Colmare il nostro dividere nazionale richiede empatia e compassione

I risultati delle elezioni presidenziali del 2016 dimostrano che molti americani hanno perso fiducia in un governo che non è riuscito a risolvere i loro problemi e le loro difficoltà a causa della mancanza di comprensione dei loro sentimenti e delle loro prospettive.

Donald Trump, un outsider politico, ha espresso una consapevolezza e una comprensione in un modo che ha risonato profondamente con molti, che quindi credono che "Trump dice la verità".

Nel frattempo, il 13 ottobre 2016, ho partecipato a un programma dell'UCLA intitolato "Why History Matters-Historians e altri (Try To) Senso delle elezioni 2016". Tutti e cinque i relatori e il moderatore hanno concordato che Trump è un demagogo.

Un demagogo è "un leader politico che cerca sostegno facendo appello ai desideri e ai pregiudizi popolari piuttosto che usando argomentazioni razionali".

Secondo i relatori, le circostanze mature per i demagoghi sono la perdita di una guerra, l'imbarazzo nazionale, le depressioni economiche, le grandi recessioni, l'ineguaglianza dei redditi e simili. I demagoghi presentano soluzioni semplici per questioni molto complesse e si rivolgono a coloro che si sentono "perdenti" rispetto allo status quo.

Indipendentemente dal fatto che tu sia d'accordo sul fatto che Trump sia un demagogo, "la verità", egli parla, ha indotto molti americani a sentirsi estranei nel loro stesso paese.

Sfortunatamente, "fare appello ai desideri e ai pregiudizi popolari" non risolverà i problemi degli americani che hanno votato per lui e polarizzeranno ulteriormente la nostra nazione.

È interessante notare che all'inizio di quest'anno, la dottoressa Lynne Reeder, direttrice dell'Australia21, "un think tank pubblico non-profit specializzato nella promozione di una nuova riflessione basata sulle prove sui grandi problemi che affliggono l'Australia in un ambiente globale in rapida evoluzione" ha condotto un test di studio pilota l'efficacia delle conversazioni empatiche come strumento di policy-making.

Lo studio afferma come segue:

"Nel mondo globale e incerto di oggi, si potrebbe sostenere che le sfide politiche richiedono una capacità di diventare più consapevoli e sensibili alla sofferenza degli altri. Affinché ciò accada, l'empatia e la compassione devono essere intenzionalmente incluse e premiate nelle impostazioni politiche e decisionali. Tuttavia, andare verso la sofferenza richiede un alto livello di intelligenza emotiva e una capacità di comprendere meglio come i nostri pensieri influenzano la nostra capacità di connetterci con gli altri ".

Lo studio ha chiesto, "Perché è utile dimostrare che le conversazioni empatiche potrebbero fornire un'altra risorsa per i responsabili politici?"

Sono orgoglioso di affermare che la conclusione che ho raggiunto nel mio articolo "The Power of Empathy" è stata utilizzata per rispondere a questa domanda, che è stata formulata nello studio come segue:

"Riteniamo che valga la pena considerarli perché usare le conversazioni di empatia come uno strumento politico considerato fornirà accesso diretto a una serie di esperienze vissute diverse a quelle in posizioni politiche; e ciò a sua volta fornisce informazioni avanzate su cui basare le decisioni pienamente prese in considerazione. Non sorprende che le nostre limitate visioni del mondo, basate sulle nostre particolari esperienze di vita, informino le nostre aspettative e ipotesi. Se quelli in posizioni politiche non sono stati membri di un gruppo discriminato o minoritario, e per lo più non lo sono, allora quali relazioni personali hanno plasmato i loro processi di vita? Di conseguenza, le conversazioni empatiche possono fornire un modo per coltivare la consapevolezza e la comprensione delle esperienze vissute degli individui in difficoltà finanziaria, da parte di coloro che sviluppano politiche di welfare che non hanno direttamente sperimentato la povertà o l'austerità ".

Sostiene che il nostro governo può ricostruire la fiducia perduta e farlo in un modo che non è a scapito degli altri.

Considera il seguente estratto dallo studio e come si riferisce alla maggiore polarizzazione che si è verificata durante la nostra campagna presidenziale:

"Le conversazioni sono basate sul linguaggio e quindi le parole che usiamo per descrivere le interazioni umane sono molto significative, in particolare nel modo in cui concepiamo noi stessi e gli altri, ad esempio, pensiamo descrizioni come" illegali "contro" rifugiati ". I termini che usiamo per descrivere gli altri hanno dimostrato di fare una differenza significativa nel modo in cui ci relazioniamo con loro. Uno studio recente ha mostrato che c'era una maggiore differenza nelle percezioni dei partecipanti quando si utilizzava la lingua "prima persona". I risultati di questo particolare studio hanno notato che i partecipanti che hanno ricevuto informazioni usando il termine "malati di mente" hanno mostrato livelli di tolleranza inferiori a quelli che hanno ricevuto informazioni usando il termine "persone con una malattia mentale". La consapevolezza dei nostri preconcetti e assunzioni inerenti alle nostre interazioni è una componente importante dell'empatia nella conversazione ".

Come esposto nello studio, "Per fare in modo che il pensatore culturale Dr. Roman Krznaric chiami il 'salto immaginativo dell'empatia' – dobbiamo prima imparare a 'umanizzare l'altro', in modo da scoprire ciò che condividiamo e ciò che non con gli altri. "

Lo studio pilota ha coinvolto le interazioni tra due gruppi di partecipanti con differenze significative nelle loro esperienze vissute, tra cui "ricchezza finanziaria, influenza organizzativa e risultati scolastici …. A tutti i partecipanti sono stati forniti formazione e materiale di supporto per supportarli nel collegamento con, non giudicare l'altro …. Nelle conversazioni del progetto tenutesi in questo progetto è emerso che i partecipanti erano in grado di "umanizzarsi" a vicenda, scoprendo ciò che condividevano in comune …. Pertanto, questo pilota multidisciplinare suggerisce che le conversazioni guidate sull'empatia possano aiutare a portare coloro con esperienze vissute "diversamente" in una connessione condivisa e un'esperienza comune dell'umanità all'interno di un contesto politico. "

Inutile dire che non potrei essere più d'accordo con il Dr. Reeder sul fatto che le scoperte fatte in questo studio pilota "sarebbero di interesse anche a livello internazionale".

Per quanto riguarda il suo uso della mia conclusione nello studio, il dott. Reeder mi ha detto quanto segue: "Pensavo che il punto che hai inserito nel tuo articolo fosse così importante, in particolare nell'applicazione dell'empatia e della compassione al tipo di sfide del "mondo reale" con le quali hai a che fare. Anche il tuo lavoro è ben fatto, sono sicuro che i tuoi clienti debbano apprezzare la prospettiva che hai nel trattare con loro in momenti difficili ".

Solutions Collecting From Web of "Colmare il nostro dividere nazionale richiede empatia e compassione"