Come affrontare il conflitto in classe

Jared Loughner era sia un liceo che un abbandono scolastico. Si trova in una prigione federale per le riprese dell'8 gennaio 2011 della deputata americana Gabrielle Giffords a Tucson, in Arizona, dove ha anche ucciso sei persone, tra cui un giudice federale, uno degli aiutanti della campagna di Giffords e una bambina di nove anni. . Ha ferito altri 13 ed è stato condannato alla vita senza libertà condizionale. Fu diagnosticato in prigione come un paranoico schizofrenico, qualcosa che i suoi amici e la sua famiglia certamente vedevano nei suoi comportamenti irrazionali nei due anni precedenti al suo omicidio di massa.

Il tempo di Loughner al Pima Community College di Tucson non fu piacevole, né per lui, né per i suoi compagni di classe, né per i suoi professori, né per la polizia del college. Il suo comportamento in classe era conflittuale, irregolare e dirompente, al punto che altri studenti avevano paura di lui. Parlando con Scott Pelley in un segmento "60 Minutes" che ha funzionato poco dopo le riprese di Tucson, intitolato "Descent into Madness", Linda Sorensen, che aveva una lezione di algebra con Loughner, ha detto: "Mi sono seduto vicino alla porta, perché pensavo che potesse entrare in classe con una pistola. "Uno dei professori di Loughner, Ben McGahee, ha dichiarato a USA Today due giorni dopo le riprese, guardò Loughner e pensò:" Sta per portare un'arma in classe? "

Dopo che Loughner ha pubblicato un video sconclusionato e privo di senso che ha fatto mentre camminava nel campus di Pima, la polizia del college ha mandato quattro agenti a casa sua per dirgli che era stato sospeso fino a quando non aveva cercato un consulente di salute mentale. Non è mai tornato al college e ha invece promulgato il suo piano di omicidi di massa.

La Camera del Texas ha appena approvato la versione di legge che permetterà agli studenti di portare armi da fuoco nei campus universitari. Il Senato del Texas sta affrontando il problema e voterà presto. Se la statua diventa legge, le università e le università in Texas possono scegliere di rinunciare e continuare a vietare le armi da fuoco, ma essendo il Texas il Texas, si può supporre che vedremo più armi da fuoco nei campus di tutto lo stato.

Lo scopo di queste leggi, che hanno preso le mosse attraverso varie legislature statali all'indomani del K-12 e delle sparatorie del campus universitario, è, in teoria, fornire un livello extra di protezione agli studenti che si trovano di fronte a uno sparatutto armato nel campus o nelle loro classi. L'idea, spesso sposata da gruppi pro-pistola popolati da studenti universitari, è che se un perpetratore armato inizia a sparare, uno o più studenti vicini con armi simili potrebbero fermare la minaccia. I sostenitori di più cannoni nel campus dicono che questi eventi sono spesso molto rapidi, con molti morti o feriti, che non sono stati adeguatamente protetti dalla polizia del campus o dalle forze dell'ordine locali. Avere i loro fucili pronti, dicono, non solo li protegge e altri, ma invia anche un messaggio deterrente ai potenziali tiratori.

Come per la maggior parte delle cose nella vita, c'è un aspetto negativo di tutto questo duro discorso su come fermare gli sparatutto attivi e salvare vite umane. Che dire di quegli studenti, come Jared Loughner, che riescono a mettere le mani su una pistola e portarla al campus, anche se sono malati di mente? E cosa succede quando uno studente arrabbiato e armato è seduto in un incontro scomodo con un professore, pronto a sentire qualche brutta notizia sui voti o l'espulsione? In che modo questa conoscenza cambia le risposte del professore, il contegno e il livello di paura durante quella conversazione?

E in che modo i professori universitari dovrebbero occuparsi meglio del ritorno di veterani militari, alcuni dei quali hanno diagnosticato o non diagnosticato lesioni cerebrali traumatiche e / o PTSD? Questi veterinari possono portare con sé pistole, sia che siano permesse o meno, legali o meno, solo perché si sentono ancora ipervigilanti e il forte bisogno di proteggersi, come hanno fatto nell'ambiente di combattimento.

Recentemente ho visitato un sistema universitario a Houston, in Texas, dove il tema degli studenti con le pistole, in particolare, e la gestione del comportamento scolastico in generale, erano grandi argomenti tra i professori e gli amministratori. Abbiamo analizzato la seguente raccolta di best practice per gli istruttori, per aiutarli a gestire meglio i comportamenti della classe e minimizzare potenziali esplosioni:

Guarda il tuo tono, il linguaggio del corpo e l'uso di un attento contatto visivo. (Fai attenzione alla condiscendenza e al contatto visivo con gli studenti).

Usa la parola "feedback" al posto della parola "critica". (La parola "critica" può innescare la difensività negli studenti. Il feedback è una parola più semanticamente positiva).

Non discutere di fronte agli studenti. (A meno che non si tratti di un serio problema di sicurezza, accetta di mettere da parte il conflitto fino a dopo la fine della lezione.)

Invitali a creare i propri Buddy Systems per creare sia il supporto tra pari che la pressione dei pari. (Questo processo li aiuta quando devono perdere la lezione, prendere gli appunti da un collega e insegnare loro a lavorare in gruppo).

Usa la frase: "Non puoi farlo se vuoi restare qui". (Questo dà allo studente una via di salvezza per il viso, permettendo a lui o lei di fare una scelta per conformarsi o andarsene).

Metti le regole della condotta in classe nel programma e applicale in anticipo. (Le violazioni delle regole devono essere seguite da conseguenze. Nessuna conseguenza equivale al potenziale per il caos).

Incontra studenti in difficoltà fuori dalla classe; non chiamarli di fronte ai loro coetanei. (Le conversazioni private funzionano meglio).

Non utilizzare penne rosse quando si valutano le carte. (Questo è come sventolare il proverbiale mantello rosso di fronte al toro arrabbiato, causa solo reazioni viscerali ed emotive tra gli studenti).

La cultura degli studenti può essere difficile da gestire a qualsiasi età. Oggi gli studenti hanno poca o nessuna riluttanza a sfidare i loro insegnanti, a tutti i livelli, dalla scuola secondaria di primo grado fino alla scuola di specializzazione. Un sacco di insegnanti veterani dicono di perdere i vecchi tempi, dove gli studenti erano più rispettosi degli insegnanti. Alcuni istruttori possono gestire le loro classi con pochi problemi o scontri; gli altri non sono così bravi. In questa era di più pistole in arrivo nel campus e più esplosioni in classe, ha senso provare ogni tecnica per mantenere la classe al sicuro.

Il Dr. Steve Albrecht, PHR, CPP, BCC, è un oratore, un autore e un allenatore di San Diego. È membro del consiglio di amministrazione in materia di risorse umane, sicurezza e coaching. Si concentra su problemi dei dipendenti ad alto rischio, valutazione delle minacce e prevenzione della violenza nella scuola e sul posto di lavoro. Nel 1994, ha co-scritto Ticking Bombs , uno dei primi libri di business sulla violenza sul posto di lavoro. Ha conseguito un dottorato in Business Administration (DBA); un Master in Security Management; una laurea in psicologia; e una laurea in inglese. Ha lavorato per il Dipartimento di Polizia di San Diego per 15 anni e ha scritto 16 libri su argomenti di business, risorse umane e giustizia penale. Può essere contattato su drsteve@drstevealbrecht.com o su Twitter @DrSteveAlbrecht

Solutions Collecting From Web of "Come affrontare il conflitto in classe"