Claustrofobia: causa e cura

Secondo il ricercatore Stephen Porges, 100 milioni di anni fa, le creature più avanzate erano rettili. Il loro cervello includeva l'amigdala, ma nessuna corteccia che permettesse di pensare.

Per proteggere il rettile, l'amigdala confrontava quello che stava succedendo con quello che stava succedendo. Finché non ci sono stati cambiamenti, l'amigdala non ha reagito. Ma se ci fosse stato un cambiamento, l'amigdala ha rilasciato ormone dello stress che ha creato la voglia di correre. Senza altra parte del cervello dire "Ehi, aspetta; studiamo questo e vediamo se correre è davvero necessario ", la creatura è appena scappata.

Più tardi, i mammiferi arrivarono con un cervello che era in grado di pensare. Aveva ancora l'amigdala, ma fu aggiunta la corteccia pensante. Questa parte del cervello potrebbe dire: "Tieni duro in corsa. Diamo un'occhiata prima. "

Noi umani abbiamo sia l'amigdala che la corteccia. Quando cambiano le nostre notifiche sull'amigdala, esso – proprio come cento milioni di anni fa – produce ormoni dello stress che causano l'impulso a correre. Gli ormoni dello stress attivano anche la corteccia, la parte pensante del cervello. Risponde: "Non correre come un pollo con la testa mozzata, perché ora ho una testa! Usiamolo. "

Come viene risolto questo conflitto? Si spera che la parte pensante del cervello sia in grado di capire cosa è e cosa non è sicuro, e se la corsa è, o non è, necessaria. Ma la parte pensante del cervello non sempre funziona in modo ottimale.

Pensa al tuo telefono. Quando suona, è forte e invadente. Attira la tua attenzione Questo è ciò che dovrebbe fare il ringing. Quindi, quando rispondi al telefono, lo squillo si interrompe in modo da poter avere una conversazione.

Confrontalo con l'amigdala. Quando avverte cambiamenti, causa l'impulso di correre. Allo stesso tempo, attira la nostra attenzione producendo sentimenti intrusivi. Fin qui tutto bene. La parte pensante risponde alla chiamata per capire cosa fare. Ma per capire le cose, l'allarme deve essere abbassato.

Come? Il cervello ha bisogno di scavalcare l'allarme. Se gli ormoni dello stress che causano allarmi non sono superati, è impossibile per la parte pensante del cervello separare ciò che viene percepito da ciò che viene immaginato. Ciò significa che la parte pensante del cervello non può fare il suo lavoro.

Se non si verifica attenuazione dell'allarme, subentra la necessità di eseguire. Se una via di fuga non è completamente chiara ti senti intrappolato. Quando il pensiero ad alto livello viene sopraffatto dall'allarme, non è disponibile per aiutarti a capire come scappare. Ciò significa che solo una via di fuga assolutamente chiara funziona.

Ad esempio, sei in cima a un alto edificio e inizi a sentirti ansioso. Senti la necessità di andartene. Come? La tua via di fuga più diretta viene in mente: saltare. Il fatto che salti in mente causa allarme. Se l'allarme non è attenuato, il pensiero ad alto livello non può fare il suo lavoro. Con la percezione e l'immaginazione fuse insieme, non è possibile valutare con precisione che qui, in cima all'edificio, sei al sicuro. Incapace di fornire un senso di sicurezza, la fuga sembra l'unica opzione. Ma, saltando fuori, l'unica via di fuga sono le scale. Ma il tuo pensiero ad alto livello è compromesso dall'allarme; non può nemmeno aiutarti a navigare le scale. Senza la parte pensante del cervello, la fuga significa correre subito. Le scale – e Dio non voglia, gli ascensori – sono una sfida molto grande. Questo significa che sei intrappolato. O così sembra. Puoi condurti in uno stato ancora più primitivo: congelare, dove, incapace di muoversi, sei come un cervo nei fari, congelato in uno stato di terrore.

La risposta è l'attenuazione dell'allarme. Il tuo cervello ha bisogno di funzionare come fa il tuo telefono: quando l'amigdala causa allarme, è necessario un modo automatico per silenziare l'allarme in modo da poter pensare con sufficiente chiarezza per capire se è necessario o meno scappare, e in tal caso, come farlo .

La maggior parte di noi subisce un'attenuazione automatica degli allarmi nei primi anni di vita quando gli operatori sanitari ci rispondono quando ci allarma. Un caregiver intuitivo utilizza la connessione "heart-face" scoperta da Porges. Il volto di una persona non giudicante in sintonia stimola il nervo vago, che ci calma rallentando il cuore e attivando il sistema nervoso parasimpatico.

Se l'attenuazione automatica dell'allarme non si è sviluppata in modo adeguato, la risposta è quella di allenare il cervello a farlo meglio collegando intenzionalmente i sentimenti di allarme a un ricordo di essere con una persona non giudicata in sintonia dal punto di vista fisico ed emotivo.

I passaggi per farlo sono nel capitolo 12 del mio libro, SOAR: The Breakthrough Treatment for Fear of Flying .

Solutions Collecting From Web of "Claustrofobia: causa e cura"