Clear Thinking: un workshop

susi ferrarello, used with permission
Fonte: susi ferrarello, usato con permesso

L'altro giorno ero in classe a fare la mia lezione normale, quando uno studente ha risposto con risentimento a una mia domanda dicendo: "Mi stai facendo pensare!"

Sono stato sorpreso dalla sua reazione e ho risposto con umorismo: "Prego!" Nel frattempo, in me è sorto un dubbio atroce: "I miei studenti sanno che cos'è il pensiero?"

Sono passati due anni da quando i miei studenti usano in media il verbo "I think" invece di "I feel." Perché? Questo ha qualcosa a che fare con il risentimento del pensiero? In questa linea di pensiero, ho deciso di interrompere la mia lezione, o almeno quello che sarebbe accaduto dopo secondo i miei piani, e porre loro una semplice domanda: "Classe, cosa significa pensare?"

Quando arrivò la risposta, mi resi conto che non ero pronto per questo. "Pensare significa essere preoccupati", concordavano tutti.

Pensando = Essere preoccupato

"Così," deglutì, "se pensare significa essere preoccupato, questo implica che tu eviti di pensare il più possibile." Una foresta di teste annuì con impazienza fu l'unico suono che si potesse udire in quella classe stranamente silenziosa.

Mi sono fermato, visibilmente scioccato, e dalla mia bocca è uscito un flusso di domande- "È possibile che tu dica" I feel "invece di" I think "perché il sentimento è meno spaventoso ed esigente del pensare? Ma allora, come puoi fare delle scelte importanti nella tua vita se non pensi o non sai nemmeno cosa sia il pensiero? Come vivi in ​​una relazione duratura, se pensare è lo stesso del sentimento; ancora di più, se non hai pensieri con cui elaborare i tuoi sentimenti? In una parola, ragazzi, come vivi la tua vita? "

A quel punto, molti grandi occhi bisognosi mi fissavano implorando una risposta. Uno studente ha avuto il coraggio di dire: "Non lo sappiamo, infatti. Professore, cosa significa pensare? Come possiamo pensare senza sentirci male? "

Dewey: come pensiamo

Susi Ferrarello, used with permission
Fonte: Susi Ferrarello, usato con permesso

C'è un piccolo e simpatico libro di un filosofo, un pragmatico, Dewey, il cui titolo è How We Think . Ho usato il suo libro per dare ai miei studenti la prima risposta al problema.

Ci sono diverse qualità di pensiero, dice Dewey. Il primo è quello che viene in mente, che non è così sofisticato o affidabile, ma è il primo suggerimento che riceviamo per iniziare a pensare. Secondo, c'è una forma di pensiero che collega ciò che non è presente con ciò che è di fronte a noi – questa forma di pensiero è utile per noi per colmare le lacune tra ciò che è completamente estraneo a noi e ciò che già sappiamo. Infine, c'è il pensiero riflessivo, che è il tipo di pensiero più sofisticato che possiamo esplorare ed è quello che usiamo per cogliere idee che sembrano andare oltre la nostra comprensione.

Quest'ultimo tipo di pensiero, che noi chiamiamo riflessione, viene dal latino e significa "piegarsi indietro". Pensare, scrive Dewey, è un'azione. Quando pensi di tornare a quello che hai vissuto per dare una forma a ciò che è stato vissuto passivamente prima, quando non eri consapevole di quello che stavi facendo. In effetti, viviamo più della metà della nostra vita come oggetti tra gli altri, ogni tanto ci svegliamo e prendiamo delle azioni attive nella nostra vita. Non siamo svegli quando mangiamo, parliamo, camminiamo. È solo quando ci svegliamo che decidiamo di tornare a ciò che abbiamo appena vissuto per dargli una forma, una forma, un significato.

Una vita senza significato

Il significato e il senso possono sorgere solo attraverso l'azione della riflessione, cioè attraverso la nostra decisione volontaria e consapevole di fermare il flusso passivo delle nostre azioni e dargli una forma. Una vita senza pausa, senza interpretazioni, potrebbe facilmente diventare una vita priva di significato. Il senso – ciò che è significativo per noi – deriva esattamente dall'esercizio della riflessione e dell'interpretazione della nostra passività.

Per questo motivo, gli stoici ci dicevano che la vita è un libro che ha bisogno della nostra interpretazione. Tutto ha un significato, ci vuole solo il nostro sforzo attivo per trovarlo. Il nostro compito principale nella vita è riflettere sul nostro oikos (casa), cioè sul posto che teniamo nel kosmos (l'ordine armonico delle cose). Solo da quella posizione possiamo andare avanti e vivere una vita significativa. Se dovessimo sostituire il pensare con i sentimenti – e gli stoici erano ferocemente contrari – saremmo lasciati con interpretazioni molto mutevoli all'interno di un mondo caotico.

I pensieri sono azioni che prendiamo per trovare il nostro oikos, la nostra casa stabile in cui possiamo trovare significati: i sentimenti non possono sostituire solo queste azioni.

I miei studenti erano giusti?

susi ferrarello, used with permission
Fonte: susi ferrarello, usato con permesso

Tuttavia, trovare una casa non è mai stato facile. Da un certo punto di vista, Dewey direbbe che i miei studenti avevano ragione: in effetti, non pensiamo se non non siamo perplessi da qualcosa. Il processo di pensiero inizia perché siamo perplessi su qualcosa, piccolo o grande non importa. Ci svegliamo dalla nostra passività, perché "dobbiamo" – dobbiamo fornire cibo, dobbiamo superare un esame, vogliamo realizzare i nostri sogni, ecc.

Iniziamo a pensare perché improvvisamente ci rendiamo conto che senza di esso non possiamo andare avanti, ma continueremo a correre in cerchio. A quella realizzazione abbiamo una scelta o pensiamo attraverso il pensiero riflessivo, o prendiamo la strada corta e diamo agli idoli. Per idoli Bacon, un altro filosofo, significa la nostra tentazione di credere che un pensiero genuino significa che ci affidiamo alle vecchie abitudini che ci vengono trasmesse attraverso la società. Quindi potremmo pensare che qualcosa sia giusto perché gli altri usano pensare in questo modo, perché è di moda, perché ci porterà soldi, perché la nostra famiglia ha sempre risolto i problemi in quel modo e così via.

Oppure potremmo decidere di pensare in realtà. In tal caso, se abbiamo il coraggio di sospendere tutte le conoscenze che precedentemente abbiamo raccolto su un problema, potremmo arrivare a un nuovo giudizio in cui un'esperienza analoga potrebbe funzionare come un ponte verso il nuovo. Pensare è un processo che richiede consecutività e molta azione, quando pensiamo di costruire connessioni con l'ignoto e ci avviciniamo all'enigma.

Pensare! Per favore, pensa!

Quindi, ci vuole un grande sforzo e senso di iniziativa da parte nostra per formare significati che non sono ancora del tutto lì. Idee, le parole non sono sempre esistite. Hanno richiesto il lavoro! L'empatia , per esempio, è una parola che è stata finalmente formalizzata dai tedeschi nel diciannovesimo secolo. Oggi è facile per noi usare tutti i significati che quella parola è in grado di evocare perché abbiamo l'idea e il suo senso, ma ci è voluto lo sforzo di pensiero congiunto di molti esseri umani per arrivare alla sua formalizzazione. Per non parlare di parole come l' uguaglianza, la democrazia, la dignità e così via.

Quindi cosa possiamo dire ai miei studenti? Sì, pensare potrebbe comportare preoccupazioni, ma non è come essere preoccupati; piuttosto, il pensiero è lì per impedirci di essere preoccupati. È un'avventura che ti porta in terre nuove e migliori e ti dà nuove radici su cui prosperare. Quindi, concluderei dicendo: "Abbiate il coraggio di pensare! Sapere aude ! "

Solutions Collecting From Web of "Clear Thinking: un workshop"