Come affrontare una crisi senza rimanere bloccati

C'è una differenza tra "essere bloccati" e "vivere nel momento". Sfortunatamente, per alcuni di noi, stressanti della vita e sfide inaspettate possono farci perdere i piedi e lasciarci rimanere bloccati in quella "reazione normale" a una "situazione anormale" "C'è anche una differenza tra" essere nel momento "e" muoversi verso il futuro "e questi due stati non sono necessariamente mutuamente esclusivi e, idealmente, non dovrebbero esserlo. Dobbiamo accettare le circostanze con le quali siamo confrontati prima di poter iniziare a passare da questo momento al futuro che vogliamo creare per noi stessi.

Quando riceviamo cattive notizie o sperimentiamo una perdita, sia che si tratti della scomparsa di una relazione, della morte di una persona cara o della perdita di un lavoro, è abbastanza normale reagire in una varietà di modi – tra cui lo shock, depressione, malattia fisica, regressione, rabbia o persino negazione. Tutti sono programmati in modo leggermente diverso quando si tratta di ricevere cattive notizie. Probabilmente già conosci il tuo "go-to response" quando qualcosa di sfortunato ti viene incontro. Sia che stia cadendo a pezzi e sia in cerca di supporto o di sviluppo di un piano di risposta e che si trasformi in azione, ognuno ha la sua versione del normale.

I singoli risultati possono variare

Purtroppo, anche la capacità di passare dal "funzionamento di crisi" al "funzionamento di base" varia sostanzialmente tra le persone. La resilienza è definita come la capacità di riprendersi dalla sfortuna o dal cambiamento. Mentre è spesso osservato che le persone possono mostrare "notevole capacità di recupero", la recente ricerca ha indicato che la capacità di recupero non si muove necessariamente alla velocità della luce per tutti noi. Non possiamo supporre che adulti e bambini si riprenderanno immediatamente da una battuta d'arresto; tuttavia, è importante per te credere che tu possa andare avanti in una nuova normalità, anche se il "vecchio normale" non può essere replicato nel funzionamento post-trauma. E va bene. . . deve essere.

Andare avanti: riconoscere, accettare, consentire e adattare

Riconoscere che la tua reazione allo stesso evento in cui un'esperienza di un familiare, un vicino di casa o di un collega può essere drammaticamente diversa dalla loro è un primo passo importante nel riconoscere che la tua storia viene plasmata in modi che non ti aspettavi. Si dice spesso che il primo passo per risolvere un problema è ammettere di averne uno; accettare che la tua vita sia cambiata a causa di un evento esterno è il primo passo per ridefinire e riallineare la tua vita.

Il "4 come" di rispondere a una disgrazia include quanto segue:

  1. Riconosci che si è verificato un evento e riconosci che potrebbe in qualche modo modellare il tuo percorso.
  2. Accetta che la tua vita sia stata o sarà cambiata – in una certa misura, non importa quanto grande o piccola – e in modi che potresti o non potresti essere in grado di prevedere – da questo evento.
  3. Consenti a te stesso e a chiunque altro coinvolto o coinvolto di andare avanti al ritmo giusto per loro. Non puoi costringere gli altri a rispondere e raggruppare a una velocità che non è possibile per loro. Permettendo a te stesso il tempo necessario e permettendoti di cercare supporto sono anche i passaggi chiave per andare avanti. Non vi è alcuna penalità per ammettere di aver bisogno di tempo e assistenza per far fronte all'evento immediato o ai cambiamenti che potrebbero verificarsi a seguito della sfortuna di un giorno, una settimana o mesi dopo. Ricorda a te stesso che qualsiasi reazione provata è la tua personale reazione "normale" all'evento anormale e inaspettato. I lavoratori della Croce Rossa, gli addetti alla sicurezza, le truppe militari e così via passano molto tempo a praticare ea provare le loro risposte alle situazioni di crisi; la maggior parte dei civili non ha "prove generali" per gli eventi di crisi che tendono a presentarsi nelle nostre vite. Va bene non essere preparati – non è proprio corretto fingere che un evento significativo non abbia alcun significato.
  4. Adattare la tua storia di vita al brusio cambiamento di rotta è dove si alimenta la resilienza e inizia il movimento in avanti, anche se potrebbe prendere forma. Molti di noi hanno un'idea di come ci aspettiamo che le nostre vite si sviluppino e di come modelliamo il nostro futuro. A volte una crisi o una disgrazia ci costringono a riscrivere e rivedere completamente il nostro futuro immaginato. Essere in grado di adattarsi con successo a questa alterazione forzata è dove l'agenzia personale – o il supporto alla ricerca – farà la differenza nel modo in cui il futuro prende forma.

Ricorda, l' adattamento non consiste nel rimanere "bloccato" nella tua storia, ma nel dare un senso alle conseguenze di una crisi e al suo effetto sulla tua storia. Tutto, dalle delusioni quotidiane agli eventi catastrofici, può diventare una parte della tua storia ma non dovrebbe mai diventare la "tua storia" da solo. Non è salutare aggrapparsi a un singolo evento sfortunato nella tua vita o trasformare quell'evento nel principio, nella metà e nella fine della tua storia. Il carattere è modellato e definito dalla risposta a un evento, non dall'evento in sé.

Ogni situazione o scelta che affrontiamo farà parte del tessuto di chi stiamo diventando. Non negare la potenza di un evento per influenzare e modellare la tua identità personale. Non dare per scontato che "al di sopra" una caduta richieda di negare che sia stato affrontato e superato. È normale che alcuni di noi cadano a pezzi in una crisi e normale sentire che non si sa come si possa prendere e andare avanti di nuovo. Non essere troppo duro con te stesso quando il tuo ritorno alla "nuova normalità" non sta accadendo al ritmo che potresti preferire. . . Chiedi assistenza e cerca supporto. Questi sono due passaggi importanti che possono aiutarti a fare il punto e capire dove ti trovi in ​​questo momento e come puoi dare un senso a questo momento nel futuro.

Solutions Collecting From Web of "Come affrontare una crisi senza rimanere bloccati"