Colpa, responsabilità e cura

La risposta di Aung San Suu Kyi proveniva da se stessa e dalla sua tradizione buddhista

Una delle pietre miliari fondamentali sul sentiero della trasformazione della coscienza è il momento in cui possiamo integrare pienamente la consapevolezza radicale che le nostre risposte emotive al mondo e alle cose che ci accadono non sono mai causate da un'altra persona. Questa consapevolezza è in netto contrasto con il nostro discorso abituale, che afferma che sentiamo ciò che proviamo a causa di ciò che qualcun altro ha fatto. Invece, impariamo, se ci applichiamo profondamente a questa pratica, che le nostre emozioni sono solo causate dal significato che assegniamo a ciò che qualcuno ha fatto, e quel significato è generato da dentro di noi, non dalle azioni.

Come creiamo la nostra esperienza

La versione di questo percorso che è specificamente insegnata come parte della formazione in Nonviolent Communication (NVC) è l'idea che i nostri sentimenti emergano dai nostri bisogni. Per anni, stavo insegnando NVC esattamente in quel modo, nominando i sentimenti come causati dai nostri bisogni, categorizzandoli in quei sentimenti che sorgono quando i nostri bisogni sono soddisfatti e quelli che sorgono quando i nostri bisogni non sono soddisfatti. Col passare del tempo, questo pacchetto accurato è diventato più complesso, poiché mi sono reso conto che soddisfare o meno i miei bisogni è, in sé e per sé, un significato assegnato a ciò che accade piuttosto che a una realtà "oggettiva" che viene "data" da ciò che accade.

Perché queste distinzioni sono importanti? Sono profondamente impegnato a scoprire e invitare gli altri a scoprire le più selvagge esperienze dell'esperienza di una radicale libertà interiore. Nella misura in cui credo che "i miei bisogni non sono soddisfatti" è uno stato causato da una realtà esterna, perdo, ancora una volta, il senso di appartenenza alla mia esperienza. Ho, più e più volte, visto persone cambiare la loro lingua senza spostare la loro convinzione interiore che, in qualche modo fondamentale, l'altra persona è colui che causa la loro esperienza. "Sono arrabbiato perché il mio bisogno di rispetto non è soddisfatto" richiede solo un po 'di responsabilità per l'esperienza rispetto a "Sono arrabbiato perché mi hai parlato in modo irrispettoso." L'altra persona è assente dal punto di vista linguistico, non in sostanza .

La libertà che mi è disponibile in un momento del genere sorge quando divento pienamente e schiacciante consapevole di essere colui che legge ciò che è stato detto che non soddisfa il mio bisogno di rispetto e che ho piena scelta su come interpreto ciò che l'altro la persona ha fatto Alcune interpretazioni si presteranno a più o meno dolore per me. Non sono i miei bisogni come entità astratte che influenzano la mia esperienza, sono i miei bisogni come una dinamica, vissuta nel momento, continuamente reinterpretata, fonte di significato nella mia vita, unita alla mia interpretazione dell'altra persona e alla loro motivazione.

Anche in circostanze estreme …

Ciò vale non solo per il quotidiano, quotidiano sfregamento contro altre persone a casa e al lavoro. La stessa cosa vale per qualsiasi azione intrapresa da un'altra persona che abbia un effetto su di noi. Se qualcuno mi ferisce fisicamente, per prendere una situazione più estrema, le loro azioni causano chiaramente effetti sul mio corpo – potrei avere lividi, arti spezzati, persino organi interni danneggiati. Questo è ancora diverso dall'esperienza emotiva che avrei. Sono ancora – in teoria se non nella pratica comune – libero di scegliere il significato che assegno a questa situazione. Il modo in cui ne faccio un significato influenzerà i sentimenti che provo anche quando il mio corpo è danneggiato. Vedo totalmente che per avere un'interpretazione che mi permetta di avere, per esempio, dolore senza traumi, avrei bisogno di avere molta pratica, più di quanto la maggior parte di noi abbia mai, in modo che io possa vedere la tragedia invece di vedere il male.

Parte della tragedia di tali incontri è che l'opzione della tragedia è raramente disponibile per noi quando le cose vengono fatte a noi, e quindi molti di noi, nella storia umana, hanno scelto di rispondere cercando vendetta, eliminando il "male" in nostro mezzo, continuando il ciclo di violenza, senza in realtà ottenere soddisfazione e sollievo per il danno che abbiamo vissuto.

Invece, quei rari individui che trovano un modo per vedere la tragica distorsione dei bisogni umani che porta ad atti di violenza nei loro confronti, o in qualche altro modo trovano un significato diverso da assegnare al danno fatto a loro, possono avere più tranquillità della mente e guarigione per se stessi. Non sono a conoscenza degli studi fatti per esplorarlo; Sto solo basando questa affermazione sulla mia esperienza personale di supporto ai processi di guarigione per le persone e sulle mie esperienze di guarigione.

Per essere chiari e precisi: non si tratta di perdono, che per me rimane immerso nella nozione di torto. Si tratta di uscire del tutto dal giusto / sbagliato frame. Non si tratta di rendere OK che qualcuno ha fatto del male, e nessun sostituto per fare tutto il necessario per proteggere le persone dai danni. Questa è solo una questione di quale cornice abbiamo internamente, e quindi quali sentimenti potremmo avere, quando ci viene fatto del male. La questione di ciò che è più probabile che sia protettivo, sia che si tratti di processi punitivi o riparativi, nella mia mente è stata messa a tacere in base a ciò che ho già letto delle statistiche sui reati ripetuti.

Quando siamo incolpati da un altro

Tutto quanto sopra è stato un preambolo, una riflessione di fondo che volevo presentare per essere in grado di concentrarmi sull'argomento che sto perseguendo oggi. In risposta al tipo di pensiero che ho appena esposto, le basi delle quali ho imparato, insieme a molte altre, da Marshall Rosenberg, ho visto molte persone adottare un atteggiamento che non ho mai visto così ben presentato come il seguente poema, pubblicato con il permesso di Paul Crosland. Sto postando qui perché, nonostante il mio piacere estetico in questo poema, sono turbato dal suo messaggio, e ho voluto offrire un'alternativa per quelli di noi che comprendono profondamente la libertà che è possibile quando lasciamo andare la colpa.

Lecca le tue ferite per favore, allora parliamo

Non incolpare me
Anche se ho innescato il tuo dolore.
È il tuo dolore e quindi la tua responsabilità.
Non chiamarmi scortese; Sarei felice di aiutare
scegli il tuo dolore e vedi
da dove viene e come può
essere accelerato sulla sua strada per partire.

Perdonami se sembro clinico
e meno che compassionevole
nel modo in cui offro il coltello di questo chirurgo;
la mia formazione è incompleta.

Quindi, se non vuoi questo, perché no
cessare di incrociare il mio cammino con
le tue storie di colpa.
Vai, lecca le tue ferite per favore allora
parliamo.

La mia parte preferita di questo poema è il segmento intermedio, perché in esso vedo l'umiltà, la volontà di assumersi la responsabilità di una parte della complessità di una situazione e l'impegno per l'apprendimento continuo. È per questo che confido che Paul sia aperto alla mia offerta, che spero possa essere un contributo per lui e per i molti altri che ho visto – sia nelle comunità NVC che in altri gruppi che raggiungono conclusioni simili attraverso percorsi un po 'diversi .

Rimanere all'interno del Web interdipendente

Che le mie azioni non abbiano causato il dolore di un'altra persona (eccetto il fisico, quando è coinvolto il fisico) non significa che il dolore dell'altra persona non sia correlato a ciò che ho fatto. Prendere in giro la natura di questa relazione è stata una continua ricerca per me, perché parte della comprensione dell'interdipendenza, per me, è stata che le nostre azioni, sempre, hanno un effetto sugli altri. Cosa possiamo forse intendere quando diciamo, in primo luogo, che le mie azioni non causano il dolore emotivo di un altro e che le mie azioni hanno un effetto sugli altri?

Un modo in cui ho capito questo, e che sto ancora indagando, è un po 'come una distribuzione di probabilità. Per esempio, se dico a qualcuno che a causa di qualcosa che hanno fatto non sono i benvenuti da qualche parte, non sto causando loro il significato di "rifiuto". Tuttavia, se so qualcosa sugli umani, e se so in particolare qualcosa sulla cultura o sotto-cultura in cui vivo, sarebbe facile dedurre la probabilità di quell'esperienza. Nella maggior parte dei contesti che ho conosciuto, questa probabilità è piuttosto alta. Prendendo sul serio il significato della nostra interdipendenza e con l'impegno di agire con cura al suo interno, vorrei trovare un modo per rendere il più semplice possibile per l'altra persona interpretare le mie azioni attraverso una cornice diversa da quella del "rifiuto".

Se non l'ho fatto, se ho agito solo con consapevolezza dei miei bisogni e desideri, senza una scelta consapevole su come influenzeranno gli altri, allora voglio essere disponibile, con un cuore aperto, e non con l'intenzione di " educare "la persona che si sente devastata e non chiede istruzione. Voglio trovare un modo per assumermi la responsabilità delle mie azioni, per possedere il loro effetto senza farmi sbagliare, senza farmi la causa e senza lasciarmi così completamente libero da far sì che l'altra persona sia lasciata sola a trattenere il loro dolore. Sono parte di ciò che ha creato quell'esperienza per loro, e questo significa qualcosa per me.

Rispondere alla colpa con cura

In termini semplici, quando qualcuno mi incolpa per la loro esperienza, mi piacerebbe trovare un modo per impegnarsi con loro, per essere umanamente disponibili, per sapere che il messaggio di libertà può essere meglio ricevuto da quella persona quando sono stati ascoltati e quando sperimentano la mia cura. Avrebbero bisogno di sapere che il loro dolore e la loro esperienza sono compresi, e questo non è abbastanza. Il modo in cui mostro la mia cura è un ingrediente essenziale nella possibilità di guarire e trasformare l'esperienza della colpa per quella persona. Io mostro la mia attenzione attraverso il lutto per l'effetto delle mie azioni, in un modo profondamente sentito, indipendentemente dal fatto che io sia d'accordo o meno sull'interpretazione di ciò che queste azioni hanno significato. Molto più spesso, la possibilità di cambiare il significato di ciò che è accaduto è disponibile solo dopo che tale cura e lutto sono stati presi dalla persona che inizialmente sta incolpando. Questo è un grande motivo per cui le persone chiedono scuse. Questo è ciò che mi preoccupa così tanto di questo poema. Semplicemente non sento attenzione in esso. Solo il tentativo di educare un'altra persona sul perché sarebbe meglio assumersi la responsabilità per il loro dolore invece di farmi credere.

Questa non è una pratica facile quando qualcuno lancia la colpa e rabbia il nostro modo in risposta a qualcosa che abbiamo fatto. Continuo, personalmente, a lottare per essere in grado di esprimere quel tipo di lutto in modo affidabile. Vengo ancora preso, più spesso di quanto io voglia, nel desiderio umano di essere visto nella mia innocenza. Non ho alcun problema di lutto quando le mie azioni non sono allineate con i miei valori, perché chiaramente vorrei aver fatto qualcosa di diverso, e posso avere quel lutto profondo senza scivolare in colpa. È difficile quando rimango allineato con le mie azioni, anche se hanno causato così tanto dolore. Invece di piangere il loro effetto, indipendentemente dalle mie intenzioni, rimango intrappolato nel volere che l'altra persona capisca perché ho fatto le scelte che ho fatto, credendo che questa comprensione avrebbe sostenuto il sollievo per loro, e dimenticando quanto sia essenziale il lutto prima che questo sollievo possa accadere.

Vivere con un cuore aperto

In chiusura, torno a capire quanto sia profondamente impegnativo essere umani e mirare a vivere con un cuore aperto. È molto più facile cadere nelle molte trappole che i nostri condizionamenti e millenni di civiltà ci offrono. Sono proprio ora nel bel mezzo di una conversazione con una delle mie persone più cari che ha iniziato con il mio dire qualcosa che era spaventoso da dire e anche importante, perché provavo dolore che sapevo derivava dalla mia interpretazione delle azioni di quest'altra persona. Avevo paura, perché ero abbastanza fiducioso che la mia interpretazione, anche se completamente posseduta da me come semplice interpretazione e non "verità", sarebbe davvero difficile da ascoltare per l'altra persona. Abbastanza sicuro, la reazione iniziale è stata un'enorme ondata di dolore per l'altra persona, che includeva una certa rabbia. Era esattamente ciò di cui avevo paura. Poiché la nostra amicizia è quella in cui predomina la fiducia, non c'era alcun rischio reale per la relazione stessa. Tanto che potevamo avere la conversazione a pezzi, per onorare le nostre rispettive piastre complete, senza perdere calore e cordialità anche quando lasciavamo le cose penzolanti per alcuni giorni. Entrambi abbiamo imparato da questo dialogo, sia sull'argomento che su noi stessi. Ora stiamo collaborando alla ricerca di strategie per affrontare i bisogni sottostanti che mi hanno portato a parlare. Questo è un risultato migliore di quanto avessi mai immaginato.

Anche se la mia vita è stata impegnativa, per tutto il tempo che posso ricordare, anch'io mi sento enormemente fortunato, privilegiato. Uno di questi privilegi è quello di venire in un posto in cui posso esprimere il mio dolore per le azioni altrui senza incolpare di loro e ascoltare il dolore degli altri, almeno in alcune occasioni, senza perdere la presenza, senza colpa o difesa. Auguro con tutto il cuore che la bellezza luminosa delle possibilità che si aprono quando possiamo farlo insieme sia ampiamente nota. Questo è un modo in cui possiamo creare alternative alla guerra, su piccola scala e oltre.

Nota: l'immagine in alto è tratta dal film The Lady, con Michelle Yeoh nei panni di Aung San Suu Kyi.

Clicca qui per leggere le domande su questo post e unirti a noi per discuterle in una conference call: martedì 26 febbraio, 5: 30-7 pm ora del Pacifico. Questo è un nuovo modo in cui puoi entrare in contatto con me e con gli altri che leggono questo blog. Chiediamo $ 30 per partecipare alla chiamata, in base all'economia del regalo: quindi paga più o meno (o niente) come puoi e vuoi.

Solutions Collecting From Web of "Colpa, responsabilità e cura"