Colin Kaepernick, Beyoncé, Chappelle e Black Lives Matter

Wisconsin Historical Images
Fonte: immagini storiche del Wisconsin

Come durante la maggior parte delle settimane dell'anno scorso, i social media sono stati pieni di commenti relativi a questioni di razza, giustizia e protesta. Molte persone hanno reagito con rabbia alla forma di alcune delle proteste, in particolare la decisione di Colin Kaepernick di rimanere seduto durante l'inno nazionale. Beyoncé si impegnò in un'elaborata dichiarazione di protesta, e mentre c'erano alcuni commenti negativi, la sua popolarità globale e la sua complessità artistica espressiva, la resero un bersaglio improbabile per una rabbia concentrata, anche se sicuramente perse alcuni fan.

Alcune critiche negative di queste due proteste provenivano dai neri americani, come è stato spesso vero in questi molti mesi in cui gruppi e individui diversi hanno tentato di mettere in evidenza le attuali questioni di razza e giustizia. Questa settimana Dave Chappelle ha usato la sua piattaforma per la critica e l'intero ombrello di protesta, prendendo di mira il nome di un movimento / slogan ' Black Lives Matter ' con accuse simili a molti che sono sprezzanti del concetto di ingiustizia razziale stessa.

La sfida è il punto di contatto del cambiamento . Non c'è nulla di più terrificante per uno psicoterapeuta da ascoltare durante un'assunzione che quando qualcuno si descrive come se avesse avuto "un'infanzia felice". Non perché invochiamo una buona vita, ma perché questa affermazione generale implica assenza di conflitto o di lotta. Mentre non è l'unica fonte di crescita e apprendimento, spingendo contro i confini dell '"altro", nella forma del / dei genitore / i, la famiglia, le norme familiari, la società, le norme sociali, è come arriviamo a conosci noi stessi, le nostre comunità, le nostre famiglie e le nostre culture. È come veniamo a differenziare noi stessi da quelli che ci circondano.

Diamo un'occhiata a sfida per un secondo in un estremo opposto; culti. Il modo in cui le sette lavorano è rimuovere la differenza. Ai membri di un culto viene chiesto di indossare gli stessi vestiti, mantenere le stesse restrizioni dietetiche e mangiare allo stesso tempo, limitare o eliminare il contatto con coloro che non fanno parte del culto e che potrebbero sfidare il loro modo di pensare. In alcune sette i membri hanno nomi nuovi, nomi che si uniscono e li identificano con il gruppo. Questo miglioramento della differenza è l'ambiente in cui il pensiero critico viene distrutto. Ai membri viene chiesto di non pensare da soli, di essere sposati al pensiero di gruppo, invece, e sono accusati di "fare ondate", di "mescolare il piatto", di "non essere un giocatore di squadra", se vogliono impegnarsi in un'analisi ponderata di una norma di gruppo, o semplicemente hanno un'opinione diversa da quella del gruppo.

Alcuni lettori ricorderanno i momenti in cui facevano parte di gruppi, siano essi la loro famiglia di origine, una sorellanza o fratellanza, o gruppo sociale, in cui le accuse di "fare le onde", "mescolare il piatto" o "non essere un giocatore di squadra" loro di parlare, o meglio dire "li tenevano in riga".

Quando una famiglia entra in terapia con un bambino in crisi estreme, con anoressia o auto-mutilazione o disturbo ossessivo-compulsivo, e inizia dicendo "sono sempre stati dei bravi ragazzi", non dobbiamo cercare oltre. È la "bontà", quella devota obbedienza, questo è il problema. Non intendiamo seguire ciecamente, obbedire diligentemente.

Di recente stavo lavorando con un cliente che stava discutendo del suo disagio per la disobbedienza volontaria del figlio di tre anni. Mentre certamente come genitori dobbiamo iniziare il lavoro di insegnare ai nostri figli ad ascoltarci, l'unica cosa che può rendere un bambino di tre anni un bambino obbediente è se schiacciamo completamente il loro spirito. Sia attraverso l'estrema povertà, vivendo in una zona di guerra, o con un intenso abuso fisico / sessuale / verbale / mentale, solo la disperazione devastata e la conseguente perdita di volontà possono rendere obbediente un bambino di tre anni. Dove c'è volontà, c'è sfida.

La protesta è intrinsecamente provocatoria . Dal bambino che grida allegramente "no", all'adolescente che sbatte la porta mentre escono di casa per la rabbia, è destinato a provocare. Le forme di protesta non violente più "pacifiche" sono pertinenti e utili solo se richiamano sufficiente attenzione al problema in questione. Il manifestante ha barattato l'invisibilità del loro problema per una risposta caotica e volatile. Nelle reazioni rabbiose alla loro protesta, aprono un dialogo contro una norma, o status quo con cui non sono d'accordo.

Oggigiorno, quando quella protesta è iniziata da una figura pubblica, il dialogo si svolge spesso sui social media. È stato certamente il caso di commentare questa settimana le azioni / performance / proteste di Beyoncé e Colin Kaepernick. Ci sono stati innumerevoli articoli da oltraggio a sostegno, ma lungo la strada, fornendoci punti di contesa ed elaborazione sfumati. Quelli con menti curiose hanno avuto l'opportunità di avere supposizioni sfidate, intese ampliate e nuove intuizioni rivelate. È così che si sviluppano le menti, come si evolvono le norme comunitarie, come avanzano le società; attraverso il dialogo comunitario , reso più facile ora dai social media e dai notiziari televisivi.

Per quanto io sia irritato da gran parte dell'attuale dibattito, non è lo stesso dibattito che mi preoccupa. Mentre inizialmente ero arrabbiato che Dave Chappelle prendesse di mira lo slogan Black Lives Matter (non ha preso di mira il movimento stesso), alla fine, la protesta e le molte forme che prende, e i molti punti che cerca di evidenziare , è nel mio libro, un utile, necessariamente veicolo per la crescita individuale e sociale.

Ma qui è dove mi preoccupo. C'è un aspetto di questo dibattito che ritengo non dovrebbe più essere messo in discussione. Anche se non siamo d'accordo con le forme di protesta o le soluzioni offerte, è da un bel pezzo che tutti abbiamo capito che c'è un problema.

I neri americani sono trattati come cittadini di seconda classe in questo paese. Nessuna delle eccezioni modifica questo fatto:

  • Non importa che abbiamo un presidente nero.
  • Non importa che molti americani bianchi vivano in povertà.
  • Non importa che ci siano molti neri di successo.
  • Non importa che i bianchi siano stati uccisi dalla polizia.
  • Non importa che alcuni dei poliziotti che uccidono i neri siano loro stessi Black.

I neri americani sono trattati come cittadini di seconda classe in questo paese. Ci sono tonnellate di statistiche che lo dimostrano, incidenze che lo rivelano ed esempi come prove. Ma la prova più saliente che i neri americani sono sistematicamente discriminati è la loro testimonianza.

Sareste costretti a trovare un nero americano che direbbe di non essere discriminati. Non sto parlando di neri americani di prima o seconda generazione. Certamente, se vivi in ​​America come una persona di colore, ma tu oi tuoi genitori venite qui da qualche altro paese in cui vivono è molto più difficile, potreste ben amare le opportunità a vostra disposizione in questo paese rispetto al vostro paese di origine. Ma quello non è il giusto gruppo di confronto. Il confronto corretto è tra americani neri e bianchi. Sarebbe difficile trovare dei neri americani che sostengano di essere trattati allo stesso modo.

Quindi, ecco il problema. Se quasi ogni singolo Black American dice di essere trattato come un cittadino di seconda classe, allora è vero . L'unica altra alternativa è che TUTTI i neri americani sono piccole vittime, che sono sempre arrabbiati e "giocano la carta della razza". NON ALCUNI Black American ti guardano, ma TUTTI.

Se pensi che TUTTI gli americani di colore siano lamentosi, vittime arrabbiate, allora è vero quello che le persone ti hanno detto; sei razzista

  • Non sei intrinsecamente razzista se non sei d'accordo con una particolare forma di protesta.
  • Non sei intrinsecamente razzista, pensi che i media coprano solo gli omicidi della polizia dei neri.
  • Non sei intrinsecamente razzista se hai incontrato persone di colore Black rabbiose che pensano di essere sempre vittime.
  • Non sei intrinsecamente razzista se non capisci come alcuni neri prosperino in America e persino diventino presidente e alcuni bianchi vivono in povertà.

Ma se pensi che non ci sia un problema con la razza in questo paese, e che i neri non siano discriminati attivamente in massa, allora pensi che quasi tutti i neri in America mentono. E una volta che pensi che quasi ogni singola persona di un gruppo stia mentendo, sei razzista.

La ragione per cui la sto esponendo in questo modo non è quella di rimproverare i razzisti; è svegliarti / a. La maggior parte di noi è d'accordo sul fatto che sarebbe brutto essere considerato un razzista e così difenderebbe dal vederlo in noi stessi. Avremmo scuse, eccezioni e spiegazioni sul perché potremmo sembrare razzisti, ma non lo sono. Ma la verità è che essere un razzista non è una condanna a morte. Rendersi conto che sei un razzista sarebbe molto difficile, umiliante, umiliante, ma è mutevole . Ci sono molte cose che ci spingono verso il razzismo, ma ci sono anche molti percorsi.

Come medico, ho lottato per questo processo elettorale con quello che il mio campo sta facendo o potrebbe fare per aiutare con quello che sembra un sacco di bianchi americani pieni di paura e rabbia. Non sto parlando di repubblicani. Il partito repubblicano ha avuto una lunga storia, di cui possono essere orgogliosi, e speriamo abbia un futuro in cui possano ridefinire se stessi. Ma sto parlando dei sostenitori di Trump . Sono spaventato come molti di noi dal gran numero di persone che sono venute fuori a sostegno di un uomo che è chiaramente pieno di odio per chiunque altro da lui. Sono spaventato dal numero di persone che sembrano così spaventate dal cambiamento del panorama americano che include più volti neri e marroni che bianchi.

Quindi, se sei un razzista, o sei in conversazioni con persone che non sanno di essere razziste, spero che questo li aiuti a identificarsi. Se ti stai rendendo conto di essere razzista o di aiutare qualcuno a rendersene conto, sii compassionevole. Il razzismo è costruito su un letto di paura della differenza, e l'odio di parti rinnegate di sé. È un lavoro doloroso capire che sei razzista. Molte persone oneste e buone sono piene di molto più razzismo di quanto non vogliano vedere in se stesse. Molte persone hanno pensato che tutto fosse abbastanza buono nel mondo americano e sono arrabbiati per il fatto che la razza debba essere un argomento di conversazione.

Ma ascolta questo: i neri in America non sono mai stati sotto l'illusione che le questioni della razza siano dietro di noi come nazione, e sono loro che lo saprebbero. E se pensi che siano tutti sbagliati, allora è il momento di affrontare coraggiosamente l'odio, la sfiducia e la posizione discriminatoria che hai nei confronti dei neri .

#track #beyonce #colinkaerpernick #racism #racist #blacklivesmatter #alllivesmatter #bluelivesmatter #davechappelle #protest #makeamericagreatagain

Smith è il fondatore / direttore di Full Living: A Practice di Psicoterapia, che offre servizi clinici con medici stagionati e culturalmente competenti in tutta Philadelphia e nelle aree circostanti. Gestisce due blog: Psychology Today Full Living e Go To Therapy.

Tocca su questi link per altri post che potrebbero interessarti:

Cosa significa "Rendi l'America grande di nuovo"

Dà un profilo a Brock Turner, o più preciso, a suo padre

Non voglio parlare del Ruanda

Vuoi allevare un ragazzo esperto di diversità? 3 trappole, 2 soluzioni

Solutions Collecting From Web of "Colin Kaepernick, Beyoncé, Chappelle e Black Lives Matter"