Come aiutare le donne con disturbi dell'umore e dell'ansia perinatale

Di Sarah Best, LMSW

Photographee.eu/Shutterstock
Fonte: Photographee.eu/Shutterstock

Disturbi dell'umore e dell'ansia perinatale (PMAD) sono la complicanza più comune della gravidanza, che colpisce fino a 1 su 5 donne in età fertile. Sebbene la consapevolezza pubblica della depressione postpartum (PPD) sia aumentata negli ultimi anni, molte persone – compresi i terapeuti – non sono ancora consapevoli del fatto che i PMAD comprendono una serie di disturbi emotivi, tra cui depressione maggiore, ansia generalizzata, DOC, disturbo di panico e PTSD. I sintomi variano in gravità, da fastidioso a debilitante, e i PMAD possono svilupparsi durante la gravidanza o in qualsiasi momento durante il primo anno dopo il parto.

Come terapeuta dello staff presso il Seleni Institute di New York, fornisco assistenza alle donne con una gamma di diagnosi di PMAD. I miei colleghi ed io utilizziamo l'ultimo corpo di ricerca per adattare interventi terapeutici basati su evidenze specifiche per ogni singola diagnosi PMAD di ogni cliente. Ad esempio, gli interventi usati per trattare l'ansia generalizzata postpartum differiscono significativamente da quelli usati per il trattamento del disturbo ossessivo postpartum.

Ma nel corso di migliaia di ore di trattamento di donne in gravidanza e dopo il parto, ho appreso che alcune strategie sono essenziali per il trattamento efficace dei PMAD, indipendentemente dalla diagnosi o dal trattamento raccomandato. Funzionano così bene che non sono più sorpreso quando una donna che si sta riprendendo si prepara a lasciare il trattamento e condivide che una delle seguenti strategie ha fatto la differenza più grande nella sua strada verso il benessere:

1. Normalizza e destigmatizza. Le donne incinte e post partum sono bombardate dai messaggi della società su come "dovrebbero" pensare e sentire. Dalle pubblicità per pannolini ai commenti non richiesti degli estranei alle reminiscenze della propria madre, le donne sentono che dovrebbero essere euforiche, grate e soddisfatte in gravidanza e in nuova maternità. Ma questo non è sempre il caso. Anche quando una donna non sta vivendo un PMAD, la gravidanza e la maternità precoce spesso possono essere scomode, noiose e persino terrificanti. E quando una donna è dura con se stessa per sentirsi in questo modo, la aiuterò a capire che non è sola, anche se questi pensieri e sentimenti non sono il genere di cose di cui le mamme parlano nel parco giochi.

Oltre a rassicurare le donne che è normale sentirsi ambivalenti durante la gravidanza e la maternità, istruisco anche ogni donna sulla sua particolare diagnosi. Le donne possono sentirsi disperatamente sole e profondamente vergognose quando sperimentano sintomi di PMAD, specialmente quelli che sono meno parlati di rabbia o pensieri intrusivi. Riassico i miei clienti che queste esperienze interiori non indicano il loro valore come madri, ma sono invece sintomi attesi e curabili di disturbi comuni e sempre più compresi. Le donne esprimono un enorme sollievo quando si rendono conto che il loro sintomo più spaventoso e vergognoso è qualcosa che anche gli altri sperimentano – e qualcosa che sappiamo come trattare.

2. Dare priorità al sonno. Ottenere una buona notte di sonno può essere difficile durante la gravidanza. E quando arriva un bambino, il sonno ininterrotto è quasi impossibile. Ma mentre una mancanza di sonno rende frustrante quasi tutte le donne incinte e dopo il parto, ci vuole un tributo molto più alto per coloro che soffrono di un PMAD. La relazione tra i problemi del sonno e i PMAD è complessa perché il sonno alterato può contribuire allo sviluppo iniziale di un PMAD, essere un segno che si è insinuato o peggiorare i sintomi quotidiani. Ma la linea di fondo è che una donna che vive un PMAD ha bisogno di un buon sonno ripristinato per recuperare.

Praticare buone abitudini del sonno – come lo sviluppo di una routine per andare a letto, usare il letto per dormire e solo il sesso, ed evitare la caffeina a fine giornata – è un buon inizio. Ma le esigenze fisiche della gravidanza e la cura di un piccolo essere umano possono rendere difficile dormire bene anche per le donne più dedite. Spesso devo essere creativo quando aiuto i clienti a lavorare per ripristinare il sonno. Quando le donne hanno le risorse per arruolare l'aiuto delle infermiere notturne, delle doule post-partum e delle babysitter, li incoraggio a farlo. Per gli altri, coinvolgo i loro mariti, partner o membri della famiglia allargata per programmare "baby turni" e "turni di sonno" per assicurarsi che la nuova mamma ottenga almeno un blocco di sonno ininterrotto ogni notte. Pensare fuori dagli schemi per aiutare i clienti a seguire i piani del sonno si dimostra estremamente utile nel ridurre i sintomi, ed è spesso il modo più veloce per aiutare i clienti a sentirsi meglio.

3. Incoraggiare l'esercizio. I benefici sull'aumento dell'umore e della riduzione dell'ansia dell'esercizio fisico sono ben stabiliti, con alcuni studi che dimostrano che l'esercizio fisico regolare riduce i sintomi depressivi tanto efficace quanto il trattamento con gli SSRI. Questo rende l'esercizio un componente importante del trattamento per le donne in gravidanza e in allattamento che scelgono di non assumere farmaci nonostante i sintomi gravi. Ma anche per coloro che assumono farmaci o i cui sintomi non sono gravi, l'esercizio fisico aiuta il recupero del PMAD aumentando l'energia, metabolizzando gli ormoni dello stress, aiutando le donne a uscire dalla loro testa e nei loro corpi e fornendo uno sbocco per padronanza e controllo.

Dopo che le donne si sono rivolte al proprio medico per confermare che è sicuro che possano esercitarsi, li incoraggio a fissare obiettivi piccoli e facilmente raggiungibili. Non è raro che le donne che soffrono di PMAD abbiano una mentalità tutto-o-niente, ma io lavoro per aiutare i clienti a riconoscere che anche una passeggiata di 10 minuti (con il passeggino, se necessario) li aiuterà a sentirsi meglio, anche se i loro programmi oi recuperi fisici non consentono ancora sessioni di 5 miglia o di spinning di 45 minuti.

4. Costruisci supporti sociali. Sebbene le PMAD colpiscano ogni anno circa 1 milione di donne, queste condizioni hanno un modo per far sentire ogni donna sola. Lavoro attivamente per aiutare le donne a costruire le loro reti di supporto. Alcune donne si sentono meno sole e più supportate in una comunità di altri che stanno vivendo anche PMAD. In questi casi, li rimando ai gruppi di supporto della comunità, ai gruppi online (come i progressi post partum) e alle organizzazioni di base o di difesa (come Postpartum Support International).

Altre donne che hanno sperimentato PMAD riferiscono che l'esposizione a coloro che sono anche sofferenti o che parlano di PMADs scatena i loro sintomi. Per queste donne, incoraggio la partecipazione a gruppi di nuove mamme generali o eventi sociali estranei alla maternità. Per una nuova mamma che passa la maggior parte della sua giornata a rimuginare sulla sua angoscia, passare una serata in un club del libro o bere una tazza di caffè con un amico può essere una pausa tanto necessaria dai suoi sintomi e sentirsi estremamente riparatrice.

Non importa quali sintomi una donna avverta, sapendo che non è sola, che dorme meglio, che muove il suo corpo e che si connette con gli altri la aiuterà a sentirsi meno angosciata. Queste strategie gettano le basi per un'eccellente cura di sé, che serve le donne – e quindi le loro famiglie – anche dopo il recupero.

Solutions Collecting From Web of "Come aiutare le donne con disturbi dell'umore e dell'ansia perinatale"