mentre voi due cominciate ad andare avanti verso le soluzioni.

2. Esprimi la simpatia
Successivamente, è utile esprimere simpatia al bambino. Qualcosa di semplice come "Mi dispiace che ti stia accadendo" fa molto per segnalare al giovane che le dinamiche che hanno descritto non sono solo una parte "normale" del crescere e che ti senti male di avere stato sul lato ricevente della crudeltà.

3. Grazie al bambino
In terzo luogo, ringrazia il bambino per aver trovato la forza di raccontarti dell'incidente (s). Riconoscere il coraggio necessario per superare la paura, l'imbarazzo e l'insicurezza è un'affermazione importante. Inoltre, solo quando un bambino parla di una situazione, un adulto ha l'opportunità di contribuire a fare qualcosa al riguardo. Anche questo è qualcosa per cui esprimere gratitudine. Un messaggio efficace può sembrare semplice, "So che deve averti preso molto coraggio per parlarmene. Grazie per avermi affidato a qualcosa di così difficile. "

4. Incoraggiare la risoluzione dei problemi
L'ultimo elemento importante quando un bambino ha confidato a una situazione di bullismo è iniziare il processo di potenziamento del problem-solving. Poiché è utile dare ai bambini un senso di appartenenza e controllo su entrambi i problemi e le soluzioni, gli adulti dovrebbero offrire incoraggiamento, come ad esempio: "Non devi attraversarlo da solo. Lavoriamo insieme per elaborare strategie realistiche per gestirlo ", ma lascia che il giovane prenda l'iniziativa nella realizzazione di specifiche.

Detto questo, è certo che alcuni giovani, traboccanti di rabbia e frustrazione, possano inventare idee che non suonano né ragionevoli né, be ', legali. Altri giovani, abituati agli adulti a risolvere ogni loro problema, possono esprimere risentimento per essere sfidati a trovare soluzioni. In entrambi i casi, il lavoro dell'adulto è continuare a sostenere il bambino, ascoltare i suoi pensieri e sentimenti in corso e assicurargli costantemente che lavorerai insieme per trovare soluzioni costruttive. Gran parte della frustrazione di un bambino in una situazione di bullismo ha a che fare con sentimenti di impotenza; il ruolo dell'adulto è quello di aiutare il bambino a reclamare sentimenti di potere e controllo attraverso questo processo di ascolto, supporto, affermazione e riflessione attraverso soluzioni.

5. Follow-up
Infine, seguire un bambino dopo una conversazione sul bullismo è fondamentale. Proprio come il bullismo non è contrassegnato da un singolo atto di crudeltà, né una conversazione utile tra un adulto e un bambino di solito risolve l'intero problema. L'adulto dovrebbe essere sicuro di fare il check-in con il giovane in modo coerente dopo la conversazione iniziale per confermare il benessere fisico ed emotivo del bambino, trasmettere supporto continuo, parlare di come le strategie identificate stanno funzionando, ricalibrare le idee che non sono state utili, e generalmente affermare la connessione che è stata stabilita.

Signe Whitson è uno specialista di scuola sociale certificata, educatore nazionale per la prevenzione del bullismo e autore di sei libri, tra cui il nuovissimo libro da 8 chiavi per terminare il bullismo per bambini e ragazzi e le sue domande per l'officina o per saperne di più, visita www.signewhitson.com. Segui Signe su Twitter @SigneWhitson.

Solutions Collecting From Web of "Come ascoltare in modo che i bambini parlino di bullismo"