Coltivando i semi di compassione, connessione cosciente e il sé

Nelle tradizioni di saggezza buddista c'è un insegnamento sui tre veleni: bramosia, aggressività e ignoranza. Questi tre veleni sono associati a tre oggetti: persone, luoghi e circostanze. Questi veleni e questi oggetti ci conducono quindi alle tre virtù: non attaccamento, tolleranza e accettazione. Tutto ciò fornisce un contesto entro il quale potremmo sviluppare la vera compassione.

I tre veleni – aggressività, bramosia e ignoranza – potrebbero essere considerati meta-contenitori per tutti i sentimenti che proviamo. L'intenzione di questo insegnamento, e la sua pratica associata, è, semplicemente, sentire i tuoi sentimenti.

In termini di bramosia potremmo pensare a dipendenza, ossessione o competizione. In termini di aggressività potremmo pensare alla rabbia, alla frustrazione, al risentimento o all'impazienza. In termini di ignoranza potremmo pensare all'aggressività passiva, all'abilitazione o all'agire.

La chiave qui, come è vero per tutte le tradizioni che parlano allo spirito o alla psiche, è conoscere la totalità di se stessi, piuttosto che negare qualsiasi parte di ciò. A quel punto, uno dei grandi malintesi sul concetto di ombra di Jung è che è qualcosa che esiste nel nostro inconscio, un contenitore per gli atteggiamenti e i comportamenti di cui siamo inconsapevoli. In realtà, l'ombra consiste in quelle parti di noi stessi che rifiuteremmo. Se sei un democratico, il tuo sé ombra è repubblicano; è così semplice.

Nell'aprirci alla profonda e costante introspezione, ci integriamo nei nostri aspetti dello stato cosciente di noi stessi che altrimenti potremmo rifiutare. Sentire i tuoi sentimenti e conoscere te stesso sono gli elementi chiave associati alla coltivazione della compassione perché, una volta che vediamo quelle cose in noi stessi, possiamo riconoscerle negli altri, portandoci alla consapevolezza che, in realtà, non siamo soli: piuttosto, siamo amministratori di un'esperienza condivisa di emozioni.

Quindi, i tre veleni sono provocati dall'esperienza dei tre oggetti: persone, cose e circostanze. Le tre virtù si alimentano e sono alimentate dallo sviluppo della compassione, poiché il seme stesso della compassione sta prendendo un momento per riconoscere che non sei solo; stai vivendo qualcosa che tutte le persone stanno vivendo. Quella rabbia, quella brama, quella frustrazione, quella passività e persino quella suicidalità sono cose universalmente condivise e non qualcosa a cui tu, da solo, rivendichi la proprietà.

Riconoscendo che ognuno di noi come parte del tessuto dell'umanità, i cui fili sono tutti ugualmente di livello, è il fondamento per sviluppare la compassione che ci permette di accettare noi stessi, e tranne ciò che accade intorno a noi con grazia e alacrità. È il motore di correre nel fuoco, prendere ciò che è doloroso, provocare sofferenza o causare disagio e usarlo per alimentare il nostro autosviluppo.

© 2009 Michael J. Formica, tutti i diritti riservati

Mailing List di Michael | La mail di Michael | Segui Michael su Twitter

Michael su Facebook | The Integral Life Institute su Facebook

Solutions Collecting From Web of "Coltivando i semi di compassione, connessione cosciente e il sé"