Combatteresti contro la Gestapo?

City of Women

Non c'è niente come leggere un vero dilemma morale per far muovere il sangue. Quando devi fare le scelte più difficili, metti prima i tuoi principi, o le tue relazioni, o la tua stessa vita? Quanto sei coraggioso, davvero?

Il modo in cui affronti le domande di vita e di morte può essere correlato al tuo stadio di sviluppo morale. Gli esperti hanno discusso su quale categoria di persone si adattano nel modo in cui prendono le decisioni e ciò che apprezza di più.

Essendo attratto da questi problemi, mi è piaciuto molto il primo romanzo di David Gillham, City of Women , che ha ottenuto recensioni stellate da riviste specializzate. Si svolge a Berlino nel 1943 ed è la storia avvincente di Sigrid, la moglie di un soldato tedesco, che si ritrova trascinata in una serie di decisioni morali a vita e morte.

IL Q & A:

D. Scrivendo City of Women, hai cercato specificamente un argomento da trattare dal punto di vista di una donna? A proposito, ho trovato abbastanza successo.

Sono sempre così contento quando sento che la mia interpretazione della prospettiva femminile ha funzionato per uno dei miei lettori, grazie. Originariamente pensavo di poter scrivere un romanzo con un cast di personaggi completamente femminili, perché volevo esplorare la guerra da un punto di vista femminile. Ma dopo un po 'è crollato. Avevo bisogno della drammatica tensione delle storie d'amore per mantenere la trama in movimento e la suspense più stretta. Seguiamo la spinta della storia attraverso gli occhi della mia protagonista, una "moglie di guerra" di nome Sigrid, che è una donna forte e appassionata, intrappolata in una squallida esistenza sul fronte interno.

Ci sono molti colpi di scena e trame secondarie intrecciate insieme da una serie di personaggi, ma la storia essenziale del libro è la storia di Sigrid, mentre lei si libera dalla sua esistenza opprimente e si reinventa.

Ma senza gli uomini, penso che la sua storia avrebbe perso parte del suo impatto. Pensa a quanto apprendiamo su Sigrid attraverso le sue connessioni con gli uomini nella sua vita. Inoltre, come tutte le donne tedesche, vive sotto il peso opprimente di un regime altamente misogino che considerava le donne come foraggio per la maternità.

D. Lavorando da vecchie mappe e simili, dove hai avuto la sensazione di avere la sicurezza di scrivere in un progetto come questo?

Sono molto felice che la mia Berlino abbia suonato per molti lettori. Dopo tutto, Berlino è diventata un personaggio nel libro, e ho lavorato molto duramente per assicurarmi che tutti i dettagli storici che informavano il libro fossero il più precisi possibili. Questo includeva i nomi delle strade e le linee dei tram e tutti i dettagli della vita quotidiana della città. Ho letto molti, molti libri, memorie, storie e altri romanzi. Adoravo studiare fotografie e talvolta ricreavo un'immagine che avevo trovato in una scena drammatica. E, naturalmente, ho pedinato anche se la strada di Berlino è in cerca di resti della città bombardata. (Gran parte di Berlino di quell'epoca non sopravvisse alla guerra). Ma forse il progetto per il layout storico fu la mia guida turistica di Baedeker a Berlino degli anni '20. Quindi, spero che chiunque abbia effettivamente vissuto il periodo descritto nel libro riconosca il ritratto della città che ho assemblato.

IL PROCESSO?

D. Quante revisioni hai fatto?

Tendo a rivedere mentre scrivo. Scriverò una scena o due, e poi il giorno dopo, comincerò a sfogliare quelle scene prima di scrivere qualcosa di nuovo. Ma in generale, ho probabilmente rivisto City of Women cinque volte dall'inizio alla fine, dopo aver terminato la prima bozza. Sia mia moglie che il mio consulente di scrittura sono stati fondamentali per me. Il mio agente ha assicurato che il ritmo del libro non abbia mai rallentato. E il mio editore è stato determinante per approfondire la relazione tra i personaggi e arricchire la storia.

D. Mi è particolarmente piaciuto il modo in cui Sigrid si è trovata ad agire gradualmente, trovando la sua bussola morale lungo la strada, con il suo primissimo atto anti-nazista che era l'egocentrico di avere una relazione con un ebreo.

Devo ammettere che non ho mai pensato che la sua relazione con Egon fosse un atto anti-nazista, finché non l'hai indicato nella tua domanda. Ma hai ragione. Era il suo primo atto di resistenza, anche se hai anche ragione che Sigrid, lei stessa, non l'avrebbe mai pensata come tale. Uno dei miei obiettivi nel libro era esplorare il terreno grigio morale. Sigrid difende una giovane donna molestata dalla Gestapo in un cinema non per un grande impegno morale, ma perché non le piacciono i bulli.

Quindi i miei personaggi sono continuamente di fronte a difficili dilemmi morali che richiedono scelte immediate. A volte i risultati di queste decisioni portano a salvare vite, a volte portano a un disastro. A volte portano a entrambi. Guarda il personaggio della ragazza del periodo dell'anno, Ericha. Si inserisce nella vita di Sigrid come una bussola morale incorruttibile, ma anche lei raggiunge il suo punto di rottura.

DALLA VITA REALE?

Q. Hai fatto un ottimo lavoro nel trasmettere la paranoia di una piccola città, dove ogni commento, ogni passo che fai, viene guardato e pettegolato. Questo sicuramente aumenta la tensione. Dove l'hai imparato?

Penso che parte di quella tensione provenga dal mio passato di drammaturgo. (Ho studiato sceneggiatura prima di passare alla narrativa.) Tendo a scrivere romanzi come se fossero delle sceneggiature, basandomi sulle inversioni di ogni scena per mantenere i motori in agitazione. E adoro mettere un numero limitato di personaggi uno contro l'altro in uno spazio ristretto. La maggior parte di noi ha probabilmente sperimentato situazioni in cui ci siamo sentiti condizionati da un ambiente pettegolo, ad alta pressione e persino paranoico, in cui ogni tua mossa è soggetta a osservazioni e commenti. Non descrive un numero qualsiasi di posti di lavoro?

D. La relazione tra Sigrid e sua suocera è dura e stridente. Anche molto realistico. Ancora una volta, per me, emotivamente claustrofobico. Hai avuto un modello di vita reale per questo nella tua esperienza?

Raramente baso caratteri o le loro relazioni su persone specifiche dalla mia esperienza personale – almeno non consapevolmente. Tuttavia, ho osservato, più in generale, il tipo di attrito che genera scintille tra Sigrid e sua suocera. Di nuovo è una situazione in cui due personaggi sono intrappolati in uno spazio ristretto (un angusto appartamento di Berlino nel mezzo di una guerra) e ognuno sta perseguendo un'agenda opposta. È una lotta di potere comune a molte famiglie, penso.

D. Il finale, la scelta finale di Sigrid, è una sorpresa. Quando hai saputo come sarebbe finita la storia?

Potresti pensare, con tutte le macchinazioni della trama, che avrei dovuto dipendere dai contorni. Ma in verità, trovo contorni troppo restrittivi, quindi li uso raramente. E in quelle rare occasioni in cui ho provato, inevitabilmente li abbandono. Nel caso di City of Women ho avuto solo l'idea più generale su dove si dirigesse la trama mentre stavo scrivendo. Questo ha prodotto il suo tipo di ansia elevata, ma alla fine mi ha lasciato un sacco di spazio per i personaggi che mi sorprendessero. Egon, per esempio, l'amante di Sigrid, ha continuato a scioccarmi con gli strati di menzogne ​​che ha raccontato. Qual era la verità della sua storia? Non l'ho scoperto fino alla fine!

Copyright (c) di Susan K. Perry, autrice di Kylie's Heel

Solutions Collecting From Web of "Combatteresti contro la Gestapo?"