Cinque modi per ottenere allenatori e genitori sullo stesso lato

CCO Creative Commons
Fonte: CCO Creative Commons

senza eguali a questo sport, essere un allenatore può essere un lavoro duro. C'è tutto ciò che devi sapere sul condizionamento, la tecnica, le tattiche, le attrezzature e, ovviamente, la mente. Ci sono la logistica di organizzare corsi di formazione, viaggi e gare per un gruppo di atleti e adattarsi alle condizioni in continua evoluzione inerenti allo sport. Vi sono anche compiti amministrativi non molto divertenti, tra cui il dispendio di tempo e il reporting spese. In alcuni sport, le esigenze fisiche e le lunghe ore e il tempo lontano dalla famiglia sono significativi. Eppure, attraverso i molti sport in cui lavoro, quando chiedo agli allenatori quale sia la loro più grande sfida e fonte di stress, la risposta travolgente sono i genitori.

A prima vista, sembra difficile da credere perché si potrebbe pensare che allenatori e genitori abbiano un obiettivo comune, ovvero massimizzare le esperienze sportive dei propri figli o cariche, rispettivamente. Eppure, come tutti noi abbiamo visto (o, ammettiamolo, siamo stati colpevoli di), anche i genitori meglio intenzionati non sono sempre in linea con gli allenatori su ciò che è meglio per i loro figli. Inoltre, sia come genitore che come psicologo dello sport, ho visto che i genitori lavorano effettivamente a scopi incrociati con il loro allenatore, il che rende i lavori degli allenatori più difficili e, di fatto, finiscono per ferire piuttosto che aiutare i loro figli. Come allenatore, si può essere tentati semplicemente di ignorare tale comportamento nella speranza che il problema scompaia, ma raramente lo fa perché, ovviamente, i genitori non vanno via. Potrebbe anche esserci una tendenza ad essere reattivi e attendere fino a quando si presenterà un problema. Ma, come tutti sappiamo, affrontare un problema nel bel mezzo della stagione, quando c'è così tanto da fare, probabilmente non è la soluzione migliore. Invece, è possibile adottare misure proattive per costruire relazioni forti e collaborative con i genitori e prevenire effettivamente i conflitti prima che si verifichino.

Sebbene ci siano alcuni esempi ben documentati al contrario di molti sport, la stragrande maggioranza dei genitori sportivi sono persone ben intenzionate che hanno ottimi rapporti con gli allenatori dei loro figli, che sostengono gli sforzi di quegli allenatori e che vogliono il meglio per i loro figli come atleti e giovani. Sfortunatamente, nonostante le buone intenzioni, i genitori sono anche esseri umani che possono essere guidati da motivazioni che non sono né razionali, benefici né consapevoli. Inoltre, a meno che i genitori non fossero allenatori o atleti d'élite, probabilmente non comprendono appieno ciò che è meglio per i loro bambini come atleti. Il tuo compito è di aiutare a guidare le motivazioni dei genitori e di educarli su ciò che attende i loro figli nel tuo sport.

Ecco cinque soluzioni per convincere i genitori dalla tua parte.

Guardalo dal loro punto di vista

Se un genitore viene da te con una lamentela, per prima cosa, consideralo come una preoccupazione piuttosto che qualsiasi tipo di critica nei tuoi confronti. In secondo luogo, cerca di guardare la situazione attraverso il loro obiettivo, in modo da poter capire il vero problema. L'empatia per ciò che stanno dicendo e ciò che sentono è uno strumento prezioso nel trattare con i genitori. È importante tenere la calma (anche quando potrebbero non esserlo) e ascoltare; i genitori hanno bisogno di sentirsi ascoltati più di ogni altra cosa. Sarai stupito di quanti conflitti possano essere risolti semplicemente comprendendo da dove proviene il genitore. Quindi, cerca un terreno comune per mostrare loro che sei dalla loro parte e che vuoi aiutare. Cerca win-win-win, in cui i genitori sentono che le loro preoccupazioni sono state affrontate, non senti più di essere un peso per te e, cosa più importante, niente che i loro genitori né tu stia facendo sta trattenendo i loro figli.

Aiuta i genitori a stabilire obiettivi realistici

Viviamo in una cultura dello sport in cui, abbastanza sorprendentemente, secondo un recente sondaggio, il 26% dei genitori ritiene che i propri figli diventeranno professionisti o atleti olimpionici. Le probabilità reali sono molto meno di un decimo dell'uno per cento. Ma i genitori possono essere sedotti da quei messaggi e possono, di conseguenza, fissare obiettivi per i loro figli che sono del tutto irrealistici.

Come allenatore, è importante stabilire obiettivi realistici per i tuoi atleti che i loro genitori possano abbracciare e supportare. Questi obiettivi non dovrebbero essere più elevati di quanto lo sport sia fonte di immenso divertimento e soddisfazione per i giovani atleti e per facilitare il loro sviluppo personale e sociale, aumentare l'autostima, imparare le capacità di vita trasferibili e ottenere un amore per tutta la vita nel nostro sport. Se i giovani atleti raggiungono questi obiettivi, saranno persone felici e produttive. Qualsiasi altro obiettivo, come una borsa di studio per atleti universitari, una medaglia olimpica o una carriera da atleta professionista, sono solo la ciliegina sulla torta.

Sia nelle conversazioni individuali che in quelle di gruppo all'inizio della stagione, puoi educare i genitori sia sulle gioie e le sfide degli sport, sulle possibilità realistiche che i loro figli raggiungano la grandezza, e quindi guidare i genitori a stabilire gli obiettivi per i loro i bambini che li spingono in avanti anziché li appesantiscono.

Mostrali come essere grandi genitori sportivi

Non ci sono manuali su come essere un genitore sportivo, quindi non si può davvero incolpare i genitori non solo non sapendo cosa fare, ma anche facendo cose che sono chiaramente (almeno per voi), controproducenti per la salute e gli obiettivi dei loro figli . Hai una grande opportunità di educare i genitori su ciò che dovrebbero e non dovrebbero fare che aiuta e ferisce i loro figli.

Puoi favorire questa comprensione specificando le tue aspettative nei confronti dei genitori dei tuoi atleti. Fornire ai genitori esempi particolari della gamma di comportamenti utili e dannosi. Ad esempio, abbracciare e incoraggiare i bambini indipendentemente dai loro risultati è una buona genitorialità. Al contrario, parlare di risultati ed essere critici nei confronti di altri genitori non lo è.

Inoltre, identifica in modo specifico in che modo il comportamento dei genitori può aiutare o indebolire il tuo coaching. Ad esempio, assicurandosi che gli atleti siano adeguatamente attrezzati e in tempo per l'allenamento, il tuo lavoro sarà molto più semplice. Non è assolutamente necessario interrogare gli allenatori durante l'allenamento.

Coinvolgere i genitori

Coinvolgere i genitori nella squadra è un ottimo modo per metterli dalla tua parte. Arruola i genitori all'interno del tuo programma per ricevere consigli e indicazioni sui problemi che si presentano. Chiedi ai genitori di dare una mano con compiti che ti impediscono di concentrarti sui bambini, ad esempio, organizzare l'alloggio e cucinare i pasti durante le gare. Se ritieni di lavorare bene insieme, potresti anche chiedere a un genitore o due di essere "manager" di squadra.

Se i genitori sono attivamente coinvolti nello sport dei loro figli, si sentiranno più investiti (in modo sano) e avranno un maggiore senso di appartenenza alle esperienze atletiche dei propri figli (in senso positivo). E, cosa molto importante, vedranno in prima persona quanto è difficile un lavoro e saranno più disposti a sostenere i tuoi sforzi.

Comunicare!

I genitori dei tuoi atleti conoscono i loro figli meglio di chiunque altro. Puoi essere un allenatore migliore attingendo al loro pool di conoscenze per comprendere meglio le esigenze, i punti di forza e le sfide dei tuoi atleti. Tu, a tua volta, conosci i tuoi atleti in modi che i loro genitori potrebbero non conoscere mai e vederli in ambienti lontanissimi dal normale ambiente familiare. Inoltre, i bambini possono dimostrare competenze e reazioni che non si manifestano in altri aspetti della loro vita. Ad esempio, un bambino che è pauroso e cauto socialmente ea scuola può trovarsi a sciare su terreni difficili e condizioni di neve con sicurezza e coraggio. E i loro genitori potrebbero non essere nemmeno consapevoli di quella parte di loro.

Creare opportunità per i genitori di fornire informazioni sui progressi dei loro figli può spesso risolvere i conflitti prima ancora che inizino. Ad esempio, puoi stabilire "orari d'ufficio" quando i genitori possono fermarsi o chiamare per parlare del loro giovane atleta (molto meglio che ricevere una chiamata a tarda notte da un genitore sconvolto). Queste conversazioni sono anche grandi opportunità per farti conoscere i genitori e far loro conoscere di più su di te. Il risultato netto è una relazione più stretta, più fiducia e anche una migliore comunicazione e cooperazione.

I genitori spesso sentono che devono essere ruote cigolanti per essere ascoltati dagli allenatori. Puoi evitarlo dando loro un feedback proattivo sui loro figli. Ad esempio, puoi fornire rapporti mensili sui progressi scritti che descrivono in dettaglio come il loro giovane atleta si stia sviluppando fisicamente, competitivamente e psicologicamente. Certo, i rapporti impiegheranno un po 'di tempo per prepararsi, ma posso assicurarti che questa volta gli investimenti pagheranno nel tempo e nell'energia risparmiati nel non dover fornire verbalmente quei rapporti in tempi inopportuni in risposta a una serie di domande ansiose.

Ricorda, i genitori hanno il diritto di essere informati e di avere input perché scrivono gli assegni e, di conseguenza, rendono il tuo lavoro possibile. Quindi, meritano la tua attenzione e rispetto. E se mostri rispetto per i genitori dei tuoi atleti, è molto più probabile che rispondano in natura. Più genitori sentono che ti fidi di loro per fare il loro lavoro, più saranno disposti a fidarsi di te per fare il tuo.

Se vuoi avere una stagione di successo, il che significa che i tuoi atleti raggiungono alcuni dei loro obiettivi, si divertono e vogliono continuare nel nostro sport, portare i genitori dalla tua parte è la chiave. Non è facile, ma iniziare i lavori prima della stagione e poi mantenere le ruote del rapporto allenatore-genitore ben oliato durante la stagione significherà che i veri vincitori saranno i giovani atleti, che è l'intero punto di la loro partecipazione sportiva in primo luogo.

Vuoi saperne di più sull'essere il miglior genitore sportivo che puoi essere? Scarica il mio e-book Prime Sport Parenting gratuito .

Solutions Collecting From Web of "Cinque modi per ottenere allenatori e genitori sullo stesso lato"