Come aiutare i bambini che lottano socialmente

C'è uno studente nel tuo roster di classe che di solito lotta con le interazioni tra pari? Il tuo bambino si trova spesso vittima di crudeltà per mano di compagni di classe o "amici?" Sappiamo che i giovani con deficit di competenze sociali sono particolarmente vulnerabili alla solitudine, all'isolamento sociale e al bullismo. Cosa possiamo fare, come professionisti e genitori, per insegnare ai giovani le competenze di cui hanno bisogno per fare amicizie sane e connettersi con colleghi positivi? Questo post presenta cinque strategie che gli adulti possono utilizzare per supportare efficacemente i bambini che lottano socialmente, specialmente ora che inizia un nuovo anno scolastico.

1. Spostare oltre il modello di deficit

Per molti bambini in età scolare, la capacità di fare nuove amicizie è naturale come respirare. Per gli altri, tuttavia, il collegamento con i coetanei è fonte di confusione, frustrazione e stress ogni giorno. Molti adulti pensano che ci debba essere qualcosa di sbagliato nei ragazzi che lottano socialmente. Questo modello di deficit può diventare una mentalità dannosa che mette ulteriore pressione su un giovane che è già al di là delle sue capacità di coping.

Piuttosto che considerare le lotte dell'amicizia come un difetto del personaggio, mettere la capacità di creare e mantenere amicizie alla pari con qualsiasi altra abilità che un giovane ha bisogno di padroneggiare. Proprio come offrire strategie di risoluzione dei problemi aggiuntive a uno studente che è rimasto indietro in matematica, impegnarsi a dedicare più tempo a offrire a un bambino socialmente imbarazzante le nuove abilità che ha bisogno di fare e mantenere gli amici. Utilizzare esempi di giochi di ruolo, discussioni, giochi, prove e video per sviluppare competenze in aree problematiche comuni come iniziare una conversazione, impegnarsi in dialoghi avanti e indietro, trovare interessi comuni e persino terminare amicizie non salutari (maggiori informazioni su questa abilità avanzata sotto .)

Conclusione: i bambini che lottano socialmente beneficiano dell'orientamento degli adulti nello sviluppo delle competenze necessarie per raggiungere i loro coetanei e stabilire amicizie.

2. Inizia con le forze

Pensa a un bambino che conosci chi ha difficoltà a fare amicizia. Fai una lista dei suoi punti di forza. Ad esempio, è particolarmente interessato a un certo argomento come l'arte, la scienza o la tecnologia? Ti piace un'attività particolare come il calcio, il nuoto o il teatro?

Mentre è facile focalizzare l'attenzione su tutte le cose che un giovane sta facendo di sbagliato nelle relazioni sociali, quando partiamo da una prospettiva problematica, abbiamo ben poco da cui partire. Invece, concentrati sulle cose che il giovane sta già facendo bene e fai un piano su come affrontare le sue sfide sociali costruendo i suoi punti di forza naturali.

Caso in questione: Jesse era una matricola della scuola secondaria socialmente isolata che eccelleva in qualsiasi cosa musicale. Suonava sia la tromba che il pianoforte ed era un cantante di talento. Anche se non si è confessato con i compagni di classe atletici che hanno superato la gerarchia sociale della scuola, un astuto consigliere scolastico lo ha incoraggiato a comporre una canzone per la partita di football di Homecoming della sua scuola. La colonna sonora di Jesse è stata scelta per essere giocata alla fine del primo tempo, insieme a molte fanfare. Sebbene Jesse non sia mai stato portato sulle spalle dei suoi compagni di classe vincitori (quella roba capita solo in TV), ha ottenuto riconoscimento per i suoi talenti e ottenuto l'ammirazione di diversi giocatori di football che sono diventati "grandi fratelli" di Jesse, prestandogli un po 'di della loro influenza sociale e proteggendolo dal ridicolo che aveva ricevuto prima della sua composizione vincente.

3. Imposta priorità

Quindi, considera le sfide più urgenti che un giovane ha nel collegarsi con gli altri. Ha problemi con le chiacchiere? È difficile per lei prendere il punto di vista di qualcun altro? La condivisione è particolarmente difficile? Di solito, ci sono specifici deficit di competenze sociali che un adulto può identificare come i più difficili per un determinato bambino. Quali sono le migliori due o tre abilità sociali che tuo figlio trarrebbe beneficio dall'apprendimento? Pensa: come posso aiutare questo giovane a ottenere il massimo dal suo investimento? È improbabile che uno studente che lotta socialmente sia in grado di padroneggiare un gran numero di abilità interpersonali contemporaneamente, ma spesso riesce a padroneggiare con successo un piccolo numero di competenze chiave che, alla fine, portano a un ritorno significativo sul loro investimento. Come puoi integrare l'insegnamento o modellare queste abilità nelle tue interazioni quotidiane con il giovane?

4. Trasmetti una rete ampia

A volte i deficit di competenze sociali non hanno nulla a che fare con il motivo per cui un bambino in particolare sta ricevendo la crudeltà o l'isolamento sociale. In Odd Girl Out (2011), l'autrice Rachel Simmons sottolinea che il bullismo è molto spesso legato al contesto e ha più a che fare con le dinamiche di un particolare gruppo di pari rispetto a qualsiasi caratteristica personale del bambino preso di mira. Ad esempio, un giovane che si trova costantemente vittimizzato nella sua classe di scuola media può ritrovarsi apprezzato e accettato dai suoi compagni di squadra di hockey su prato – o viceversa. Troppo spesso, le scuole sono un territorio particolarmente ostile per i bambini per formare solide amicizie perché la competizione per il "rango" su una scala sociale scolastica può essere così intensa.

Una delle cose più semplici e più potenti che un adulto possa fare per un bambino che è intrappolato in durissime dinamiche tra pari a scuola è quella di fornire alle ragazze ampie opportunità extrascolastiche per formare relazioni positive con coetanei di età simile. Aiuta il tuo bambino a creare una rete ampia, cercando amicizie nel vicinato, in gruppo, attraverso un club, facendo volontariato, un gruppo di giovani o partecipando alle arti.

5. Insegna ai bambini a sapere cosa cercare in un amico

Insieme a insegnare ai bambini dove cercare amicizie positive, gli adulti offrono ai bambini un'abilità permanente quando insegnano loro come dovrebbero essere le amicizie positive. Nei loro anni più giovani, i ragazzi tendono ad essere del tutto intuitivi nelle loro scelte di amicizia, prendendo decisioni su chi giocare in base a principi fondamentali come chi ama gli stessi giochi e giocattoli e chi è gentile con loro. Man mano che i bambini invecchiano, le dinamiche sociali diventano più complicate e cambiano le motivazioni per cercare amicizie. Non è raro per gli studenti delle scuole elementari e medie superiori scegliere amicizie basate esclusivamente sullo stato sociale.

È una realtà sconfortante degli anni dei giovani e degli adolescenti che molti bambini perdono il contatto con l'istinto infantile che li ha portati alle loro prime vere amicizie. Per molti, ci vogliono anni per riconquistare la fiducia in se stessi per scegliere gli amici in base alle qualità della persona piuttosto che allo status sociale della persona. Gli adulti possono svolgere un ruolo, tuttavia, nell'influenzare le scelte dei bambini quando si tratta di amicizie e limitare la tossicità delle loro amicizie. Con l'inizio di un nuovo anno scolastico, prova questo semplice esercizio con un gruppo di studenti o giovani:

• Di 'ai bambini che vuoi giocare a un gioco di brainstorming sull'amicizia.

• Permetti a due minuti per ogni persona di annotare il maggior numero di qualità positive che cercano in un amico il più possibile.

• Se questa attività viene svolta con un solo bambino alla volta, chiedigli di leggere ad alta voce la sua lista e di parlare brevemente del perché ogni qualità è importante. Puoi anche sfidare tuo figlio a classificare le prime cinque o le prime dieci qualità e parlare delle classifiche.

• Se più di un bambino partecipa all'attività, chiedere a ciascuno di leggere a turno la propria lista al gruppo. Chiedere a tutti i bambini di circondare tutti gli oggetti della loro lista che vengono letti ad alta voce da qualcun altro. Le qualità di amicizia che compaiono su tre o più liste di bambini possono essere contrassegnate come speciali. Continua finché tutti hanno avuto la possibilità di leggere ad alta voce la loro lista. Incoraggia i bambini a parlare delle qualità dell'amicizia che hanno elencato in comune e perché considerano queste qualità così importanti.

• Successivamente, sfida i bambini a pensare a cose che vorrebbe evitare in un amico. Ad esempio, se un amico era sempre gentile "in faccia" ma ne parlava alle loro spalle, vorrebbero tenere quella persona come amico? Perché o perché no?

• Questa volta, quando gli elenchi sono completati, incoraggia i bambini a chiamare le loro risposte mentre fai una lista su un grande foglio di carta che tutti possono vedere. Anche se stai facendo questo esercizio solo con un bambino alla volta, vedere l'elenco pubblicato su carta ha un'impressione duratura.

• Una volta terminate le due liste, tracciare alcuni confronti tra di loro. Sottolinea che i bambini hanno il potere di perseguire gli amici che possiedono qualità desiderabili e di evitare rapporti stretti con i bambini che esibiscono molte delle qualità nella lista "evita". Fai attenzione a specificare che i bambini non dovrebbero comportarsi in modo scortese con nessuno, ma piuttosto che quando scelgono gli amici, dovrebbero mirare a conoscere i bambini con qualità positive e desiderabili.

• Un'importante domanda di follow-up è quella di sfidare i ragazzi a riflettere sul perché le persone talvolta fanno amicizia con le persone "sbagliate". Consentire la discussione e incoraggiare i bambini a parlare di cose come pressione dei pari, adattamento e intimidazione.

Può essere molto utile per i bambini sentire che i loro coetanei hanno le stesse ansie e insicurezze nel fare e tenere gli amici come fanno loro. Pur avendo amici che occupano gran parte del tempo dei bambini, raramente dedicano momenti a prendere in considerazione l'idea di fare buone scelte di amicizia. Questo esercizio offre ai bambini un'occasione divertente e memorabile di pensare a ciò che vogliono – e vogliono evitare – in un amico.

Signe Whitson è consigliere scolastico, educatore nazionale per la prevenzione del bullismo e autore di sei libri, tra cui 8 chiavi per porre fine al bullismo: strategie per genitori e scuole e. Per ulteriori strategie per aiutare i giovani a sviluppare amicizie positive e affrontare il bullismo nelle scuole, visitare www.signewhitson.com

Solutions Collecting From Web of "Come aiutare i bambini che lottano socialmente"