Combattere per i nostri figli

Ho scritto un romanzo circa 10 anni fa e, come la maggior parte dei romanzi di sconosciuti (specialmente quando sono accademici), non è mai stato pubblicato. Il tema principale riguardava un problema che mi aveva turbato per almeno sette anni: come ragazzi e giovani uomini stavano cadendo dietro le ragazze e le giovani donne a scuola e in carriera, come molti di loro sembravano mancare di direzione, e come la società non aveva sembrava aver notato.

L'eroe del mio romanzo mi assomigliava sicuramente, e siccome era un romanzo, poteva fare facilmente quello che sarebbe stato molto difficile per me fare, che era iniziare un movimento da ragazzi, o, più specificamente, un genitore movimento dei figli. E nel mio romanzo è decollato.

Perché in realtà non è stato avviato un movimento del genere o, se lo si è, perché non è decollato? Quasi tutti i genitori di un figlio giovane con cui parlo – e dai giovani, intendo dall'infanzia fino a 30 anni – hanno preoccupazioni su di lui che i genitori di figlie hanno molto meno probabilità di avere. Ma raramente lo vedono come un problema nazionale; lo vedono come il problema della loro famiglia.

Non è stato così quando è iniziato un movimento per ragazze, che risale almeno al primo giorno di "Take Our Daughters to Work" nel 1993 e alla pubblicazione del 1994 di Failing at Fairness: How America's Schools Cheat Girls di Myra e David Sadker. Cosa ha spinto questi progetti? Il movimento delle donne, di sicuro ("Daughters to Work" è stato sponsorizzato dalla signora Foundation), e anche il semplice fatto di avere delle figlie.

Naturalmente, i genitori amorevoli saranno preoccupati per i loro figli. Sospetto fortemente che parte della motivazione per i Sadker sia stata che i loro figli erano ragazze. So che una delle principali motivazioni per me era che i miei figli erano ragazzi.

Esprimo la mia preoccupazione per la difficile situazione dei ragazzi e dei giovani a un commento sprezzante sugli uomini fatti da Robin Morgan in televisione alla fine del 1992. Morgan, editore di "Sisterhood Is Powerful" e più tardi redattore della rivista, si riferiva a "maschi pallidi, "Un termine che non avevo mai sentito prima, ma che chiaramente conteneva elementi di razzismo e sessismo. Fino a quel momento ero stato un forte sostenitore del femminismo, ma improvvisamente mi sono reso conto che il suo evidente disprezzo per gli uomini (cercando in qualche modo di escludere gli uomini afroamericani dalla sua antipatia) includeva le persone che amavo con tutto ciò che avevo nella mia anima: i miei tre figli, tutti "maschi pallidi". Stava attaccando i miei figli.

Ho scritto un pezzo su questo, su come si sentiva il padre dei figli in un momento in cui le femministe non ci pensavano due volte prima di attaccare gli uomini. L'ho intitolato "Loving Pale Mases" e l'ho inviato alla rivista del New York Times , che all'epoca aveva un lungometraggio bisettimanale intitolato "About Men" (in alternanza con "Hers"). Poche settimane dopo, l'editore ha chiamato per dire che era mancato essere stato pubblicato da un voto del comitato editoriale.

Ero estremamente deluso, ma avrebbe davvero fatto la differenza se fosse stato pubblicato allora, nel 1993? Ho menzionato nel pezzo che avevo notato che le ragazze stavano facendo molto meglio dei ragazzi del liceo di mio figlio, e che le donne nelle classi del college che insegnavo stavano facendo meglio degli uomini ("eccellendo in ogni area", è come L'ho detto e ho aggiunto: "Per anni sono state le donne delle mie classi, molto più degli uomini, che sembrano molto motivate a riuscire.") Se il nostro paese, 17 anni dopo, con il divario di genere molto più grande , non è ancora pronto ad abbracciare un movimento genuino di ragazzi e giovani, il mio pezzo avrebbe causato più di una piccola increspatura nello stagno della correttezza di genere?

Con il passare degli anni, i dati che mostravano i ragazzi in ritardo rispetto alle ragazze diventavano così chiari e così massicci da essere innegabili, continuavo a chiedermi: dov'erano i genitori dei ragazzi? E mi chiedo ancora. Come può una madre di un figlio non lottare per il miglior interesse di suo figlio? "Portare le nostre figlie al lavoro" alla fine è diventato "Portate le nostre figlie ei figli al lavoro", solo quando è diventato lampante che i ragazzi avevano bisogno di ispirazione almeno tanto quanto le ragazze (per capirlo molto); ma non c'è mai stato un giorno nazionale "Take Our Sons to College", come dovrebbe essere.

Perchè no?

Non conosco la risposta, ma ho alcune idee. Nessuno vuole fare nulla che possa far sembrare che stiamo cercando di impedire alle ragazze di raggiungere il loro pieno potenziale. Fino a poco tempo fa, ho trovato difficile parlare del problema dei ragazzi con amici che avevano figlie ma nessun figlio. Vorrei ooh e aah quando mi hanno detto della scuola, dei risultati, e talvolta anche degli stipendi delle loro figlie, ma dentro di me ero invidioso e arrabbiato. I loro figli sono cresciuti in un mondo in cui un intero movimento sociale essenzialmente ha detto: "Vai, ragazza!" I miei figli sono cresciuti in uno che essenzialmente ha detto: "Sei un ragazzo, quindi non dobbiamo pagare nessuno particolare attenzione a te. "

Non rimpiango nessuno il forte desiderio di vedere il suo bambino riuscire nel suo più grande potenziale. Quindi posso capire bene i genitori delle figlie che li spingono a raggiungere e deliziare i loro risultati; e posso persino capire come i Sadkers potrebbero scagliarsi contro ciò che hanno percepito come disuguaglianza di genere in classe.

Ma quello che non capisco, e ciò che più mi infastidisce, è come i genitori dei figli, ancora oggi, non si rendano conto che i ragazzi di tutto il mondo industrializzato sono nei guai e, peggio ancora, che molte madri di figli continuano combattere solo per le aspirazioni delle ragazze e delle giovani donne, che, quando si tratta di scuola, ambizione e successo, hanno bisogno del nostro aiuto molto meno dei nostri figli.

Non si tratta di amare "maschi pallidi", ma piuttosto di amare e sostenere i maschi di ogni colore. E con riferimento alla razza e all'etnia, tenetelo presente: le femministe che sostengono attivamente le ragazze negli anni '90 e negli anni '20, piuttosto che sostenere tutti i nostri figli, hanno fatto sì che i ragazzi afro-americani fossero esclusi insieme ai ragazzi bianchi. Una marea crescente solleva tutte le barche, e sebbene gli afroamericani siano ancora molto indietro rispetto ai bianchi iscritti al college, le donne nere stanno certamente facendo molto meglio dei loro fratelli (secondo The Chronicle of Higher Education , dal 2007 per ogni 100 donne afroamericane conseguendo una laurea triennale c'erano solo 50 uomini).

Ho un amico femminista che ha un figlio, che ha circa vent'anni. Sta andando bene, più che bene rispetto a molti dei suoi coetanei, ma forse non così bene come molte delle sue coetanee contemporanee. Ma continua a sostenere con forza le aspirazioni delle giovani donne, denunciando qualsiasi argomento che i ragazzi siano nei guai. Ha sessant'anni e mi rendo conto che come donna ha sofferto in modi che non ho. Ma il mondo in cui suo figlio è cresciuto non è quello in cui è diventata maggiorenne. Considera questo: alcuni anni fa, quando chiesi a mia figlia media, che allora aveva 27 anni, se avesse mai sentito parlare di gruppi di sensibilizzazione delle donne, lei disse di no. È cresciuta sapendo di poter fare qualsiasi cosa.

In realtà, questo è il problema in poche parole, quell'espressione: "Puoi fare qualsiasi cosa". Per le ragazze significa che puoi essere un avvocato, un dottore, un uomo d'affari, un governatore e, un giorno, sì, un presidente. Per i ragazzi, è arrivato a significare: "Non devi spingere te stesso come ho fatto io. Puoi essere la tua persona. E se questo significa suonare in una rock band o aspirare ad essere un atleta professionista o giocare ai videogiochi tutto il giorno, così sia. "

Ma questo è un mondo diretto verso un disastro sociale. Alcuni dei migliori libri sulla questione dei ragazzi sono stati scritti da uomini con figlie ma senza figli ( A Fine Young Man di Michael Gurian, Boys Adrift di Leonard Sax, Why Boys Fail di Richard Whitmire). Penso che riconoscano che alla fine ciò che accade ai ragazzi e ai giovani riguarderà anche le giovani donne. Il pool di partner idonei delle loro figlie si sta restringendo e continuerà a farlo.

In definitiva, se sempre più donne sposano uomini al di sotto di loro in termini di istruzione, status e risultati, è qualcosa da accogliere? Non ha funzionato quando erano le donne che non stavano compiendo il loro pieno potenziale. C'è qualche ragione per credere che funzionerà meglio quando sono gli uomini?

Ma non possiamo aspettarci che i nostri figli e nipoti si girino. I bambini non hanno iniziato "Portare le nostre figlie al lavoro". Gli adulti lo hanno fatto. I genitori (e nonni, zie e zii) delle ragazze li hanno sostenuti come causa. I figli non l'hanno fatto. Molti di loro, infatti, hanno madri che, per qualsiasi ragione nel loro ambiente, matrimoni o preoccupazioni femministe, sostengono ancora le aspirazioni delle ragazze più di quelle dei ragazzi, e questo deve cambiare.

A partire dalla nascita del fratello di mio padre quasi 100 anni fa, sono stato in una linea di sangue di nient'altro che i maschi. Ho un fratello, tre figli e ora tre nipoti. Nessuno potrebbe amare i loro figli e nipoti più di me, ma, comunque, mi piacerebbe avere una nipotina. Sono sicuro che tutta la nostra famiglia festeggerà per settimane se e quando una ragazza finalmente arriverà, e forse, guardando nel suo dolce viso, immaginerò tutte le cose meravigliose che potrebbe ottenere nella sua vita, in questo mondo senza limiti.

Ma a partire da ora, tutti i miei figli e nipoti sono maschi. Non posso aspettarmi che tutti condividano la passione che provo per i bisogni dei ragazzi e dei giovani, ma penso che sia passato il tempo per ogni madre e padre di figli a capire che dobbiamo sostenere i nostri figli, non solo individualmente, ma come gruppo. Alcuni dei miei amici femministi, i cui figli stanno lottando, dicono di aver iniziato a pensare al mio modo di pensare. Accolgo con favore il fatto che loro riconoscano che non sono solo i loro figli che stanno dibattendo, ma ragazzi e giovani uomini in tutto il paese – in realtà, attraverso il mondo industrializzato.

Per coloro che guardano al fatto che sono gli uomini che controllano ancora le redini del potere, finirò con queste parole del mio romanzo, dal capo immaginario di ciò che – nel mio sogno – è diventato un movimento importante:

"Amo i miei ragazzi … li amo più di quanto io ami la vita stessa. E non posso sopportarlo quando devo sentirmi in imbarazzo a difendere i loro bisogni perché dovrebbero essere privilegiati. Non si sentono privilegiati. Sono bambini, per l'amor di Dio! "

Solutions Collecting From Web of "Combattere per i nostri figli"