Come Alex Woodard sta costruendo una cultura dell'empatia

"Così ogni anno ti scrivo questa lettera;

Ma come una preghiera, è più per il mittente "

"Per il mittente" di Alex Woodard

Provided by Alex Woodard
Fonte: a cura di Alex Woodard

A volte aiuta a vedere il mondo attraverso gli occhi degli altri.

Alex Woodard ha appena completato la terza installazione di una serie di combinazioni di libri e album in tre parti intitolata For The Sender, tra cui la più recente For the Sender: Love Letters dal Vietnam , che ha ricevuto recensioni entusiastiche, tra cui recensioni di Huffington Post e The Good Men Progetto. Parte del motivo è l'approccio di romanzo di Woodard – ha scritto canzoni basate su lettere inviate dai suoi fan sulle loro esperienze personali.

Per realizzare ciò, Woodard aveva bisogno di capire il mondo dal punto di vista dei suoi fan e dei loro cari che spesso affrontavano orribili eventi della vita come la morte e la guerra. E così facendo, Woodard ci mostra che avere empatia non solo aiuta gli altri, ma ci ispira anche a crescere piuttosto che a uscire dalla tragedia.

L'assunzione di prospettiva è la misura in cui un individuo può percepire il mondo dal punto di vista di un'altra persona. Questa è considerata un'abilità critica nello sviluppo dell'empatia, la capacità di comprendere ciò che qualcun altro sta provando, che è considerato cruciale per le interazioni umane, comprese le relazioni personali e professionali. Ad esempio, uno studio longitudinale condotto su più di 100 coppie ha rilevato che livelli più elevati di empatia predicono una migliore qualità del matrimonio, in parte perché le persone empatiche hanno maggiori probabilità di perdonare.

Per Woodard, la strada per vedere il mondo più dalla prospettiva degli altri è arrivata sul punto forse il punto più basso della sua vita personale e professionale. Mi disse: "Sono stato a questo concerto di cantautori per molti anni e ho avuto un certo successo per andare avanti. Ma in questa particolare estate, il mio contratto discografico è andato a pezzi perché la mia casa discografica era di proprietà della Tower Records. La torre ovviamente non è più in giro – sono andati in bancarotta ".

Quella stessa estate, il cane di Woodard morì. "E poi avevo perso il mio migliore amico: un laboratorio nero. E quel cane era stato in viaggio con me per tutti quegli anni; un solido dieci, dodici anni almeno. "

Con queste perdite, Woodard si sentì molto vuoto e cominciò a mettere in discussione la sua carriera musicale. "Mi stavo spingendo da così tanto tempo, giusto? Quando sei in quel business ti stai vendendo. Stai vendendo le tue canzoni e il tuo viso e la tua voce, per così dire. E tutto sembrava come se fosse stato per niente. "

Mentre Woodard era nel profondo della sua disperazione, ricevette una lettera da un fan di nome Emily. È stata commossa dal modo in cui ha condiviso le sue storie personali attraverso la sua musica e ha deciso di condividere la sua storia personale con lui. Woodard ha spiegato: "Sentiva che le mie canzoni erano pezzi di me stesso che stavo uscendo per il mondo. E lei voleva darmi qualcosa in cambio ", ha detto.

Emily ha spiegato come aveva scritto lettere annuali al suo defunto sposo negli ultimi quattro o cinque anni dalla sua morte. Woodard ha spiegato, "E così con questa nota per me ha incluso questa lettera che aveva scritto alla sua anima gemella, che lei fa ogni anno da quando era morto e lei l'avrebbe lasciato in un posto speciale … Non era un lettera triste di per sé. Era un 'Ehi, ecco cosa sta succedendo con me. Questo è quello che ho fatto l'anno scorso e mi manchi e spero che tu stia bene ovunque tu sia. "

Woodard è stato spostato e ha condiviso la lettera con altri amici musicisti. "Era così bello che l'ho mostrato al mio amico Sean Watkins e abbiamo scritto una canzone insieme su quella lettera. E lo abbiamo chiamato "Per il mittente" perché c'è una battuta nella canzone che dice: "Per ogni anno ti scrivo questa lettera; ma come una preghiera, è più per il mittente. '

Woodard ha spiegato la logica alla base della denominazione della canzone. Ha detto: "Poiché molto di ciò che facciamo – che si tratti di lettere o canzoni – qualunque cosa stiamo dando ad altre persone in generale – lo stiamo facendo di più per noi stessi. E questo non è necessariamente egoistico – è il caso di questa lettera. Lo sta scrivendo da sola perché il ragazzo non è più nei paraggi. "

Col passare del tempo, ha ricevuto più lettere da questo fan e da altri e ha iniziato a collaborare con i suoi amici alle canzoni. "Ho fatto la cosa del cantautore del cantante ed è soprattutto la tua roba – le tue storie, il tuo dolore. E forse qualcuno si connette a quello perché hanno provato lo stesso dolore, rabbia, gioia – qualunque cosa. Una volta che l'ho lasciato andare e fatto qualcun altro, tutto il mondo si è aperto ", ha detto. "Perché mi piaceva la sensazione di fare qualcosa per qualcun altro e non riguardava più me. Non era la mia storia. "

"Ed è stato così liberatorio per me."

Woodard ha perpetuato il ciclo del dare mandando le canzoni sia ai fan che agli altri nella comunità. "Ho immaginato, come ringraziamento, di avvolgere le storie secondarie e le mie storie un po 'attraverso le lettere e di metterle in un pacchetto e darli alle persone che mi hanno mandato le lettere come ringraziamento. E non sapevo cosa fosse – era un album? Era una specie di concerto? Era un libro? Finì per essere tutti e tre. E prima che me ne accorgessi, ho avuto questo tre album / album ".

Il primo libro e album, Four Letters, Twelve Songs, One Story, esaminò le lettere di Emily e aprì Woodard fino a vedere il mondo dal punto di vista degli altri. Nel suo secondo libro, Love is (Not a Feeling), ha esplorato lettere di persone che si sono prodigate per aiutare altri bisognosi, tra cui la storia di un uomo che porta a casa il suo amico morente. Un ragazzo che prende una pallottola per i suoi compagni di classe e un padre con un cancro al cervello che aiuta suo figlio a realizzare un sogno. E fu lì che Woodard cominciò a rendersi conto che la comprensione non era abbastanza – sentiva di dover agire.

"Nel secondo libro che è l'obiettivo – è quello che fai che conta. Per me il fare era scrivere canzoni sulle storie di altre persone per farle sentire meglio. È così che la mia empatia si è materializzata ".

E ha messo in pratica questo ethos nel suo terzo libro, Love Letters from Vietnam , che ha aiutato Woodard a capire come il progetto For the Sender ha avuto un impatto su di lui. "Mi sono reso conto di tutto questo progetto una volta che ho finito questo terzo libro che trattava molto con veterani e uomini e donne che tornavano e non trovando i servizi di cui avevano bisogno, a volte trovando ciò di cui avevano bisogno in modo creativo e facendo qualcosa di straordinario con esso . Giocare le carte che sono state distribuite. "

Woodard ha valutato con precisione la gravità del problema che affliggono i veterani. Molti veterani affrontano una serie di problemi di salute fisica e mentale, come trauma cranico, depressione e disturbo da stress post-traumatico. Queste problematiche sono spesso aggravate dalla difficoltà nel trovare un impiego e dallo stress finanziario associato. Inoltre, i veterani e le loro famiglie spesso non hanno un'assicurazione sanitaria adeguata e spesso non hanno accesso alle cure.

Parte del motivo per cui Woodard ha avuto un'esperienza così potente con il suo terzo libro e album è stata la sua profondità di preparazione. "L'ultimo non è stato così liberatorio. Mi sono reso conto dopo aver letto la corrispondenza che era semplicemente incredibile tra questa figlia indietro nel tempo a suo padre che era in Vietnam. Quello che ho capito è stato quando ho provato a scrivere canzoni su questo, specialmente riguardo al soldato, non avevo idea di cosa fosse. Non sapevo nulla di veramente sulla guerra o sulla guerra del Vietnam in particolare o quell'era ".

"Così mi sono seduto sul divano e avevo bisogno di prendere un po 'la chitarra – e non potevo farlo."

Woodard ha cercato esperienze che aiutassero meglio a prepararlo per il suo lavoro. "Ho sentito la responsabilità di saperne di più. Mi sentivo così ignorante. Quindi per me onorare il modo migliore che potevo, sentivo che avevo bisogno di imparare tutto ciò che potevo. E ho detto che lo dovevo a questo soldato, a tutti gli altri veterani che sono tornati da tutte queste guerre per sapere che diavolo – tipo di – sto parlando. "

Ciò aumentò l'interesse di Woodard per la storia dei soldati americani in generale. "Quando ho iniziato a farlo ho capito – non solo il Vietnam – via del ritorno – in tutte le nostre guerre che queste persone hanno combattuto per proteggere la mia libertà di essere ignorante", ha detto Woodard. "L'hanno fatto, quindi non devo proprio conoscere gli orrori e non devo sapere cosa hanno passato perché hanno fatto quel sacrificio. E quindi questa è stata una grande parte di questo processo per me. Ho passato un sacco di tempo ed energie nel cercare di imparare il più possibile su di loro in modo da poter onorare quelle lettere e lui ".

"Così ho passato un mese e mezzo solo a fare ricerche – la guerra del Vietnam in particolare. Ricercando quello e il tempo, l'era – 1968 – fu quando queste lettere provenivano dal Vietnam al Texas orientale. Perché volevo sapere il più possibile. Mi sono messo più a fondo nelle altre persone che facevano parte di quell'epoca, così ho potuto scrivere meglio dal punto di vista di questo soldato. "

"Se ho intenzione di cantare dal suo cuore, voglio essere sicuro che lo sto facendo con la stessa precisione, empatia e informazioni che potrei eventualmente raccogliere".

L'esperienza di Woodard con Love Letters dal Vietnam è stata più potente grazie a questa ricerca. "Era la prima volta che facevo qualcosa del genere. Con tutte queste altre lettere ho ottenuto abbastanza dalla lettera ", ha detto. "Dove posso sentire cosa provava questa persona e posso inserirla in una canzone o in una sorta di prosa".

Fu allora che Woodard riconobbe un'importante lezione da tutti e tre i progetti "Per il mittente": le persone affrontano la tragedia in modi innovativi e creativi.

Woodard ha spiegato: "Ho scritto di persone che escono dalle ceneri. Ma non mi ha mai colpito davvero fino a questo terzo libro. Mi sono reso conto che l'intero progetto riguardava l'idea che ci possa essere qualcosa di post-traumatico diverso da un disturbo. Perché tutte queste lettere in tutti questi anni riguardavano le persone che stavano attraversando un evento traumatico, ma poi facevano qualcosa di incredibile. "

"Per me, nel terzo romanzo ruotava attorno a surf, cavalli e cani, perché quelle sono le mie passioni. Ho trovato sbocchi in cui i veterani stavano usando quelle cose sia nei sensi tradizionali attraverso programmi e sensi non tradizionali, solo per conto loro, per guarire. Ma ho iniziato a fare volontariato, senza dire molto. Non ho parlato molto, sono andato e ho fatto questa roba ".

Mentre Woodard iniziava a comprendere la natura profonda della lotta che affronta i veterani e i loro tentativi di far fronte, cominciò a rendersi conto che molte persone non avevano empatia per i nostri soldati. Questo non andava bene con Woodard.

Ha spiegato, "Una delle cose che mi ha innescato quando ho iniziato a indagare su questo era online sulla guerra del Vietnam e scorrere la sezione dei commenti e vedere cosa dicono e come lo dicono dietro questi alias che creano dove non lo fanno devono essere responsabili. E quanto sono arrabbiati e attaccanti. Questo è l'opposto dell'empatia. Il vetriolo è incredibile. "

Dal punto di vista di Woodard, questo vetriolo spesso deriva da un senso di diritto. "Il senso del diritto è ciò che si intromette la maggior parte delle volte. Perché le persone sentono che si tratta di "me". Una delle cose belle di internet è una delle cose più brutte di internet. Che è che dà a tutti una voce. Non meriti una voce se è così che sarai. Se non metti il ​​tuo nome lassù e ti nascondi dietro uno schermo e non contribuisci con niente al mondo. "

Detto questo, Woodard trova ancora un modo per provare empatia per coloro che ritiene crudeli con gli altri. "Quando qualcuno è uno stronzo, riconosci che sono uno stronzo. Ma penso anche a quale tipo di carico sia la persona che trasporta ", ha spiegato. "Quella persona ha qualcos'altro che non è un cretino in questo momento. Sta succedendo qualcos'altro E non sempre conosciamo le storie delle persone; il ragazzo on line all'aeroporto, o il tizio che ti ha tagliato sulla superstrada. Non ti costringe a tagliarti bene, ma potrebbero tagliarti perché stanno andando a un funerale e sono in ritardo. Chissà? Non lo sai. "

Woodard spera che creiamo più di una cultura grazie alla quale il comportamento empatico viene premiato. Ha detto: "Ciò di cui stiamo parlando è una cultura dell'empatia che è assente. Mi chiedo se l'empatia sia vista come debolezza e le persone non vogliono essere deboli.

Ma in qualche modo la nostra capacità di essere empatici con gli altri – semplicemente non lo onoriamo nella società. Noi non lo rispettiamo. Non siamo pagati per questo. Non riceviamo premi. Non otteniamo riconoscimento. "

Alla fine, Woodard sente di aver imparato il dono dell'empatia e di aiutare gli altri come qualcosa che lo ha aiutato a crescere. "Ho raccontato la mia storia nel primo libro. Ma non era più per me. E ho lasciato andare così tanto, specialmente nella prima versione del progetto … È stato un po 'come staccare un po' la mano dal volante e lasciarla andare. Hai lasciato andare il sé. "

"E quando lasci andare te stesso, accadono cose incredibili."

Michael Friedman, Ph.D., è uno psicologo clinico a Manhattan e membro del comitato consultivo medico di EHE International. Segui Dr. Friedman su Twitter @DrMikeFriedman e EHE @ EHEINT.

Solutions Collecting From Web of "Come Alex Woodard sta costruendo una cultura dell'empatia"