Cohen e Taylor Sconfiggi Schwarzenegger e Sheen: No Contest

Riconosce il nome di Ben Cohen? Che ne dici di Hudson Taylor? Quando i loro nomi definiranno il vero significato di "celebrità"?

Cohen è stata a lungo una stella inglese di rugby di prim'ordine, portando il titolo di Coppa del mondo nel suo paese prima del suo recente ritiro. Hudson Taylor si è fatto strada verso lo status di All-American all'Università del Maryland e ora lavora come assistente alla Columbia. Quello che Cohen e Taylor condividono è il loro costante impegno a portare l'omofobia nello sport sotto i riflettori e, infine, a buttarla fuori da ogni partita.

Quale indolente indolenza intorpidisce i cuori e le menti e rende il comportamento di un politico e di un foraggio per la prima pagina dell'attore? Perché a qualcuno importa o scrivere o leggere su di loro? Quando l'omofobia si collega direttamente al suicidio di adolescenti, all'escalation di molestie, bullismo e pestaggi, perdita di carriera e parenti e amici, perché non concentrarsi sul "coming-out" di due (non-gay, e che ancora conta) atleti prima di combattere un problema quello sembrerebbe non interessarli personalmente? Il Dr. Martin Luther King, tuttavia, nella sua "Lettera dal carcere della città di Birmingham" ci ricorda che l'omofobia influenza loro e tutti noi: "L'ingiustizia ovunque è una minaccia per la giustizia ovunque." Il bigottismo in agguato e il supplizio in ogni cuore minaccia chiunque . Oggi sono gay o lesbiche, domani il mennonita o il messicano … l'asiatico o l'arabo. Il filosofo francese Jean-Paul Sartre rende quest'accusa pungente di pregiudizio nel suo "Ritratto dell'Antiemita": "Un uomo (o una donna …) che trova naturale denunciare gli uomini non può avere il nostro concetto di umano; non vede nemmeno quelli che aiuta nella stessa luce di noi; la sua generosità, la sua gentilezza non sono come la nostra gentilezza, la nostra generosità. "Il pregiudizio fa apparire l'intero essere del bigotto; tale crudeltà non può essere isolata, riservata solo a questo solo gruppo, e lasciare comunque un buon genitore, insegnante, amico o datore di lavoro. Sartre suggerirebbe che gli omofobi "ripetono alcune formule che hanno appreso" e quelle armi radicate possono essere impugnate a piacimento, adattate per qualsiasi uso. Nessuno è sicuro.

Dedica molto del suo tempo alla "Ben Cohen StandUp Foundation", viaggia e parla ad alta voce e chiaramente contro la tolleranza e / o le parole omofobiche e le azioni mostrate dagli atleti professionisti. Il suo stato civile e la prodezza atletica conferiscono credibilità al messaggio di Cohen; sa in prima persona perché gli atleti professionisti nascondono il loro orientamento sessuale. Impavido di restituire un ritorno al calcio d'inizio attraverso una fila di difensori muscolosi, il semplice pensiero che il compagno di squadra e la reazione dei fan li zittisca. Mettendo fuori legge per ora, Hudson Taylor ha iniziato "Atleta Ally" per portare gli altri nella sua lotta determinata. Sentì le legature sul tappeto da wrestling; abbastanza! il suo cuore si è pronunciato. Leggi di più sulla loro storia qui sotto.

Questi due atleti hanno scelto di combattere contro l'ignoranza sinistra. Ma invece dei loro nomi, vediamo ancora una volta il nome alla luce di un giocatore professionista di pallacanestro i cui insulti omofobici appesi a un funzionario gli hanno procurato un ennesimo titolo indefinito. Chi è il responsabile? Sono i media? Sei tu? Sono io? Page One head of the New York Times domenica 22 maggio: "The Gossip Machine, Churning Out Cash". Il sottotitolo offre al pubblico "l'appetito per la sporcizia" come spiegazione per l'articolo.

Cohen e Taylor, compagni di squadra che si sono a malapena incontrati, si stanno adattando a un brutto pregiudizio. Questa è una squadra che vale la pena giocare e fare il tifo fino a casa. Non è ora di alzarsi in piedi, sul campo, sul campo e sul tappeto, ma anche a tavola, pausa caffè in ufficio, riunioni di consiglio, aule …? Il Dr. King lamentava il "silenzio spaventoso" di coloro che conoscono meglio. Quello era allora. E adesso? Rick Welts, presidente di Phoenix Suns, è diventato di recente un uomo gay. Il suo nobile obiettivo di infrangere il codice del silenzio subito da gay e lesbiche costituisce un altro passo avanti. Ma quando l'orientamento sessuale semplicemente non importa?

Due atleti etero combattono l'omofobia
Di JOHN BRANCH

Solutions Collecting From Web of "Cohen e Taylor Sconfiggi Schwarzenegger e Sheen: No Contest"