Close-Up of the Dead

Dal terremoto di Mercoledì scorso, il 7 settembre, a Haiti ho pensato al rapporto dei media con la morte e mi chiedevo se esistesse un doppio standard inconscio quando si tratta del modo in cui la stampa espone le persone non caucasiche quando muoiono. Per la scorsa settimana gli americani sono stati bombardati da immagini orribili di haitiani ricoperti di detriti polverosi e schiacciati in macerie. Queste immagini hanno rapidamente diffuso il messaggio che il già impoverito paese di Haiti ora ha bisogno del nostro aiuto immediato, e l'America nel suo complesso è balzata in piedi per prima. Dopo tutto, un'immagine vale più di mille parole.

Ma mentre guardo i primi piani dei volti di questi haitiani morti intonacati sulle prime pagine dei giornali, mi rendo conto che non vedo mai le immagini di morti caucasici. Vediamo vecchie foto in bianco e nero di donne caucasiche bruciate a morte nel famigerato Triangle Factory Fire e le foto di corpi macilenti di persone ammazzate uccise nei campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale, ma queste foto si sentono storiche. Quando la tragedia colpisce oggi i bianchi, e lo fa, la stampa è molto più preoccupata di rispettare le famiglie delle vittime e di proteggere la dignità dei morti.

Ripercorrendo le riprese del crollo del ponte di Minneapolis che si è verificato il 1 ° agosto 2007, vedo lamenti a sorpresa, ampi colpi di distruzione, vittime viventi posizionate cautamente in ambulanze e foto cupe di bare chiuse. Non vedo nessuna immagine fosca delle persone che sono morte quel giorno. C'erano molte meno vittime che ad Haiti, ma il numero dei morti non è in discussione, è il tipo di copertura della morte e della distruzione che è squilibrata. Dopo l'11 settembre siamo stati inondati di immagini degli edifici in fiamme e ampi colpi di devastazione, ma non abbiamo mai visto primi piani delle vittime che non avevano altra scelta che saltare, o che erano intrappolati e uccisi e bruciati nelle macerie.

Questo doppio standard mi ricorda di essere un bambino e di vedere fotografie di donne africane in topless su riviste educative come il National Geographic , ma non ho mai potuto vedere foto di donne bianche europee in topless sulla spiaggia, che è altrettanto culturalmente prevalente.

Se usato per promuovere donazioni e aiuti e consapevolezza, dovrebbero essere mostrate le immagini di morte e distruzione. Ma bisogna pensare al motivo per cui ci sentiamo a nostro agio a mostrare alcuni e non altri.

Solutions Collecting From Web of "Close-Up of the Dead"