Coltivare la resilienza durante i periodi di stress

Io vivo nel grande stato del Colorado. I nostri bellissimi paesaggi sono stati recentemente fatti a pezzi da alcuni dei peggiori disastri naturali della nostra storia. L'estate è iniziata con incendi da record e si è conclusa con piogge devastanti. Le inondazioni estreme hanno squarciato le strade, distrutto le case e hanno letteralmente cambiato il nostro paesaggio. Eppure, come se di concerto con le acque in aumento, le storie di resilienza e atti di altruismo si sono diffuse nelle nostre comunità.

I vicini si sono uniti e sono diventati improvvisati equipaggi di pulizia mentre pattugliavano le strade, ripulendo i detriti da una casa e poi passando metodicamente a quello successivo. Le persone e gli animali sono morti e le case che le persone hanno lavorato per tutta la vita sono state distrutte. Ma sparsi tra la tragedia e il caos furono numerosi e significativi atti di gentilezza disinteressati che sicuramente resero conto della resilienza di così tanti residenti del Colorado.

Sono solo disastri naturali e orribili tragedie che ci uniscono? Ovviamente no. Il fatto è che questi atti altruistici accadono sempre e per una buona ragione. Dobbiamo solo sintonizzarci e prendere atto.

Altruistico per natura?

L'evoluzione ha sempre favorito il più adatto. Forse è per questo che, come società, enfatizziamo la competizione e la forza; ci aiutano a sopravvivere al brutale processo di selezione naturale. In verità, tuttavia, l'umanità continua a prosperare grazie alla carità degli altri e al sostegno delle nostre comunità. E questo perché siamo altruisti per natura.

La cooperazione e la collaborazione sono le caratteristiche delle nostre radici di cacciatori / raccoglitori. Ma anche per gli standard odierni, il soldato disinteressato e i primi soccorritori salvavita sono eroi. Viceversa, come comunità aborriamo atti egoistici di vigliaccheria.

Anche i più piccoli sono altruisti. Gli studi dimostrano che i bambini piccoli cercano di aiutare qualcuno che vedono in difficoltà. E questo non cambia quando invecchiamo. Inoltre, aiutare gli altri in realtà aiuta anche noi. Gli studi dimostrano che i volontari sono più sani e più felici delle loro controparti non volontarie.

Uno dei motivi per cui abbiamo questa inclinazione altruistica è perché siamo effettivamente portati a sentirci connessi con gli altri.

La resilienza richiede persone

A quanto pare, la nostra capacità di essere resilienti dipende in gran parte dalle nostre interazioni con gli altri. E questo perché queste interazioni influenzano l'attività dei principali neuroni nel cervello, prevalentemente nella corteccia prefrontale, che influenza quindi la nostra risposta allo stress. Quando questi neuroni si "sparano" e altri fattori vengono ridotti, possiamo essere più resistenti. E quando ci sentiamo resilienti, abbiamo la tendenza ad essere più altruisti, che è la nostra naturale inclinazione.

Ciò è stato sostenuto nel 2012, quando uno studio sulla rivista Neuron ha mostrato che i bambini che agivano in modo più egoistico avevano una corteccia prefrontale immatura rispetto a quei bambini che erano in grado di resistere alla tentazione di essere egoisti.

"Ci sono stati un certo numero di studi che hanno dimostrato una relazione tra metabolismo cerebrale o attivazione cerebrale e risposte al dolore o allo stress che sono modificati dal supporto sociale", ha detto Deborah Yurgelun-Todd, PhD, professore di Psichiatria presso la University of Utah School di medicina. "I meccanismi esatti con cui il sostegno sociale è associato ai risultati sanitari non sono noti; tuttavia, recenti indagini suggeriscono che potrebbe essere correlato al calmarsi delle risposte relative alle minacce. "

Un forte social network garantisce che la nostra risposta allo stress non vada fuori controllo. In effetti, uno dei maggiori ostacoli alla resilienza è la nostra risposta allo stress. Se la nostra risposta allo stress è fuori controllo, può inibire la nostra capacità di essere resilienti.

Secondo esperti altamente qualificati nel campo della resilienza, il dott. Steven Southwick e il dott. Dennis Charney, autori di Resilience: La scienza di dominare le più grandi sfide della vita, fare affidamento sulla nostra morale e sulla nostra capacità di riconoscere ciò che è giusto e sbagliato ci aiuta a essere più resilienti . Ed è qui che l'altruismo entra nel quadro. "In situazioni traumatiche, vogliamo essere pronti a fare ciò che è giusto", ha detto Southwick in un'intervista.

Quando facciamo ciò che è giusto, con le persone giuste, possiamo gestire lo stress in modo più efficace ed essere più resilienti. Quella famosa lirica è vera: le persone che hanno bisogno delle persone sono davvero le persone più fortunate del mondo … e sono anche più resilienti.

Nota: Karolyn scrive anche Thrive Thoughts settimanale con il suo coautore, la dottoressa Lise Alschuler. Insieme, sono gli autori del nuovo libro, The Definitive Guide to Thriving After Cancer .

Solutions Collecting From Web of "Coltivare la resilienza durante i periodi di stress"