Co-genitorialità come prevenzione delle dipendenze

Secondo alcune recenti relazioni dell'UNICEF sul benessere dei bambini nelle nazioni economicamente avanzate, i bambini negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito sono estremamente bassi riguardo al benessere sociale ed emotivo in particolare, che è fortemente associato al lotte legate alla dipendenza tra i giovani e in seguito nella loro vita adulta.

Molte teorie sono state avanzate per spiegare questo scarso stato di benessere dei bambini, in particolare povertà infantile, razza e classe sociale. Sappiamo che i bambini che crescono in condizioni di povertà, e i bambini appartenenti a minoranze visibili e famiglie di immigrati e rifugiati, sono sovrarappresentati per quanto riguarda l'insorgenza di problemi legati alla dipendenza.

Un fattore che è stato largamente ignorato, tuttavia, in particolare tra i policy maker dei bambini e della famiglia, è la prevalenza e gli effetti devastanti del disimpegno dei genitori dalla vita dei bambini, e in particolare l'assenza del padre nella vita dei bambini. Nella misura in cui la co-genitorialità massimizza il coinvolgimento di entrambi i genitori nella vita dei bambini dopo la separazione dei genitori e il divorzio, è prevenuta la dipendenza.

Gabor Mate ha evidenziato l'esperienza del trauma infantile come centrale nell'eziologia della dipendenza; e la teoria della dislocazione di Bruce Alexander mette in evidenza la disconnessione sociale e la mancanza di integrazione psicosociale come il fattore chiave nell'insorgere della dipendenza. Entrambe queste teorie riguardano la questione dell'assenza dei genitori nella vita dei bambini. Il libro di Gabor Mate (co-scritto con lo psicologo Gordon Neufeld), Hold On To Your Kids, si concentra sull'importanza vitale dell'impegno dei genitori e sulla connessione alla vita dei loro figli. Bruce Alexander discute le pressioni esercitate dalla società del libero mercato sui genitori per dedicare sempre più tempo all'occupazione retribuita a scapito del tempo con i loro figli.

Vale la pena notare che, secondo i demografi negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito, c'è stato un "declino improvviso" nella quantità di tempo che i genitori stanno spendendo con i loro figli negli ultimi due decenni. L'aumento delle richieste di lavoro ha seriamente eroso sia la quantità che la qualità delle relazioni genitore-figlio. E i genitori stessi sono preoccupati per questo; gli studi hanno rilevato che il desiderio primario dei genitori oggi è quello di poter trascorrere più tempo con i loro figli. Troppi genitori hanno perso e hanno bisogno di aiuto per recuperare la loro connessione primaria con i loro figli.

Sebbene le politiche della Banca Mondiale e delle multinazionali abbiano eroso le relazioni tra genitori e figli, nel mio lavoro mi sono concentrato sugli effetti dannosi delle politiche economiche e sociali occidentali, in particolare la protezione dei bambini, la custodia dei figli e le politiche di custodia dei bambini, che sono effettivamente serviti per disconnettere i genitori dai loro figli, piuttosto che sostenere i genitori nell'adempimento delle loro responsabilità genitoriali ai bisogni dei loro figli.

Ad esempio, nel campo della politica di protezione dell'infanzia, gli Stati Uniti, il Canada e il Regno Unito hanno tra i più alti tassi di astinenza infantile in tutti i paesi sviluppati, con più bambini affidati non a causa di abusi, ma a causa della negligenza legata alla povertà familiare. Queste sono circostanze in cui i genitori hanno un controllo relativamente piccolo. In Canada oggi ci sono più bambini aborigeni che si occupano di cure governative che al culmine del movimento scolastico residenziale.

Per quanto riguarda la politica di custodia dei minori, nei casi di custodia contestati in cui i genitori non possono concordare gli accordi di vita post-separazione dei loro figli, nonostante esistano alternative valide sotto forma di ordini di genitori condivisi, i tribunali rimuovono abitualmente un genitore dalla vita dei bambini per mezzo di decreti di affidamento esclusivo o di "residenza primaria". Per quanto riguarda la politica di custodia dei bambini, i pagamenti degli assegni familiari (comprese le prestazioni di maternità e parentale) per le famiglie negli Stati Uniti, Canada e Regno Unito impallidiscono rispetto ai paesi dell'Europa continentale, dove i bambini sono significativamente migliori per quanto riguarda il benessere sociale ed emotivo. essere.

La mia tesi è che il disimpegno dei genitori è implicato nell'insorgere della dipendenza. Nel dire questo, in nessun modo desidero screditare i genitori stessi per questo stato di cose. Il fatto è che i genitori nella nostra società non sono supportati nell'adempimento delle loro responsabilità genitoriali e sono ostacolati nel loro desiderio di relazioni più significative con i loro figli da leggi e politiche fuorvianti. Dobbiamo indirizzare le leggi e le politiche che svalutano l'importanza e la centralità dei genitori nella vita dei bambini, e il coinvolgimento e l'influenza dei genitori come critici per il benessere dei bambini. I genitori hanno bisogno del supporto delle istituzioni sociali per essere lì per i loro figli.

Ho menzionato l'assenza del padre come una preoccupazione particolare, poiché i padri nella società odierna sono particolarmente svalutati e considerati meno importanti nella vita dei bambini. Ma i rapporti delle madri con i bambini sono altrettanto minacciati. Sono state fatte molte più ricerche sugli effetti dell'assenza del padre sulla vita dei bambini, al punto che le meta-analisi ora parlano degli effetti causali dell'assenza del padre, piuttosto che delle correlazioni tra l'assenza del padre e il benessere del bambino compromesso.

I ricercatori hanno scoperto che, per i bambini, i risultati sono disastrosi, in una serie di dimensioni: autoaffermazione ridotta, sicurezza fisica ed emotiva compromessa, problemi comportamentali, assenteismo e prestazioni scolastiche scadenti, delinquenza e criminalità giovanile, promiscuità e gravidanza adolescenziale , senzatetto, sfruttamento e abuso, possibilità di vita, relazioni future e mortalità.

Inutile dire che l'assenza dei genitori dalla vita dei bambini è anche fortemente associata all'abuso di droghe e alcol e alle dipendenze comportamentali. I bambini con padri e madri assenti hanno molte più probabilità di fumare, bere alcolici e abusare di droghe nell'infanzia e nell'età adulta. La ricerca ha concluso che la dipendenza e altri problemi correlano più fortemente con il disimpegno dei genitori rispetto a qualsiasi altro fattore, superando la razza, la classe sociale e la povertà.

Alcuni commentatori sostengono quindi che l'assenza del padre è la questione sociale più critica del nostro tempo. In America senza padre, David Blankenhorn definisce questa crisi "la tendenza più distruttiva della nostra generazione". Un rapporto britannico dell'Università di Birmingham, Dad and Me, conclude che "il bisogno del padre" è su scala epidemica e "il deficit del padre" dovrebbe essere trattato come un problema di salute pubblica.

La più grande preoccupazione è la mancanza di risposta da parte di legislatori e responsabili delle politiche, che prestano attenzione al "miglior interesse del bambino", ma chiudono un occhio sulla ricerca che documenta gli effetti della crescente assenza dei genitori nella vita dei bambini.

Chiaramente, non tutti i bambini sperimentano il minor coinvolgimento dei genitori nelle loro vite in modi gravi. Ma non vi è dubbio che il coinvolgimento, l'attaccamento e l'influenza dei genitori diminuiti siano implicati in una vasta gamma di problemi biopsicosociali-spirituali, tra cui l'aumento dei livelli di dipendenza, nella vita di giovani e adulti di oggi.

Che cosa possono fare i governi per quanto riguarda la prevenzione della dipendenza e gli altri problemi fisici, psicologici e sociali che sono sempre più evidenti tra i giovani nella società contemporanea? I rappresentanti del governo devono andare oltre il semplice servizio e agire in merito a tre aree critiche di riforma che richiedono attenzione immediata:

1. L'urgente necessità di una riforma della politica economica per consentire ai genitori di trascorrere il tempo con i loro figli che dicono di aver bisogno e di cui hanno bisogno i loro figli;
2. L'urgente necessità di una riforma della politica del bambino e della famiglia nei settori della protezione dei minori, della custodia dei figli e dell'assistenza all'infanzia, per arginare l'ondata di disimpegno dei genitori dalla vita dei bambini;
3. L'urgente necessità di programmi di ricongiungimento familiare per i bambini e i genitori che sono stati allontanati l'uno dall'altro tramite l'affidamento improprio dei minori e le politiche di protezione dei minori.

Alexander, B. (2008). La globalizzazione della dipendenza. Toronto: Oxford University Press.

Mate, G. (2008). Nel regno dei fantasmi affamati: incontri ravvicinati con la dipendenza. Toronto: Alfred Knopf.

Mate, G. & Neufeld, G. (2004). Resisti ai tuoi figli: perché i genitori devono avere più importanza dei loro pari. Toronto: AA Knopf Canada.

Solutions Collecting From Web of "Co-genitorialità come prevenzione delle dipendenze"