Cinque motivi per cui gli iPad non dovrebbero essere nelle aule

C'è una crescente reazione contro iPad in classe, poiché non vi è alcuna prova che essi possano aiutare l'apprendimento, e alcuni esperti sostengono addirittura che potrebbero avere un effetto negativo.

Gli iPads sono arrivati ​​con un botto nel 2010, e in poco tempo sono stati annunciati in tutto il mondo come un punto di svolta per l'istruzione. Le scuole dagli asili alle università sono diventate voraci consumatori di questi dispositivi magnificamente progettati e ingegnosi: alcuni hanno scelto di lanciare programmi 1: 1 (in cui tutti gli studenti ricevono un iPad) mentre altri stavano implementando programmi BYOD (Bring Your Own Device) per evitare le costose spese di acquisto e upgrade di iPad per la scuola. Ma il puro entusiasmo per gli iPad nelle aule è giustificato? Ecco cinque motivi per ripensarci.

1. Non ci sono prove che migliorino l'apprendimento

Non esiste uno studio scientifico a lungo termine su larga scala che valuti l'iPad come strumento per l'apprendimento. 1 Questa seducente nuova tecnologia pervade le aule in tutto il mondo occidentale senza che noi prima stabiliamo i benefici e i rischi per gli studenti. La ricerca ha comunque cercato di recuperare il ritardo con il lancio di iPad, e ci sono una serie di studi su piccola scala che generano risultati contrastanti se gli iPad influenzano i risultati dell'apprendimento (nel bene e nel male). Le indagini hanno rilevato che, mentre gli studenti sono entusiasti degli iPad, in generale, non vi era alcun collegamento tra l'uso dell'iPad e gli effetti positivi o negativi sul rendimento scolastico. La revisione ha concluso che l'impatto dell'iPad sui risultati dell'apprendimento rimane inconcludente. 1 La politica educativa non dovrebbe essere costruita sulla pedagogia, non sulla popolarità?

2. Gli iPad si aggiungono solo ai problemi finanziari del nostro sistema educativo

In gran parte del mondo occidentale, un problema fondamentale è che gli insegnanti sono sottopagati e sovraccarichi di lavoro per quello che è probabilmente uno dei lavori più importanti della società. Molti di noi ricordano un particolare insegnante di ispirazione che in un momento critico ha creduto in te più di quanto tu credessi in te stesso. È difficile immaginare un iPad con lo stesso ruolo. Nondimeno, gli strumenti che rendono più facile il lavoro di un insegnante dovrebbero essere abbracciati: tuttavia gli iPad sono stati adottati senza consultare le stesse persone che li useranno come strumenti in classe. La ricerca mostra che gli educatori sono più scettici nei confronti degli iPads dei loro studenti, e sono profondamente preoccupati di come l'iPad in classe cambi radicalmente il loro ruolo dal "saggio sul palcoscenico" alla "guida sul lato". 2 Quando le scuole hanno il compito di acquistare iPads, un esercizio costoso una volta che l'esborso iniziale e la manutenzione in corso sono stati presi in considerazione, le finanze vengono deviate da altre risorse o potrebbero essere investite meglio, ad esempio negli stipendi degli insegnanti. In alternativa, quando il finanziamento per iPad viene spostato sui genitori, come nel caso dei programmi BYOD, l'ingiustizia socio-economica inerente al sistema scolastico si approfondisce solo. 3

3. Gli iPad sono fonte di distrazione

Ci sono grandi funzionalità di iPad che possono essere molto utili sia per gli insegnanti che per gli studenti. La ricerca mostra che gli studenti sono positivi ed entusiasti dell'iPad che motiva il loro apprendimento: hanno valutato l'iPad come uno strumento di ricerca di informazioni, poiché ora sono in grado di accedere istantaneamente ad altri materiali di apprendimento e risorse Internet. 2 Inoltre, gli iPad sono preziosi come strumenti per la comunicazione e la collaborazione con colleghi e accademici, nonché per l'autogestione attraverso app come calendario, promemoria, note, e-mail e così via. Tuttavia, una scoperta consistente in diversi studi è stata che l'iPad potrebbe potenzialmente essere una distrazione in quanto è associato più all'intrattenimento e all'istruzione. 1,2 La possibilità di connettersi a Internet è un'altra grande fonte potenziale di tentazioni lontano dal lavoro di apprendimento in mano. Il multitasking è molto diffuso con la tecnologia dello schermo 4 e l'evidenza è evidente che il multitasking durante lo studio o l'apprendimento ostacola le prestazioni accademiche.

4. La lettura su schermo NON è paragonabile alla lettura tradizionale

Anche se disabilitiamo il Wifi sugli iPad nelle aule per rimuovere il potenziale per la distrazione di Internet, gli iPad come strumento educativo differiscono notevolmente dai libri stampati. Gli esperti sostengono che leggere il testo sullo schermo sta cambiando il significato stesso della lettura. 2 Quando leggiamo un libro tradizionale, lo facciamo continuamente, lentamente, strettamente, linearmente. Potremmo annotare la pagina e spostarci avanti e indietro tra le pagine per assorbire ciò che viene letto. 2 In confronto, quando leggiamo un libro sullo schermo, possiamo cercare istantaneamente determinati passaggi o informazioni chiave. Gli esperti sostengono che questo significa che quando leggiamo sullo schermo, stiamo leggendo "a caccia" – scremando e scansionando e facendo clic su collegamenti ipertestuali per ottenere il succo delle informazioni. La preoccupazione è che la lettura sullo schermo sia incompatibile con la lettura tradizionale: "la lettura profonda è un figlio di stampa" . 2pg. 168 La ricerca ha dimostrato che la distrazione della lettura su un iPad rende più difficile leggere e più difficile seguire la narrativa ed essere trasportati nella storia. 5 Non sorprende che gli studenti preferiscano di gran lunga il comfort e la leggibilità della lettura della stampa. 2

5. I bambini hanno bisogno di meno tempo sullo schermo, non di più

I sostenitori degli iPad nelle aule di scuola materna affermano giustamente che ai bambini devono essere insegnate le abilità del 21 ° secolo per prepararli alla vita adulta. Questo è certamente vero, ma ogni singolo studio mostra che i bambini consumano troppa tecnologia già – fino a 18 ore al giorno per i ragazzi di età compresa tra i 13 ei 18 anni. 6 Questo periodo di schermatura sta spostando importanti interazioni sociali faccia a faccia, attività fisica, tempo trascorso all'aria aperta e tempo trascorso costretti a intrattenersi (cioè la noia). I bambini entrano nel sistema scolastico già molto esperti di tecnologia – quasi tutti i bambini di età superiore ai 2 anni hanno utilizzato un tablet o uno smartphone.

I neurologi sono preoccupati che gli schermi sovraccarichino le nostre limitate risorse di attenzione e causino affaticamento mentale. 7 Ciò che ti prepara anche per la vita adulta è la capacità di prestare attenzione per lunghi periodi di tempo, di avere l'autocontrollo e di pensare in modo profondo e significativo ai problemi. Senza iPad, le aule restano un rifugio per i pensieri profondi: per di più, la rimozione degli iPad da un'aula non significa andare completamente senza tecnologia a scuola.

Nei cinque anni da quando l'iPad è stato inventato, ha scosso il sistema educativo, nel bene e nel male. Come disse una volta il giornalista HL Mencken, "per ogni problema complesso c'è una risposta chiara, semplice e sbagliata". Non esiste un semplice piano di gioco per un'agenda così sfaccettata e diversificata come un sistema educativo, in cui una dimensione non può mai adattarsi a tutte le culture, età e abilità. Forse, tuttavia, prima che un genitore o un insegnante consegnino un iPad per migliorare o accelerare l'apprendimento, dovrebbero prima chiedere quali sono esattamente i risultati che desiderano raggiungere.

Riferimenti

1. Nguyen, L., Barton, SM e Nguyen, LT (2015). iPads nell'istruzione superiore – Hype e speranza. British Journal of Educational Technology, 46 (1), 190-203
2. Baron, NS (2015). Parole sullo schermo: il destino della lettura in un mondo digitale. la stampa dell'università di Oxford
3. DeWitt, P. (2013). Le scuole sono preparate per consentire agli studenti BYOD? Settimana dell'istruzione.
4. Cardoso-Leite, P., Green, CS, & Bavelier, D. (2015). Sull'impatto delle nuove tecnologie sul multitasking. Review inerente allo sviluppo, 35, 98-112
5. Mangen, A., & Kuiken, D. (2014). Perso in un iPad: engagement narrativo su carta e tablet. Studio scientifico della letteratura, 4 (2), 150-177
6. Rosen, LD, Lim, AF, Felt, J., Carrier, LM, Cheever, NA, Lara-Ruiz, JM, … & Rokkum, J. (2014). L'uso di media e tecnologia predice il malessere tra i bambini, i preadolescenti e gli adolescenti indipendentemente dagli effetti negativi sulla salute dell'esercizio e delle abitudini alimentari. Computer in Human Behavior, 35, 364-375

7. Cytowic, RE (2015). Il tuo cervello sugli schermi. . The American Interest, 10 (6), 53-61

Solutions Collecting From Web of "Cinque motivi per cui gli iPad non dovrebbero essere nelle aule"