Coltivare la resilienza attraverso la storia

Fonte: Jan Kahanek / Unsplash

All'età di 35 anni mi è stato diagnosticato un cancro allo stadio IV e ora ho tre anni di remissione.

Non molto tempo fa, sono tornato a leggere il diario che ho tenuto durante tutta la mia esperienza sul cancro. Ho avuto un momento agli a-ha mentre leggevo le parole che avevo scritto.

Mi sono reso conto che stavo tenendo un importante strumento per coltivare la resilienza proprio lì nelle mie mani: non sto solo parlando del mio diario, ma piuttosto della mia storia .

Ecco tre modi in cui puoi sbloccare il potere della storia per aiutarti a navigare nei disastri della vita.

Condividi la tua storia quando sei pronto

Il giornalista Michele Weldon osserva: "Conduciamo tutti delle vite degne di essere preservate. Le nostre storie devono essere raccontate, se non a nessun altro, quindi solo a noi stessi … "

Tuttavia, condividere le nostre storie di disastri personali con gli altri può essere difficile. Ero in remissione per quasi due anni prima che condividessi pubblicamente la mia storia di disastri del cancro. Prima di questo, ho solo condiviso piccoli pezzi della mia storia con le persone più vicine a me.

Ho imparato che le nostre storie non sono qualcosa da affrettare.

In passato, i professionisti della salute mentale hanno utilizzato un intervento chiamato "debriefing degli incidenti critici" immediatamente dopo i disastri. L'idea era che se avessimo potuto riunire le persone per raccontare le loro storie subito dopo una grande tragedia, potremmo impedire loro di sperimentare traumi a lungo termine. Ora sappiamo al meglio che questo approccio non è utile e in peggio è tutto dannoso.

A volte abbiamo bisogno di conservare le nostre storie per un po 'di tempo in modo da poterle affrontare adeguatamente. Non sentirti costretto a ripetere o rivivere eventi indesiderati se non sei pronto. Condividi solo ciò che ti senti a tuo agio nella condivisione.

Condividere il nostro trauma prima di essere pronti è come fare volontariato per aprire una ferita quando non ci sono forniture disponibili per bendare la ferita. Sii paziente con la tua storia e concediti di guarire prima di condividerla con gli altri.

Sii consapevole di chi ti fidi della tua storia

Dopo aver scoperto che avevo il cancro, dovevo ottenere una TC per valutare ulteriormente quanto si era diffuso.

Fu allora che mi resi conto che avrei dovuto dire alle mie tre bambine che "Papà ha il cancro". Cominciai singhiozzando e scuotendo incontrollabilmente. La tecnologia ha dovuto interrompere la scansione.

Ha chiesto cosa fosse sbagliato e perché stavo facendo la scansione. Dopo aver condiviso brevemente la mia storia, lei rispose: "Dio mette alla prova solo i forti" e, "Almeno non lo hai così male come ho fatto quando ho combattuto contro il cancro." Perché ho studiato un trauma abbastanza a lungo, ero in grado di spazzare via i suoi commenti inutili.

Ma mi è rimasto da chiedersi quanto profondamente queste parole ben intenzionate ma scelte male avrebbero potuto influenzare gli altri con i quali probabilmente condivideva le stesse banalità.

Non metterti in una posizione vulnerabile se puoi impedirlo: scegli le persone sicure.

Raggiungi i familiari, gli amici o gli aiutanti (ad esempio gli psicologi) che sai di poter fidare della tua storia.

Continua a raccontare la tua storia

Più racconti la tua storia, più controllo otterrai sulla tua esperienza personale di disastro. Forse l'hai visto in azione mentre un sopravvissuto al disastro ripete la loro storia all'infinito.

L'ho visto con un sopravvissuto dopo un'alluvione nel nord dell'Illinois, che condivideva avidamente la stessa versione della sua storia quasi alla lettera con ogni nuovo volontario che veniva per aiutare nel corso della giornata: "Non crederesti quanto fossero alte le acque … "e," Non puoi immaginare quanto in alto fossero le acque … "

L'ho visto in Giappone dopo il terremoto e lo tsunami del 3/11, dove ho incontrato una donna anziana che ha condiviso la sua storia con noi mentre il nostro team ha visitato un rifugio per l'evacuazione. Ha detto: "Ogni volta che vieni a visitare, rimuovi le macerie dal mio cuore".

Queste due persone sopravvissero a catastrofi molto diverse. Vivevano in paesi diversi a migliaia di chilometri di distanza. Entrambi provenivano da culture e background molto diversi. Eppure, entrambi utilizzavano istintivamente una delle tradizioni più potenti e antiche dello storytelling dell'umanità per far fronte alle loro esperienze di disastro.

Il Dr. Jamie D. Aten è uno psicologo del disastro e fondatore e direttore esecutivo del Humanitarian Disaster Institute del Wheaton College in Illinois. I suoi ultimi libri includono il Disaster Ministry Handbook e la Psicoterapia orientata spiritualmente per trauma. Puoi seguire Jamie su Twitter all'indirizzo @drjamieaten o visitare il suo sito web, jamieaten.com. Iscriviti qui per ricevere le ultime notizie da jamieaten.com tramite l'Istituto per i disastri umanitari inviato direttamente alla tua casella di posta.

Copyright Jamie Aten

Solutions Collecting From Web of "Coltivare la resilienza attraverso la storia"