Cinque motivi per i quali non possiamo smettere di distrarci

Anche quando siamo di fronte a una scadenza, Internet chiama

Hai una scadenza imminente per quel progetto creativo, carta o rapporto. Sai che devi concentrarti completamente e sai che le interruzioni ti rallentano e riducono la capacità del tuo cervello di fare il suo lavoro migliore. (1) Eppure. . . non puoi smettere di controllare la tua email o Facebook, giocare al tuo gioco Zynga preferito o vedere cosa succede nello sport, nell'intrattenimento o nelle notizie online.

Di cosa si tratta? Perché queste tentazioni sono così irresistibili anche quando sei contro il tempo? Perché non possono semplicemente aspettare fino a quando non hai finito? E come puoi organizzarti per resistere a questi demoni devastatori?

Prima di Internet, ovviamente avevamo distrazioni, ma non erano solo a un clic di distanza. Ma non è solo la comodità delle nostre deviazioni che li rende irresistibili; le nostre nuove distrazioni sono così potenti perché soddisfano facilmente alcuni bisogni psicologici profondi.

Motivo 1: il lavoro intenso e creativo di solito è solo e molte di queste deviazioni forniscono una connessione ad altre persone . Controllare l'e-mail ci permette di vedere se qualcuno di cui ci preoccupiamo sta pensando a noi, anche se dobbiamo cercare un sacco di spam per scoprirlo. In effetti, tutto ciò che lo spam può rendere il fascino ancora più grande, perché imposta un programma di rinforzo parziale. La ricerca mostra che il rinforzo parziale è molto più resistente all'estinzione di un programma che produce sempre ricompense. (2)

Motivo 2: il lavoro creativo può essere difficile e frustrante e queste distrazioni possono fornire una tregua . Quando si incontra una barriera per fare progressi, è molto più facile controllare gli eventi più recenti che perseverare in questo difficile compito. Può essere gratificante imparare qualcosa di nuovo che è facilmente acquisito, anche se ciò che impari non è importante o utile (3).

Motivo 3: il passaggio a un nuovo argomento può stimolare nuovamente la nostra attenzione . Il nostro cervello ha difficoltà a concentrarsi su una cosa per molto tempo. La cosiddetta attenzione controllata (ad esempio, il lavoro sul nostro progetto) è molto più difficile da gestire rispetto all'attenzione stimolata, (ad esempio, rispondendo alle segnalazioni), e il cervello ha bisogno di pause regolari da compiti difficili; altrimenti l'attenzione si aggirerà naturalmente (4, 5).

Motivo 4: Fare progressi lenti o essere perplessi può farci sentire inadeguati, e queste distrazioni possono farci sentire meglio . Ad esempio, un recente studio di studenti universitari ha riferito che andare su Facebook può aumentare la tua autostima e aumentare l'affetto positivo (6).

I nostri giochi per smartphone possono essere così difficili da ignorare.

Motivo 5: alcune di queste distrazioni creano dipendenza . OK, non entriamo in una discussione teorica sulla definizione di dipendenza. Ma hai notato come le persone parlano della loro relazione con alcuni famosi giochi per smartphone? Controlla le valutazioni dei clienti di Scramble with Friends, ad esempio. Così tante persone che amano il gioco alludono alle sue qualità di dipendenza. E quanto è progettato in modo avvincente! Ogni prova dura esattamente due minuti e mentre suoni, qualcuno con una voce straordinariamente profonda urla "eccellente", "sorprendente" o "impressionante" ogni volta che pronunci una parola grossa! Peggio ancora, una volta che la tua partita a 3 round è finita, devi iniziare una nuova partita se vuoi continuare a chattare con il tuo amico …

– – –

Quindi, ora che sappiamo a cosa stiamo combattendo, questo ci aiuta a resistere alla tentazione e a mantenere la concentrazione quando ne abbiamo bisogno? Non necessariamente. Potrebbe solo farci sentire più indifesi. Se vogliamo superare queste travolgenti tentazioni, dobbiamo creare strategie per il successo .

Qui ci sono cinque strategie, per resistere a queste deviazioni, ognuna legata a una ragione per cui queste tentazioni sono così potenti.

1) Combatti la solitudine prima che inizi : ricevi una buona dose di ricompensa interpersonale prima di iniziare il tuo compito e pianifica qualcosa di simile, magari coinvolgendo anche le comunicazioni faccia a faccia, quando hai finito.

2) Riduci la frustrazione: dividi il tuo lavoro in pezzi gestibili che ti permettono di avere successo in piccole dosi. Quindi prenditi una pausa per premiarti se ne hai bisogno.

3) Ripristina la tua attenuante attenzione senza lasciare il tuo compito : quando ti imbatti in un muro nel generare grandi idee, fai qualcos'altro correlato ma meno oneroso, come organizzare i riferimenti, lavorare su problemi di formattazione o cercare immagini per il tuo progetto.

La natura può rinfrescare il nostro cervello con meno distrazioni.

4) Per aumentare il tuo umore, costruisci in una stimolazione meno distraente per le mini-pause , come passeggiare o guardare la natura, che ti rinfreschi senza necessariamente distogliere completamente la mente dal problema.

5) Per la dose giornaliera dei tuoi giochi preferiti, crea un programma che non interferisca con i tuoi progressi . Rendi il gioco una ricompensa per fare le cose.

– – –

In breve, non picchiarti su quanto sei vulnerabile; assemblare strategie che rendano la perseveranza più facile e le tentazioni più gestibili.

E tu? Quali sono le tentazioni che interferiscono maggiormente con i tuoi progressi?

Se provi una di queste strategie, fammi sapere come funzionano per te.

(1) Vedi i miei post precedenti:

Mining Your Inner Moron: perché il multitasking è un tale spreco

Mindus Interruptus: Le distrazioni sono più costose di quanto pensi

(2) Pittenger, DJ, & Pavlik, WB (1988). Analisi dell'effetto di estinzione parziale di rinforzo negli esseri umani mediante confronti assoluti e relativi di programmi. American Journal of Psychology, 101 (1), 1-14

(3) Kusurkar, RA, Croiset, G., e Ten Cate, OTJ (2011). Dodici consigli per stimolare la motivazione intrinseca negli studenti attraverso l'insegnamento dell'aula che supporta l'autonomia derivata dalla teoria dell'autodeterminazione. Insegnante di medicina, 33 (12), 978-982.

(4) Klingberg, T. (2009). Il cervello traboccante: sovraccarico di informazioni e limiti della memoria di lavoro. New York: Oxford University Press.

(5) Medina, J. (2008). Regole del cervello: 12 principi per sopravvivere e prosperare al lavoro, a casa e a scuola. Seattle: Pear Press.

(6) Toma, CL (2011). Affermare il sé online: motivi, benefici e costi dell'uso di Facebook. Dissertazione di dottorato non pubblicata. Estratti di dissertazione Internazionale Sezione A: Scienze umanistiche e sociali, Vol. 71 (12-A), p. 4230.

Solutions Collecting From Web of "Cinque motivi per i quali non possiamo smettere di distrarci"