Claustrofobia – Origini dell'orecchio interno e trattamento di successo

Claustrofobia – Origini dell'orecchio interno e trattamento di successo

Introduzione – Secondo la rivoluzionaria ricerca del Dr. Harold Levinson che copre più di 3 decenni e comprendente oltre 35.000 pazienti trattati con successo, la maggior parte delle fobie (90%) sono state scoperte come di origine dell'orecchio interno e modellate da una serie di determinazioni interne all'orecchio meccanismi.
Per la prima volta, la forma, la qualità e la combinazione delle fobie potrebbero essere semplicemente spiegate e trattate in modo più efficace. È una coincidenza che ci sia una fobia specifica per tutte le attività legate al movimento, cioè ascensori mobili, scale mobili, autobus, treni, ecc.? Non è possibile che la paura delle altezze sia dovuta a sentimenti di squilibrio, specialmente se associati alle vertigini? E perché una maggioranza di fobie di diverso nome rispondono favorevolmente a terapie che migliorano l'orecchio interno e sono caratterizzate da disfunzione dell'orecchio interno nel 96% dei casi esaminati?
Per propositi esaurienti, la dottoressa Levinson ha proposto nella sua opera più venduta Phobia Free che la maggior parte delle fobie possono essere spiegate da tre origini fondamentali:
Tipo I – Fobie realistiche – cioè, inizialmente attivato dall'essere bloccato in un ascensore o tunnel, ecc.
Tipo II – Fobie Neurotiche – cioè essere intrappolati in una situazione familiare / coniugale violenta e l'ansia proiettata simbolicamente su altre situazioni di chiusura, cioè ascensori, tunnel, ecc.
Tipo III – Fobie determinate dall'orecchio interno: responsabili di oltre il 90% della maggior parte delle fobie e modellate da specifici meccanismi dell'orecchio interno.
Inutile dire che, per ogni dato paziente, i meccanismi di Tipo I, II e III possono combinarsi e risuonare tra loro, richiedendo una dissezione clinica, una valutazione e un trattamento olistico appropriato. Infatti, anche le fobie di tipo III e il panico puri innescano secondariamente i meccanismi di anticipazione di Tipo I che, attraverso un circolo vizioso, intensificano e complicano il processo di ansia e richiedono metodi di trattamento olistici.
Paure di spazi chiusi e altre "trappole" claustrofobiche – Ascensori, aerei, macchine, stanze senza finestre (o finestre che non si aprono), scantinati, armadi, buio, tunnel, sott'acqua, cinema, risonanza magnetica … sono stati riconosciuti per la prima volta dal Dr. Levinson per proteggere gli ambienti che privano fisicamente il cervello di informazioni sensoriali vitali (visive, gravitazionali, uditive, ecc., o qualche combinazione). Questi trigger possono far scattare gli allarmi di volo o di volo sensibilizzati e portare alla paura di essere intrappolati (ansia claustrofobica e di panico) in individui predisposti – quelli diagnosticati come affetti da disfunzione dell'orecchio interno.
Di conseguenza, il "potenziale claustrofobia" eviterà tutte le situazioni a meno che non possano scappare o uscire se improvvisamente vengono sopraffatti dal timore di perdere il controllo (cioè disorientamento, vertigini, squilibrio, fluttuazione, impazzimento o morte) – anche rapidità emotiva e intensificazioni d'ansia.
I claustrofobici sono anche spesso sensibili agli effetti soffocanti delle folle. Molti si sentono a disagio quando le persone si avvicinano troppo – si mettono "in faccia". E così possono anche evitare impegni e strette relazioni – con conseguente fobia dell'impegno. Alcuni addirittura si sentono a disagio indossando occhiali, occhiali, maschere, vestiti attillati e gioielli a causa delle sensazioni soffocanti che questi oggetti provocano fisicamente e simbolicamente.
Anche in uno spazio aperto alcuni si sentono intrappolati – spaventati non torneranno mai alla base di partenza – spiegando così la relazione comune tra claustrofobia e agorafobia. Queste sensazioni intrappolate possono anche verificarsi quando sono bloccate in un'autostrada aperta o in un ingorgo stradale … nel mezzo di una folla o nel mezzo di una linea … Sentirsi intrappolati (letteralmente o simbolicamente) e la sua anticipazione produce ansia. E la sensazione di non riuscire a fuggire amplifica quell'ansia – creando vero panico.
È interessante notare che molte persone con queste paure erano / sono iperattive, iperattive o eccessivamente energiche. Questi individui hanno bisogno di movimento e non possono rimanere fermi o "intrappolati" per troppo tempo senza sentirsi sopraffatti e in preda al panico – "squilibrio". In effetti, possono sentirsi intrappolati da un "sovraccarico di energia".
Trattamento olistico – Qualsiasi e tutti i metodi che forniscono intuizioni vitali riducendo al contempo l'effetto destabilizzante fisico e simbolico di inneschi di deprivazione sensoriale e meccanismi di ansia reattiva saranno salvavita. Questi includono un'approfondita comprensione "credibile" ed emotivamente accettabile dei trigger claustrofobici, della visualizzazione e di altre tecniche di compenso cognitivo determinate dall'orecchio interno, nonché l'uso di farmaci e di SSRI che migliorano l'orecchio interno, che minimizzano con successo o eliminare l'ansia fobica e il panico.

Solutions Collecting From Web of "Claustrofobia – Origini dell'orecchio interno e trattamento di successo"