Collezionisti di ferite

In molti dei miei articoli di Psychology Today negli ultimi anni (il più recente trattato con il manifesto di Christopher Dorner), ho fatto riferimento a individui che sono " Wound Collectors ". * Molti non avevano mai sentito quel termine prima e ho ricevuto un numero significativo di richieste riguardo al suo significato. Come risultato di queste domande, ho pensato di rispondere alle domande più frequenti su questo termine.

Quando è stato usato per la prima volta il collezionista di ferite ?

Ho usato per la prima volta il termine " raccoglitore di ferite " nel mio libro " Caccia ai terroristi: uno sguardo alla psicopatologia del terrore " (Charles C Thomas Publishers 2004) per riferirsi a individui, sia in questioni di terrorismo che altrove, a causa di tratti di personalità: raccogliere insulti sociali, lamentele storiche o torti per motivi che li avvantaggiano personalmente o il loro sistema di credenze. La raccolta di queste lamentele va oltre ciò che normalmente si sperimenta nella vita; dopotutto, tutti abbiamo sofferto e siamo stati tutti trattati ingiustamente ad un certo punto. Questi individui usano questi torti, offese o ferite, per giustificare le loro convinzioni o comportamenti, o per aiutarli ad affrontare il loro disagio psicologico o sociale.

Qual è la definizione di un collezionista di ferite o raccolta di ferite ?

Il collezionare le ferite è la raccolta e la conservazione cosciente e sistematica di trasgressioni, violazioni, torti sociali, lagnanze, ingiustizie, trattamenti iniqui o discordie di sé e degli altri, allo scopo di nutrire, fortificare o giustificare un'ideologia maligna, favorendo l'odio, soddisfacendo una patologia, o per una vendetta esigente.

Che tipo di persone soddisfano questi criteri?

Chiunque, a causa di un disturbo della personalità o di tratti caratteriali (per esempio insicurezze, paranoia, paura, xenofobia o a causa di instabilità emotiva), cerca inflessibilmente di raccogliere ferite e accuse per uno scopo che di solito ha conseguenze sociali negative o è egoistico. Questo può essere chiunque da un coniuge, un terrorista, un assassino di massa.

Dacci esempi di collezionisti di ferite che potremmo riconoscere?

Prima lasciatemi dire che la maggior parte dei collezionisti di ferite non li riconosceremo perché la maggior parte di noi li sperimenta a livello personale e in genere non sono ben noti al pubblico. Tuttavia, ci imbattiamo tutti in qualcuno che porta abitualmente lamentele, siano essi lievi e accidentali, e sappiamo quanto possano essere irritanti queste persone. In senso più ampio, siamo stati tutti esposti a collezionisti di ferite a livello nazionale o internazionale, semplicemente non eravamo consapevoli. Eccotene alcune:

– Adolph Hitler, nel suo libro Mein Kempf, riuscì a elencare tutte le ferite raccolte che lui e altri avevano accumulato, con particolare attenzione agli ebrei.

– Ted Kaczynski ha pubblicato il suo elenco di ferite, noto come "Unabomber Manifesto" nel New York Times e il Washington Post che denigra la tecnologia e la rivoluzione industriale.

– Usama bin Laden, la sua fatwa del 1996, non è altro che una collezione di ferite risalenti al tempo delle crociate che usava per giustificare l'uccisione di americani. Questo documento dimostra chiaramente che per i collezionisti di ferite non esiste uno statuto di limitazione sulla sofferenza.

– Anders Behring Breivik, l'assassino di massa condannato a Oslo che ha irritato i musulmani dell'Europa occidentale e il multiculturalismo nei suoi scritti, prima di scatenare una bomba che ha ucciso sei persone e poi sistematicamente ucciso 69 bambini, è un esempio di collezionista di ferite.

– Christopher Dorner, è il più recente collezionista di ferite a diventare famoso. Nel febbraio del 2013, ha fatto una sparatoria in California dopo aver pubblicato il suo manifesto pedante (una raccolta di ferite e maltrattamenti e ranting) fino alla scuola elementare.

– Jim Jones di Jonestown, la fama della Guyana era allo stesso modo un collezionista di ferite . Teneva conto di coloro che lo circondavano e della società in generale, in particolare di quelli che non apprezzavano la sua divina grandezza.

Quindi vediamo collezionisti di ferite nelle sette, certamente nei leader di setta, e sicuramente nelle persone che guidano o si uniscono ai gruppi di odio. Ma lo vediamo anche in quelli con disturbi di personalità come Disturbo borderline di personalità, Disturbo di personalità istrionico, Disturbo di personalità narcisistico e specialmente quelli afflitti da Disturbo di Personalità Paranoide.

Può una nazione o uno stato essere un collezionista di ferite ?

Suppongo di sì, se guardiamo ai vari pogrom della storia contro le minoranze come ebrei, armeni, palestinesi, rom, curdi, tutsi in Africa, ecc. Ecc. Questi eventi odiosi erano basati sulla raccolta delle ferite , praticata dai leader o da quelli al potere che spesso alimentavano le fiamme dell'odio usando quelle ferite che avevano raccolto. Hitler naturalmente era il peggiore di questi, ma non il primo o l'ultimo.

Qual è l'opposto di un collezionista di ferite ?

Qualcuno che perdona, che gira l'altra guancia, che accetta la vita con tutte le sue vicissitudini. Un buon esempio è Nelson Mandela, che aveva tutte le ragioni per raccogliere le ferite ma non perché si rendesse conto che farlo sarebbe stato troppo caustico per la sua stessa anima e controproducente. Anche Mahatma Gandhi e Martin Luther King hanno rifiutato la raccolta delle ferite anche se sono stati veramente perseguitati per tutta la vita. Mandela, Gandhi e King hanno respinto quel giogo tossico che viene fornito con la raccolta delle ferite e invece hanno guardato avanti, non indietro – non hanno rancore.

Quando un coniuge o un familiare è un collezionista di ferite , come si svolge?

Non bene, perché non c'è da dimenticare, non c'è perdono in prossimità stretta e frequente. I coniugi che sono collezionisti di ferite rendono la vita difficile per il loro partner; quando qualcosa va storto, portano alla luce cose del passato, a volte di anni prima, e naturalmente ciò non favorisce una relazione sana. I bambini che crescono con un genitore che è un collezionista di ferite sanno che in qualsiasi momento, un torrente di errori del passato sarà portato fuori spingendo il bambino sempre più lontano per il bene del genitore che sta bene o dimostrando quanto sia inferiore il bambino è. Lo vediamo spesso con genitori molto narcisisti che si abbandonano a sminuire i bambini con tutti i loro errori o fallimenti del passato perché fanno sembrare cattivo il genitore narcisista.

Che cosa succede se sei vittimizzato e vittima di bullismo e ricordi questi eventi, questo ti rende un collezionista di ferite ?

No. Le circostanze possono indurti a ricordare le volte in cui sei stato vittima di bullismo o di aggressione, ma questa non è raccolta di ferite . La raccolta delle ferite è diversa. È un modo di vivere inflessibile, è il modo in cui gestisci la vita e le altre persone, è pervasivo e ha uno scopo solitamente tossico o patologico.

Queste sono le domande più frequenti che mi sono state poste. Per gettare ulteriore luce sull'argomento, ecco alcune altre caratteristiche comuni che ho trovato con i collezionisti di ferite :

– Non dimenticano mai e non perdonano mai veramente – spesso si calmano solo per far rivivere gli stessi soggetti un altro giorno. Non c'è chiusura.

– Sono ipersensibili a offese anche quando sono accidentali o non intenzionali.

– Cercano discorsi laddove altri sono stati perseguitati per cavalcare a quelle piaghe.

– Se appartengono a un gruppo di odio o ad una particolare ideologia odiosa, aggrapparsi a delle offese e raccoglierle permette loro di odiare con maggiore facilità.

– Scambiano le buone intenzioni per il male o per il male e non c'è clemenza per errori onesti. Questo è particolarmente vero per coloro che sono clinicamente paranoici.

– I collezionisti di ferite tendono a concentrarsi su una persona, un gruppo (ad esempio, Hitler e ebrei) o un'istituzione. Oppure possono concentrarsi sulla società in generale (Unabomber e il suo odio per la tecnologia).

– Per il collezionista di ferite, non vi è alcun fissaggio di cose, solo la raccolta di parziali.

– Non c'è perdono da parte loro, nessuna visione equilibrata della vita; guardano sempre indietro invece che avanti.

– Per il collezionista di ferite, il tempo non cura tutte le ferite. In effetti, il tempo consente loro di raccogliere ancora più ferite.

– I collezionisti di ferite tendono ad avere una visione molto pessimistica della vita e delle persone.

– A volte, quando non ci sono ferite sufficienti per loro da raccogliere, alcuni sono noti per uscire intenzionalmente cercando di essere feriti creando situazioni artificiali in modo da essere trascurati.

– I collezionisti di ferite tendono a percepire il mondo come se tu fossi con loro o se fossi contro di loro e qualsiasi tentativo di migliorare o spiegare i brividi li irrita ulteriormente.

– Mesi o anni dopo un evento (un leggero evento sociale) riaffioreranno quell'evento, a volte inaspettatamente, per giustificare la loro rabbia o rabbia. Non c'è chiusura per loro.

– I collezionisti di ferite cercano altri feroci collezionisti e quindi li vedi spesso in gruppi di odio.

– Gli stress della vita rendono metastabili i collettori di ferite (altamente instabili e potenzialmente volatili se non controllati); che a sua volta li rende potenzialmente molto pericolosi. Ad esempio, quando Christopher Dorner (leggi l'articolo) ha perso il lavoro.

– I casi acuti di raccolta delle ferite portano a un isolamento psicologico e, successivamente, fisico. Ted Kaczynski e Timothy McVeigh (condannato per l'attentato all'edificio Murrah) esemplificano questo. Entrambi erano perenni feritori che nel tempo si isolavano, prima psicologicamente poi fisicamente.

– Per alcuni, non tutti, collezionisti di ferite , la violenza diventa l'unico mezzo per affrontare i torti e le offese. Gli assassini di massa di Oslo, Anders Behring Breivik e Christopher Dorner sono esempi recenti.

Conclusione

Sebbene non ampiamente conosciuti o scritti, i collezionisti di ferite sono un vero fenomeno. Rendono la vita miserabile per chi li circonda e, come abbiamo visto, possono diventare pericolosi. Come li conosciamo? Con le loro parole e azioni, in particolare la loro inflessibile raccolta di offese e ferite che sostengono il loro sistema di credenze o patologie e che vengono usate contro chiunque scelga. E questo, per il resto di noi, rende una vita meno piacevole quando incrociamo le loro strade.

* * * * * * * * *

Joe Navarro, MA è 25 anni veterano dell'FBI ed è l'autore di What Every Body is Saying , così come Dangerous Personities che approfondisce ulteriormente la raccolta delle ferite. Per ulteriori informazioni e una bibliografia gratuita si prega di contattarlo attraverso www.jnforensics.com o seguire su Twitter: @navarrotells o su Facebook. https://www.facebook.com/pages/Joe-Navarro/236255193080893; o qui in Psychology Today: http://www.psychologytoday.com/blog/spycatcher

* Il termine " collezionista di ferite " e " raccolta di ferite " è stato protetto da Copyright © di Joe Navarro nel 2004.

Copyright © di Joe Navarro 2013

Solutions Collecting From Web of "Collezionisti di ferite"