Coaching di genitori designati

Questo post sul blog sarà uno di una serie che riflette la mia esperienza di essere un genitore dell'allenatore parentale. Ho appena iniziato questa impresa, anche se ho parlato con i genitori presi di mira da quando è stato pubblicato il mio primo libro sull'argomento, circa 7 anni fa. La mia principale impressione dal coaching finora è che i genitori mirati sentano (e giustamente) che il loro bambino li stia rifiutando. Questa è una conclusione naturale e ovvia basata sul comportamento ostile e rifiutante del bambino. Questi bambini sono crudeli, senza cuore e svalutati dei loro genitori. TUTTAVIA, ciò che a volte i genitori interessati perdono di vista è che dal punto di vista del bambino, il genitore ha respinto il bambino. Se si capisce la psicologia dell'alienazione, è chiaro che i bambini alienati sono stati portati a credere che il genitore che stanno rifiutando non li ama, non è sicuro e non è disponibile. Solo allora, una volta che il bambino ha acquistato questa falsa credenza, il bambino rifiuta il genitore preso di mira. Quindi, la risposta primaria all'alienazione deve essere quella di amorevole compassione, disponibilità emotiva e sicurezza assoluta. Essendo queste cose – piuttosto che dire direttamente al bambino, "Sono troppo sicuro, ti amo, sono disponibile" – il bambino può sperimentare il genitore in un modo che neutralizza la messaggistica negativa a cui il bambino è esposto. Ovviamente, questo potrebbe non essere sufficiente per girare completamente attorno a un bambino alienato, perché ci sono altri fattori che rafforzano l'alienazione, come la paura che il genitore favorito cada a pezzi o che ritiri il suo amore per il bambino – ma deve essere una parte del soluzione.

Solutions Collecting From Web of "Coaching di genitori designati"