Coinvolgimento dei genitori nelle scuole

Con il Labor Day nello specchietto retrovisore, inizia a sentirsi come se cadesse (anche se il tempo a New York ci sta facendo pensare che dovremmo essere ancora sulla spiaggia). Ma la mia università ha iniziato il semestre autunnale tre settimane fa e tutte le scuole locali sono iniziate la scorsa settimana o questa settimana. Mentre guardavo le foto carine delle mie nipotine e dei miei amici che si recavano per il loro primo giorno di viaggio, mi è venuto in mente più volte quanto sia difficile per i genitori destreggiarsi tra tutte le responsabilità che derivano dal cambiare nelle stagioni.

Come psicologo scolastico, ovviamente sono sempre stato consapevole di quanto possa essere difficile per i genitori partecipare alle riunioni dell'IEP programmate durante la giornata di lavoro o di entrare in classe per un evento speciale, ma queste sfide risuonano con me in un altro così ora che sono un genitore anche io. Anche per le famiglie che hanno la fortuna di avere i mezzi e la flessibilità per essere disponibili durante la giornata lavorativa, può essere molto difficile per genitori e bambini trovare i modi per essere tutti i posti che vogliono essere. Ad esempio, anche nel mondo accademico, dove i nostri orari sono molto flessibili, i miei colleghi che hanno figli in età scolare devono fare buon uso dei loro dottorati per capire come fare tutto ciò che devono fare al lavoro mentre si gestiscono i ritiri scolastici che si svolgono schiaffo nel bel mezzo della giornata lavorativa e poi spola i kiddos agli sport e ad altre attività che li occupano fino al termine della giornata lavorativa. E, in molte delle città di Westchester e Long Island dove i bambini dei miei amici vanno a scuola, durante la giornata scolastica si tengono innumerevoli attività orientate verso i genitori, rendendo difficile per i genitori che lavorano sentirsi come membri attivi della scuola Comunità.

Ma, come ho detto prima, questi sono i ritorni scolastici delle famiglie fortunate, che hanno molte risorse e i cui figli frequentano scuole ad alto rendimento. Non rende le sfide meno reali (e ho una scorta infinita di simpatia per i genitori che lavorano che cercano continuamente di trovare l'equilibrio tra la vita lavorativa e la vita domestica, le cui storie gli hanno raccontato meglio di quanto possa io qui). * Eppure, le famiglie a cui penso di più sono quelle a cui mancano molte di queste risorse e lottano per essere membri attivi delle comunità scolastiche dei propri figli per ragioni molto diverse.

C'è stato un articolo sul New York Times ieri che ha parlato della spinta che l'amministrazione de Blasio sta facendo per sviluppare e sostenere le scuole della comunità, dove le famiglie possono accedere a una varietà di supporti medici, educativi e sociali sotto lo stesso tetto. La speranza è che questo tipo di programmazione renderà più facile e più vantaggioso per i genitori essere coinvolti nell'educazione dei figli. Può essere complicato determinare in che modo efficacemente modelli come questo funzionano, in parte perché non è sempre ovvio quali risultati contano di più. Come sottolinea l'articolo, non esiste sempre una relazione diretta tra il coinvolgimento dei genitori (a seconda di come lo si definisce) e il successo del bambino (a seconda di come lo si definisce).

Ma nessuno contesta che sia una buona cosa aver coinvolto attivamente i genitori, e penso che sia importante per educatori, ricercatori e responsabili politici riflettere seriamente su quali ostacoli sono più difficili da superare per le famiglie. Gli ultimi paragrafi di quell'articolo del NYT sembrano quasi tangenziali al punto principale della storia, ma contengono informazioni davvero toccanti e utili per le persone che vogliono aumentare il coinvolgimento dei genitori per ascoltare. In questa sezione dell'articolo, un preside di PS 112 nel Bronx afferma che la maggior parte dei genitori con cui interagisce non sa né leggere né scrivere, e rifugge dai programmi che potrebbero consentire agli altri di scoprirlo.

Come psicologo scolastico che lavora principalmente con bambini che stanno lottando a scuola per un motivo o per un altro, so fin troppo bene che la gente evita situazioni che li fanno sentire incompetenti … il clown di classe è quasi sempre un ragazzino che ama avere grandi risate quasi come tanto quanto odia essere chiamato a risolvere un problema di matematica o leggere ad alta voce. Stiamo facendo un buon lavoro nel proteggere il nostro ego quando giochiamo ai nostri punti di forza e minimizziamo le nostre debolezze, come studenti o genitori di studenti. Quindi è perfettamente logico che la maggior parte dei genitori con scolarizzazione limitata o che hanno avuto le proprie lotte a scuola avranno meno probabilità di candidarsi al PTA. Ma significa anche che i bambini e i genitori che hanno più bisogno del sostegno scolastico sono meno propensi a ottenerlo. È un difficile punto di raccolta che è difficile da risolvere sistemicamente, ma sono entusiasta di sapere come quest'anno queste scuole si comportano bene. Ho scoperto che i genitori con bassi livelli di alfabetizzazione possono essere i partecipanti più appassionati ed entusiasti nei workshop di lettura dei genitori che corro, perché sanno esattamente quali risultati non vogliono per i propri figli, quindi sono molto fiducioso che ottenere il messaggio nel modo giusto può aumentare il coinvolgimento. Per me, tornare a scuola significa anche reclutare genitori per questi tipi di workshop, quindi condividerò presto il "modo giusto" per ottenere informazioni sui genitori. Augurando a tutti gli studenti, i genitori e gli educatori una buona settimana!

* Una buona lettura dell'argomento include il pezzo di Anne-Marie Slaughter "Perché le donne non riescono ancora ad avere tutto" nell'Atlantico e questo post sui papà che lavorano cercando un equilibrio famiglia-lavoro dal blog di Scott Behson.

Solutions Collecting From Web of "Coinvolgimento dei genitori nelle scuole"