Come accettare e abbracciare il tuo corpo una volta per tutte

Monkey Business Images/Shutterstock
Fonte: Monkey Business Images / Shutterstock

Recentemente ho portato mia nipote di 10 anni e suo cugino a comprare vestiti nuovi. Mentre provavano i vestiti, mia nipote ha commentato: "Nulla mi sembra buono; Sabrina ha un bell'aspetto. "Mi sorprese sentire una ragazza così giovane che esprimeva un'immagine del corpo così povera e si confrontava sfavorevolmente con suo cugino. Eppure la mattina dopo io stesso ero testimone di una discussione simile tra due miei amici. Uno, una donna che è invidiabilmente magro e in forma, si è lamentato con disinvoltura di sentirsi grasso e l'altro, un uomo con un fisico quasi perfetto, si è unito, dicendo che da quando ha raggiunto il 30, il suo corpo stava diventando "morbido e rotondo".

Indipendentemente dal tipo di corpo o abbigliamento, molti di noi soffrono di una raffica di pensieri autocritici.

Le opinioni delle persone sui loro corpi non sono solo crudeli ma imprecise. Recentemente una mia amica mi ha raccontato di sentirsi giù per se stessa e sentirsi invecchiare e confessare che si confronta continuamente con le "ragazze più giovani e graziose". Mi ha mostrato una vecchia foto di se stessa, della donna "magrissima e giovane" una volta era Quando le chiesi come si sentiva per se stessa in quel momento, ricordò che il giorno stesso in cui la foto era stata scattata, si era sentita grassa, brutta e piena dello stesso odio che provava oggi. La sua percezione di se stessa come una giovane donna era imperfetta come la sua attuale immagine di sé. Ciò di cui aveva davvero bisogno di parlare non erano le rughe sotto i suoi occhi oi grigi nei capelli, ma il profondo sentimento di vergogna che le ha impedito per lungo tempo di accettare se stessa come la donna attraente che è veramente.

Qual è la causa alla base dei pensieri dannosi che nutriamo nei nostri corpi? Qual è la ragione della discrepanza tra il modo critico in cui vediamo noi stessi e la visione realistica che gli altri hanno di noi? La nostra auto-percezione di base è modellata dalla programmazione sia positiva che negativa del nostro passato. Per esempio, quando un genitore o un altro adulto significativo continua a guardare in modo critico il viso di un bambino, quel bambino inizierà a incorporare il pensiero o credere che ci sia qualcosa di intrinsecamente sbagliato in lui o lei, in particolare nel suo sé fisico.

Le prime esperienze influenzano il nostro modo di vedere noi stessi e rimangono fonti di autocritica inaccurata per tutta la vita. Le persone che affrontano problemi di bassa autostima possono ricondurle a sentimenti di umiliazione, rifiuto o delusione che hanno sofferto durante l'infanzia. Quando i bambini piccoli cercano l'origine di questi sentimenti, spesso guardano dentro di sé piuttosto che trovare la colpa di un adulto da cui dipendono. Uno dei posti più facili per cui incolpare è il loro aspetto fisico.

Durante le nostre vite, altre esperienze possono alimentare il profondo, vecchio senso di vergogna che proviene fin dai primi anni di vita. Continuiamo ad assegnare questo continuo sentimento di vergogna a parti del nostro corpo che vediamo in una luce negativa. Possiamo attribuire umiliazioni di fronte a una classe, rotture dolorose, fallimenti di carriera, e persino errori minori per non sembrare giusti e aggiungere al nostro pozzo interiore di odio per se stessi.

Troppo spesso, passiamo dal sentirsi negativamente sul nostro aspetto per evitare effettivamente determinate attività ed eventi, perché non vogliamo essere visti. Pensi che siamo troppo bassi, alti o fuori forma per impedirci di uscire con gli amici o di toglierci la camicia in spiaggia. L'immagine negativa del corpo può anche impedirci di seguire azioni più significative: possiamo supporre che qualcuno a cui siamo interessati non sia attratto da noi o che eviti del tutto l'intimità, perché siamo insicuri riguardo al nostro aspetto. Quando perdiamo la fiducia in noi stessi, possiamo rassegnarci ad attività e situazioni familiari invece di perseguire ciò che vogliamo veramente fare; per esempio, stare a casa ed evitare una festa, perché sentiamo che non siamo attraenti come le altre persone che stanno andando.

Ognuno di noi ha una prescrizione unica per auto-disprezzo. Pertanto, siamo spesso protetti dalla nostra stessa bolla di vergogna, istruiti da un critico interiore che ci dice che siamo diversi, imperfetti e meno importanti di quelli che ci circondano. Noi proiettiamo anche questi auto-attacchi sugli altri e pensiamo che siano critici nei nostri confronti o non attratti da noi. Potremmo notare che i nostri attacchi di auto diventano molto più forti in situazioni in cui diventiamo coscienti dei nostri corpi, come uscire dalla doccia o uscire la sera.

Questa "voce interiore critica" ci istruisce a nascondere i nostri corpi. È un allenatore interno che ci dice di lasciare le nostre canottiere in spiaggia. Ci sussurra che, dal momento che siamo imperfetti, dovremmo spingerci a perseguire eccessivamente la perfezione, o semplicemente arrenderci. Anche se può darci istruzioni per l'esercizio o la dieta, la stessa voce ci induce a prendersela comoda o ad avere quel secondo cupcake. Ci punisce quindi chiamandoci "deboli" o "fallimenti" in un circolo vizioso che perpetua il processo.

I nostri corpi sono spesso il bersaglio più grande della nostra voce interiore critica. Non importa dove siamo nella vita, ci informa delle nostre imperfezioni e ci impedisce di divertirci completamente o rilassarci nella nostra pelle. Possiamo scegliere di morire di fame o di nutrirci, nasconderci o rivelarci tutti sulla base del consiglio errato di questo critico interiore.

Sfidare la "voce" è la chiave per accettare i nostri corpi. Ma quando lo facciamo, possiamo aspettarci di affrontare una seria ansia. Agire contro questi pensieri non significa solo confrontarsi con alcune critiche superficiali. Piuttosto, coinvolge il risveglio di una grande bestia alimentata dalla convinzione che in qualche modo siamo inadeguati. Questa bestia potrebbe essere crudele, ma ci è anche diventata familiare. Agire contro la sua volontà prendendo sul serio i nostri obiettivi e sentendoci fiduciosi nei nostri corpi stimolerà il critico, che potrebbe diventare più rumoroso per un po 'di tempo.

Tuttavia, come la Wicked Witch che si sta sciogliendo nel Wizard of Oz , la voce finirà per sfumare sullo sfondo. Quindi, quando ci dice di tenere il maglione o di nasconderci nel retro della stanza, è importante fare attenzione al vento e ricordare che questo atto non riguarda solo lo spargimento di strati di tessuto. Si tratta di spogliarsi di anni di critiche di odio per se stessi, di vergogna e malriposta che semplicemente non appartengono al qui e ora.

Per maggiori informazioni dalla Dott.ssa Lisa Firestone sulla "Critical Inner Voice", visitare PsychAlive.org

Solutions Collecting From Web of "Come accettare e abbracciare il tuo corpo una volta per tutte"