Come affrontare lo stress

Ti senti facilmente stressato? Ecco cosa fare!

Pexels

Fonte: Pexels

Nel 1936, l’endocrinologo Hans Selye eseguì esperimenti sui ratti. Ha studiato gli effetti di un nuovo ormone e così ha iniettato l’ormone nei topi di laboratorio, sperando di osservare come li influenza.

I topi si ammalarono presto e svilupparono ulcere sanguinanti attorno allo stomaco. Sebbene fosse un male per i roditori, Selye ne fu deliziata, poiché sembrava adattarsi all’immagine che stava cercando.

Tuttavia, dopo aver somministrato diverse soluzioni a un diverso gruppo di ratti, Selye divenne perplessa.

Indipendentemente da ciò che ha iniettato, i risultati erano sempre gli stessi: topi malati e tristi.

Alla fine, Selye fu colpito da un’intuizione. Forse non è l’iniezione, ma il processo per farsi iniettare. In altre parole, forse i ratti si ammalarono a causa di quanto stressante fosse stata l’intera procedura.

E così è nata una nuova idea: lo stress fa male alla salute.

L’errore dello scienziato

Selye ha trovato una miriade di modi per mettere alla prova la sua nuova idea.

Sottolineò i ratti somministrando scariche elettriche, somministrando loro droghe tossiche, mettendoli in isolamento (o gabbie sovraffollate) o costringendoli a fare esercizio senza riposo.

In ogni caso, i ratti si ammalano dando più credibilità all’idea che lo stress fa male alla salute.

E la conclusione di Selye sarebbe legittima, se non fosse per un grande errore:

Ciò che chiamiamo stress non è lo stress.

Quando le persone comuni descrivono il loro stress, parlano di elenchi di cose da fare senza fine, della pressione di fornire, delle lotte relazionali e altri problemi quotidiani.

Questo non è niente come lo stress di un topo da laboratorio scioccato inevitabilmente o esercizio forzato senza riposo.

Lo stress dei ratti era imprevedibile, incontrollabile e privo di significato. Ecco perché questi topi si ammalano e soffrono. Ma la stragrande maggioranza degli stressanti umani non è così.

Più tardi, Selye ha riconosciuto che non tutte le forme di stress sono uguali, eppure l’idea è ancora bloccata; lo stress fa male alla salute.

E, come vedremo, nessuna cattiva idea rimane impunita.

Perché credere che “lo stress sia cattivo” è cattivo

Nel 1998, a 30.000 americani fu chiesto di descrivere il loro stress. Più in particolare, i ricercatori hanno voluto sapere a) quanto stress provano e b) se ritengono che lo stress sia dannoso per la loro salute.

Dopo otto anni, i ricercatori hanno esaminato i registri pubblici per identificare chi di questi ex partecipanti era morto.

A quanto pare, alti livelli di stress hanno aumentato il rischio di morire del 43%. Tuttavia, questo era vero solo per le persone che credevano anche che lo stress fosse dannoso.

Le persone che hanno riportato alti livelli di stress, ma non l’hanno vista come dannosa, non avevano più probabilità di morire.

In effetti, il loro rischio di morire era il più basso dello studio, anche inferiore rispetto a quello delle persone che soffrivano di bassi livelli di stress.

In altre parole, lo stress non uccide le persone. È la reattività allo stress che uccide.

La reattività dello stress inizia con la metafora che è sepolta all’interno della parola “stress” stessa: gli umani sono come travi a I che si spezzano e si rompono quando viene messo un peso su di loro.

Se ciò è vero, quel peso – quello “stress” – è dannoso e dovrebbe essere evitato e scappato.

Quella ragione che è così tossica è una profezia che si autoavvera. Quando incontri lo stress con un atteggiamento di “questo è troppo” e “io non voglio questo”, trasformi un’esperienza fisica altrimenti normale e naturale in qualcosa di pericoloso. Tutto il tuo corpo allora si trasformerà in resistenza e reagirà come se fosse sotto attacco.

Anche una piccola sfida sarà quindi un segno che qualcosa non va, che ti porta a essere stressato dall’essere stressati. Inizi ad evitare aree e attività in cui lo “stress” si manifesta naturalmente.

Non vai alla festa di compleanno di un amico, perché potrebbe essere stressante. Salti sulle opportunità di fare una presentazione al lavoro, perché è stressante. E potresti persino smettere di fare esercizio fisico e mangiare sano, perché, lo hai indovinato, è stressante.

Nel tentativo di allontanarti dallo stress, ti limiti sempre di più, riducendoti la vita e aumentando i tuoi problemi (il che, ironicamente, causa ancora più “stress”).

Non è lo stress che è dannoso, è la tua reattività allo stress che è dannosa.

Che cosa lo stress può fare per te

Se vuoi sviluppare una postura più utile, devi ripensare allo stress.

Durante lo stress, il tuo corpo è inondato di ormoni come il cortisolo, l’adrenalina e la noradrenalina, che aumentano la frequenza cardiaca, ti rendono vigile e ti fanno pompare e pronto all’azione.

In altre parole, lo stress fornisce al tuo corpo un surplus di energia. Ed ora spetta a te interpretare ciò che significa questo eccesso di energia, e b) decidere cosa fare con esso.

Sappiamo già che molte persone scelgono di interpretare lo stress come qualcosa di dannoso, facendoli andare in guerra con se stessi.

Tuttavia, possiamo anche affrontare lo stress con un atteggiamento di apertura.

La psicologa Kelly McGonigal scrive nel suo libro “The Upside of Stress”:

“Il modo migliore per gestire lo stress è non ridurlo o evitarlo, ma piuttosto ripensarlo e persino accettarlo. Ripensando e persino abbracciando lo stress, puoi cambiare il suo effetto su tutto, dalla tua salute fisica e benessere emotivo alla tua soddisfazione sul lavoro e sulla speranza per il futuro. ”

Possiamo abbracciare lo stress come qualcosa che ci alimenta con energia, come qualcosa che ci dice che stiamo facendo qualcosa di significativo (dopotutto, non verremmo stressati per qualcosa che non ci interessa).

Abbracciando il nostro stress in questo modo, potremmo sentirci ancora schifosi. Tuttavia, non verremmo stressati dal sentirsi pessimi, e certamente non subiremmo le stesse cattive conseguenze sulla nostra salute e sulla nostra vita.

Quindi parliamo di come cambiare la nostra posizione verso lo stress.

Come cambiare lo stress al significato

Passaggio n. 1 Riconoscere lo stress

Prima che tutto possa cambiare, dobbiamo riconoscere la nostra esperienza di stress.

Troppo spesso siamo coinvolti nella nostra esperienza e non ci rendiamo nemmeno conto di quando sta accadendo. Siamo troppo presi dal film, non ci rendiamo conto che siamo ancora seduti al cinema.

Il primo passo quindi, è quello di notare e riconoscere la nostra esperienza di stress quando sta accadendo attualmente.

Passo 2: abbraccio lo stress

Quindi, e questa è la parte difficile, concediti di sentire lo stress. Così com’è, non come temete che sia.

Dove puoi sentirlo? E come si sente nel tuo corpo?

L’evitamento ci fa disconnettere da noi stessi, spingendo via lo stress nel futuro. Abbracciare lo stress invece significa stare fermi con noi stessi, sentire cosa sta succedendo nel nostro corpo e magari anche avvicinarci alle aree in cui lo stress si manifesta.

Non è facile, ma ci vorrà un po ‘di fatica dallo stress. È una reazione, un’esperienza. Non è il tuo nemico.

Ecco un trucco verbale che ti aiuterà.

Quando noti le tue reazioni corporee al disagio e alla sfida, pensala come un punto di vista della vita. È come se la vita dicesse: “Ecco un punto che vorrei sottolineare con te”.

Perché abbracciare lo stress? Beh, ehi, se qualcuno ti dicesse questo nella vita reale, non ascolteresti? Non copri le orecchie e corri nell’altra direzione, vero?

Abbracciare il tuo stress percepito sta preparando il processo per “ottenere il punto”.

Passo # 3 Trova importanza nello stress

Che cosa è in gioco qui? Perché questa sfida che stai affrontando è importante in primo luogo?

A volte c’è una posta in gioco nel tuo stress. Ora che stai ascoltando di nuovo, puoi iniziare a capire di cosa si tratta.

Che cosa è importante nello stress che stai attualmente sperimentando?

Forse sei stressato per la salute finanziaria della tua famiglia. O sei stressato sul completamento di una laurea con successo.

Freddo. Questi sono importanti La vita sta “mettendo in evidenza un punto” con te.

Step # 4 Capovolgi l’oppressione nella scelta

Guarda dentro le tue reazioni e vedi se ci sono in giro motivatori negativi: altrimenti ti sentirai colpevole; devi; altri lo richiedono.

Se li trovi vedi se riesci a capovolgerli.

A nessuno piace essere oppresso, quindi smettila di opprimerti! Invece, scegli le qualità positive che vorresti vedere nelle tue motivazioni e azioni.

Ti preoccupi (e sì, al momento, preoccupati) della salute finanziaria della tua famiglia perché sono importanti per te. Ti piacciono. L’amore è qualcosa da sottolineare, ma non qualcosa su cui insistere. Sei solo in un gioco avvincente in cui hai il compito fantastico ma difficile di fare il meglio che puoi per essere un fornitore amorevole. Avere la vita “stressata” per te l’importanza del tuo amore per la famiglia non è certo una brutta cosa.

Allo stesso modo, cosa succede se invece di saltare attraverso i cerchi per ottenere un voto o per evitare il fallimento del tuo corso di laurea, hai fatto un ottimo lavoro di studio per soddisfare la tua curiosità o perseguire la verità? Va bene lasciare che la vita “ti sottolinei” l’importanza che tu stesso dai all’apprendimento e alla verità? Ovviamente è.

Questi esempi mostrano che quando riesci a trovare un significato positivo e uno scopo nelle sfide della vita, la tua esperienza di stress può trasformarsi da barriere che invadono un percorso di vita di evitamento a reazioni che illuminano un percorso di crescita e contributo. Hai ancora sottolineato, nel senso di attivazione fisica semplice, sano, ma invece di essere un peso, diventa la prova che stai vivendo per qualcosa di più grande di te.

Quando lasci andare l’agenda del tentativo di controllare lo stress, lo stress non è stressante.

È solo la vita che ti chiede di entrare in contatto con qualcosa più grande di te. Fallo, puoi smettere di soffrire e iniziare a vivere.

Entrambi stressati e soddisfatti.

Solutions Collecting From Web of "Come affrontare lo stress"