Co-Wife Conflict: Perché è facile odiare "l'altra donna"

Mentre studiavo il mio libro Stepmonster negli ultimi anni, rimasi colpito dal modo in cui grandi ex-mogli si profilavano nella vita di donne sposate con uomini con figli e viceversa. Non ho condotto una singola intervista in cui non è venuto fuori, e di solito l'argomento non era felice per le donne con cui ho parlato. In effetti, hanno trovato queste relazioni con gli ex del proprio marito in modo un po 'aggravante e spesso onnipotente. "È terribile"; "Vive per il conflitto"; "È una regina del dramma e una madre marcia" erano ritornelli comuni.

Mentre rivedevo la letteratura antropologica sulla matrigna, mi resi conto che non c'era molto di questo, ma che gli studi di certe società poliginose avevano molte lezioni da impartire. Sia tra i Dogon del Mali, il popolo Kako del Camerun, il! Kung del deserto del Kalahari, o lo Yanomano dell'Amazzonia, le culture in cui gli uomini prendono più di una moglie sono caratterizzate da un conflitto co-moglie che ribolle, imperversa, persino bolle nell'omicidio.

Aspetta lì, stai pensando. Gli uomini negli Stati Uniti contemporanei e nell'Europa occidentale non sono esattamente poliglotti. Non è che abbiano parecchie mogli. Loro divorziano e si risposano. Oppure hanno mogli e fidanzate sul lato. Non è poliginia. È?

Sì, lo è, secondo gli antropologi come Steven Josephson, che ha studiato il conflitto co-moglie tra una coorte di mormoni, ma si interessa anche a più avvenimenti mainstream. Egli suggerisce che la nostra pratica ampiamente accettata di "monogamia seriale" – matrimonio, parto, divorzio e nuovo matrimonio o repartnership, e successiva gravidanza – "è in realtà solo poligamia al rallentatore".

Certamente non viviamo tutti insieme, ma c'è una crescente pressione per gli adulti, in particolare le ex-mogli e le mogli, per "andare d'accordo", per formare coalizioni parentali cooperative e per aiutare fratellastri e fratellastri a sentirsi come " veri fratelli e sorelle "negli ultimi anni. In una tale forma familiare, gli uomini hanno infatti "due famiglie" – è solo che sono divorziati da una moglie e sposati con un altro.

Tutto ciò è separato da quello che Josephson chiama "poliginia in tutto tranne il nome", in cui gli uomini nel mondo occidentale contemporaneo – dove condanniamo esplicitamente la poliginia ma non approvano leggi contro gli uomini che imbrogliano – hanno segretamente due famiglie o due partner a lungo termine. Francois Mitterand, il membro del Congresso degli Stati Uniti Vito Fossella e il governatore della Carolina del Sud Mark Sanford, come i maschi di alto rango in molte culture e tribù di tutto il mondo, sono particolarmente inclini a questo tipo di poliginia.

E le donne? Perché lo sopportano? O perché devono, ci dicono ecologisti comportamentali umani e antropologi come Josephson e Sarah Blaffer Hrdy, o perché potrebbero trarne beneficio in qualche modo. Nelle culture tradizionali di cacciatori-raccoglitori come il! Kung, ad esempio, dove le donne portano la maggior parte delle calorie, hanno un peso sufficiente per dire al marito che è meglio che non prendano un'altra moglie e che, se lo fanno, rendano la vita un inferno. In altre società, un uomo potrebbe sposare la cugina o la sorella di sua moglie quando è vedova. Questo accordo – chiamato "polgynia sororale" – favorisce la donna, che può ottenere l'aiuto della famiglia da un membro di un parente con il quale può probabilmente formare una coalizione, mantenendo un potere significativo nella propria casa.

Peccato per le donne del Paese Dogon del Mali, dove gli uomini vivono tra i loro parenti e tramandano la terra ai loro figli maggiori, e la poligamia è una strategia per mantenere le donne oppresse. Agli uomini è proibito sposare donne anche lontanamente imparentate, che in effetti dividono e conquistano le compagne, che si scambiano l'un l'altra con malizia creativa. I giornali e gli archivi giudiziari sono pieni di resoconti di co-mogli che tentano di avvelenare i figli l'uno dell'altro – in particolare i ragazzi più grandi – nella speranza che i loro figli erediteranno i campi di cipolle e miglio dei loro padri condivisi.

Se le donne sono in relazioni poligonali perché non hanno scelta, o perché potrebbero trarne beneficio in qualche modo, Josephson dice "quando si parla della poliginia e della nostra storia evolutiva, il software è ancora lì".

E anche l'impulso di resistere se compromette il nostro accesso alle risorse come l'investimento di un partner (o di un altro partner), sia esso denaro, tempo o entrambi. E questo mi riporta al conflitto tra mogli e ex-mogli. Queste rivalità, ci dicono molti antropologi, sono antiche, fondamentali e molto reali. Quindi, ogni volta che una donna affronta la pressione relativamente nuova di "andare d'accordo molto bene" con l'ex di suo marito o "fare le vacanze insieme per i bambini", sono sempre pronto a ricordarle che questa è un'opzione, non una obbligo, e che non è facile da tirare, o anche necessariamente ne vale la pena. La civiltà e la cordialità sono sufficienti: l'amicizia può essere elusiva.

Dai un'occhiata a Dr. Phil, martedì 1 dicembre, se vuoi vedere una moglie ed ex moglie discutere del loro personale viaggio da rivali ad amici. Jennifer Newcomb Marine e Carol Marine sono co-autrici di No One's the Bitch: un piano in dieci passi per la relazione madre e matrigna , che documenta la loro lotta di successo per formare una sorta di coalizione di genitori. Potrebbe non essere per molti o anche per la maggior parte di noi, ma è una lettura interessante e importante. Se i fattori giusti sono a posto, queste coalizioni cooperative e amichevoli possono fare la differenza per tutti nel sistema step / family.

Solutions Collecting From Web of "Co-Wife Conflict: Perché è facile odiare "l'altra donna""