Colmare il divario

I pericoli più significativi sull'autostrada, secondo gli esperti e il buon senso, derivano dalle diverse velocità dei veicoli. Viviamo in un mondo di velocità disparate.

Come possiamo vivere con la tecnologia? Sembra che tutti i gadget e i dispositivi siano più che semplici strumenti passivi, in silenzio in attesa di scegliere di usarli o meno. La tecnologia ci offre capacità e funzioni oltre la normale normalità quotidiana. Cambiano le nostre aspettative e abitudini, così come i modi in cui interagiamo con il mondo. Possono dissolvere le barriere dell'ignoranza e dell'amnesia e non richiedono altro che un trascinamento per trasportare informazioni, messaggi e denaro attraverso il tempo e lo spazio, e per aprire la nostra consapevolezza e percorsi per sempre. Sono una persona diversa senza il mio smartphone o con un'interfaccia utente che mi consente di parlare con il mio sistema di allarme e con la macchina e il caffettiera, come farei con il mio vicino, mio ​​cognato e la mia sposa. Gli studi suggeriscono addirittura che le nostre attività e relazioni digitali cambiano la struttura fisica e la risposta dei nostri circuiti neutrali.

Ganglion by Robert Rice/Flickr, used under a Creative Commons, Attribution-NoDerivs license
Fonte: Ganglion di Robert Rice / Flickr, usato con licenza Creative Commons, Attribution-NoDerivs

Quindi con le connessioni onnipresenti, le esplosioni nel potere di elaborazione e le realtà virtuali più reali di uno scambio faccia a faccia, i nostri poveri cervelli, plastici e adattivi, si stanno riorganizzando sul posto. La tecnologia ci cambia per spiegare le possibilità di accelerazione di un mondo metastatizzante.

Ma con ogni passo in avanti, ci allontaniamo anche da qualcosa. Rischiamo di perdere le cose importanti e adattive, che ci sono servite e ci hanno dato un significato. Immigrati o nativi digitali, non tutti sono collegati nella stessa misura o allo stesso modo. Ci sono intere regioni del mondo – Etiopia, Somalia, Eritrea e i loro vicini – dove meno del 2% della popolazione ha accesso a Internet e all'età dell'informazione e tutte le speranze e possibilità che promettono.

Anche per coloro che sono online, non tutti i circuiti devono essere cablati. È come se avessimo bisogno di due cervelli. Mentre abbiamo lo smart phone a portata di mano e Fitbit al polso, siamo ancora quelle creature indifese e coccolose che si inondano di ossitocina sul seno di nostra madre. Siamo strisciati fuori dalla grotta, ma a malapena si sono evoluti da quelle bestie erette e con le gambe a arco che incontravano un "altro" strano e straniero vicino al foro dell'acqua. Solo ora la buca d'acqua sembra meno reale, e può essere intravista dalla sicurezza dell'ufficio e del soggiorno. Le abilità e gli adattamenti, il cablaggio paleolitico che serviva ai nostri cugini dell'Età della pietra, sono ancora necessari oggi.

Il rischio è che questo regno virtuale che ci dà tanto, sia anche un mondo troppo facile e troppo inondato nei peggiori tratti dell'umanità. I ritmi lunari, stagionali e circadiani che ci legavano l'uno all'altro sono stati interrotti dal ciclo 24/7 di relazioni con un clic, chatbot razzisti, hacker che manipolano opinioni ed elezioni, e i punti dati infiniti e irrilevanti che hanno reso la saggezza una novità. Quando l '"altro" – un collaboratore, un amante, un estraneo, un amico – non diventa altro che un'immagine o una riga di testo migliorata digitalmente, interrompiamo le relazioni tramite messaggi di testo o ci scusiamo con emoji tristi. Le aziende licenziano i capi delle famiglie via e-mail o costruiamo muri contro ciò che rifiutiamo di capire. Possiamo dire qualsiasi cosa in un post o chattare o twittare perché l'altro non è reale e non abbiamo più bisogno di guardarci l'un l'altro negli occhi. Gli strumenti della nostra era, di questo tempo sotto il sole, ci avvicinano molto di più. Eppure contemporaneamente ci tengono separati.

È una questione personale. Come rispondiamo alle lamentele di adolescenti, colleghi o signore nel club del giardino? Come esprimiamo e risolviamo i nostri dubbi sugli insegnanti della scuola media ingiusti o sul vicino con il suo cane che abbaia? Poi c'è il capo e l'ex moglie, il vigile urbano e la società di raccolta. Gli amanti ci faranno del male. Lasceremo giù i nostri amici.

Anche le preoccupazioni sono globali. Il nostro mondo sta diventando pericolosamente polarizzato. Eppure siamo sempre intrecciati con quelle altre creature che abbiamo visto solo in alta definizione. È con loro, con le loro strane abitudini e gli odori stranieri, con i quali dobbiamo imparare a navigare i disparati ideali dell'est e dell'ovest: democrazia e meritocrazia; armonia e libertà; uguaglianza e gerarchia. Potremmo benissimo avere delle fibre sul cordolo, ma abbiamo ancora bisogno di strette di mano e risate sulla veranda.

Ciò che è perduto è il nostro senso di dignità e fiducia, i nostri sentimenti di speranza e soddisfazione per le nostre vite. La rabbia aumenta. Quindi disillusione. E tutto il fascino e le belle possibilità che brillano all'orizzonte digitale minacciano anche il tenero tessuto del nostro benessere. Non c'è prudenza, sembra, nel mondo virtuale. Quindi dobbiamo andare avanti e continuare a nutrire quelle cose che ci permettono di collegare gli occhi e il cuore a cuore.

ohjos by [eye]ris/Flickr, used under a Creative Commons, Attribution-NoDerivs license
Fonte: ohjos di [eye] ris / Flickr, usato sotto una licenza Creative Commons, Attribution-NoDerivs

Quando le cose sono scomode o difficili, quando siamo feriti o spaventati, è troppo facile allontanarsi dai duri incontri e verso la luce confortante di uno schermo digitale. Possiamo digitare le parole che ci rifiutiamo di dire. Possiamo incautamente lasciar cadere gli insulti e le accuse con il finto anonimato del velo digitale. Ciò cambia anche il nostro cervello. Ogni volta che rifiutiamo l'altro, rischiamo di perdere la capacità di guardare negli occhi i nostri simili e di dire le verità difficili e compassionevoli che sono richieste a un popolo che condivide un angolo comune di un universo freddo.

Quando sollevi argomenti difficili o parli di verità scomode, è giusto provare il dolore o la vergogna, la delusione o la disperazione schiacciante. L'onestà, quando è pura, non è mai una scusa per essere schietto o maleducato o cattivo. L'onestà consiste in due impegni: uno per la verità, l'altro per l'umanità. Dobbiamo essere forti nella tristezza e parlare con gentilezza di ciò che è necessario ed essenziale. Dobbiamo rifiutarci di ridacchiare mentre tremiamo e raccontiamo le cose che contemporaneamente fanno male e guariscono. Guardarsi l'un l'altro negli occhi con rispetto e senza eccezioni, non significa che ci vedremo l'un l'altro. Ma solo facendo così, torniamo alle bestie graffianti qualcosa della loro stessa umanità. E solo così facendo, manteniamo per noi stessi qualcosa della nostra stessa umanità. È quell'incontro umano, quell'impegno costante all'onestà, alla comprensione e alla benevolenza, che colpirà punti di vista apparentemente incompatibili e forgerà un futuro migliore pieno di speranza e contentezza, felicità e valore duraturo.

Solutions Collecting From Web of "Colmare il divario"