Cinque miti sui giovani e sui social media

Gli adolescenti sono sempre stati attratti da spazi pubblici in cui possono uscire con gli amici, trovare nuovi amici e parlare all'infinito con i colleghi su argomenti che li riguardano, lontano dai genitori e da altre figure di autorità. Tali incontri sono cruciali per lo sviluppo umano; sono il modo in cui gli adolescenti espandono i loro orizzonti sociali, condividono punti di vista su questioni che li riguardano, sperimentano versioni diverse della loro personalità e sviluppano il senso di indipendenza dai genitori e dagli altri adulti che devono per diventare essi stessi adulti.

Fino a poco tempo fa, i luoghi in cui i ragazzi si sarebbero trovati l'un l'altro erano spazi fisici e geografici, ma oggi si trovano più spesso nel cyberspazio. Molti adulti sono perplessi e alcuni sono affascinati dalla quantità di tempo che gli adolescenti trascorrono online e da ciò che sembrano fare lì. Un fantastico nuovo libro di danah boyd (che scrive il suo nome senza maiuscole), intitolato It's Complicated: The Social Lives of Networked Teens , ci aiuta a dare un senso a questo.

Il libro, pubblicato questo mese dalla Yale University Press, è il prodotto di un vasto programma di ricerca. Dal 2005 al 2012, Boyd ha viaggiato avanti e indietro attraverso gli Stati Uniti, incontrando e parlando con gli adolescenti, e anche con genitori, insegnanti, bibliotecari, giovani ministri e altri che lavorano con adolescenti. Ha anche trascorso "innumerevoli ore" studiando gli adolescenti attraverso le tracce lasciate online, sui loro siti di social network, blog e altri social media. Inoltre, lei e la sua collaboratrice Alice Marwick hanno condotto interviste formali e semi-strutturate di 166 adolescenti sulle loro abitudini sui social media.

Come suggerisce il titolo del suo libro ( It's Complicated ), i risultati dello studio di Boyd non possono essere riassunti con alcune semplici affermazioni. Il libro smaschera alcuni dei miti semplicistici su adolescenti e tecnologia che spesso troviamo nei media popolari o ascoltiamo nelle conversazioni tra adulti. Ecco cinque di questi miti e alcuni di ciò che Boyd deve dirci è rilevante per ognuno:

Mito 1: la tecnologia crea isolamento sociale.

Un adolescente a un computer o uno smartphone può sembrare socialmente isolato, ma, il più delle volte, l'adolescente usa quel dispositivo per superare l'isolamento sociale, isolamento che noi adulti abbiamo imposto. Boyd dice di aver sentito spesso i genitori lamentarsi del fatto che i loro ragazzi preferivano i computer a "persone reali", ma la prospettiva dei ragazzi era molto diversa. Gli adolescenti, in tutto il paese e attraverso i gruppi etnici, le hanno ripetutamente detto che preferirebbero molto stare insieme con gli amici di persona, ma avevano poche opportunità di farlo. Hanno comunicato con i loro amici attraverso i social media, perché quello era spesso l'unico modo in cui potevano raggiungerli.

Nelle generazioni passate, adolescenti, e persino preadolescenti e bambini più piccoli, si socializzavano l'un l'altro mentre andavano a scuola e tornavano ogni giorno. A scuola potevano socializzare durante l'ora di pranzo e altre pause durante il giorno. Dopo la scuola e nei fine settimana, potevano camminare, andare in bicicletta, prendere i mezzi pubblici o (nel caso di ragazzi più grandi) guidare per trovarsi a vicenda nei parchi, campi, angoli delle strade, lotti liberi, club segrete, ristoranti, centri commerciali o altro luoghi di incontro regolari. I ragazzi di oggi non hanno questa libertà. A molti non è permesso camminare a scuola. "L'ora di pranzo" non è più nemmeno vicina a un'ora, e altre interruzioni nella giornata scolastica sono state in gran parte rimosse. Molti genitori vietano ai ragazzi di avventurarsi senza un adulto, e anche quando i genitori lo permettono, altre forze lavorano contro di esso. Come sottolinea Boyd, i responsabili politici hanno implementato il coprifuoco e le leggi anti-bighellonare rivolte ai ragazzi, nella convinzione errata che questo freni il crimine giovanile (cita prove che non lo fa); e molti locali commerciali che una volta accolgono o almeno tollerano i ragazzi ora li vietano, specialmente quando appaiono in gruppi. Anche quando un singolo adolescente è libero di lasciare la casa e ha un posto dove andare, la possibilità che i suoi amici abbiano anche quella libertà è piccola.

Boyd scoprì che i genitori con cui parlava spesso credevano di offrire ai propri ragazzi opportunità di socializzare quando li iscrivevano e li guidavano verso attività doposcuola per adulti, ma i ragazzi non erano d'accordo. Dissero a Boyd che queste attività offrivano poche opportunità per il tipo di socializzazione che desideravano, proprio a causa della struttura adulta e della sorveglianza continua degli adulti.

Come afferma Boyd (p. 106-107), "le figure dell'Autorità considerano contemporaneamente gli adolescenti come fastidi che devono essere gestiti e bambini innocenti che devono essere protetti. Gli adolescenti sono sia minacce pubbliche che obiettivi vulnerabili. La società ha paura di loro e di loro ". Per questo, abbiamo più o meno bandito adolescenti da luoghi pubblici fisici; quindi, essendo umani e avendo bisogno di social network, hanno capito come stare insieme online.

Mito 2: gli adolescenti sono dipendenti dalla tecnologia e dai social media.

In un precedente saggio su questo blog (sul videogioco "dipendenza"), ho descritto la nostra tendenza ad applicare il termine dipendenza a quasi ogni tipo di attività a cui le persone si divertono e si impegnano frequentemente. Utilizzato in modo più conservativo e utile, il termine si riferisce a un'attività che (a) è compulsiva nel senso che la persona non è stata in grado di smettere di farlo, anche con grandi sforzi, e (b) è chiaramente più dannosa che utile per la persona impegnata in quel comportamento.

Boyd ha scoperto che alcuni ragazzi passano più tempo con i social media di quanto dicono che vorrebbero. Hanno riconosciuto di esserne attratti e di goderselo così tanto da perdere la cognizione del tempo, e hanno detto che causano qualche danno sottraendo dal momento in cui possono spendere in altre attività, comprese quelle che gli adulti stanno incoraggiando a fare, come il lavoro scolastico . Ma non è chiaro che il danno superi i guadagni. E, anche se lo fosse, suggerisce Boyd, il linguaggio della dipendenza non è utile qui. Sensazionalizza il problema. Implica patologia piuttosto che un problema di gestione del tempo del tipo che tutti noi abbiamo a vari livelli.

Boyd (p 92) sottolinea che se usiamo il termine dipendenza per riferirsi a qualsiasi attività di cui le persone godono e a cui dedicano grandi quantità di tempo, allora " Essere" dipendenti "dalle informazioni e dalle persone è parte della condizione umana: nasce da un sano desiderio di essere consapevole dell'ambiente circostante e di connettersi alla società. " Non è la tecnologia in sé che attira i giovani; è la possibilità di comunicare con i colleghi e conoscere il loro mondo. Il computer è solo uno strumento, come un tempo il telefono.

Quando gli adulti vedono che i bambini e gli adolescenti usano i computer e gli smart phone piuttosto che giocare all'aperto o socializzare nello spazio fisico, trovano più facile incolpare il computer e le sue presunte qualità "addictive" piuttosto che incolpare se stessi e le condizioni sociali che hanno privato i giovani persone della libertà di riunirsi in luoghi fisici, lontano dagli adulti che interferiscono.

Mito 3: in questi giorni gli adolescenti non apprezzano la privacy.

Gli adulti sono spesso sconvolti dalla tendenza degli adolescenti a inserire informazioni in Internet che "dovrebbero essere private". Al contrario, gli adolescenti hanno regolarmente detto a Boyd che utilizzavano i social media per ottenere la privacy. La differenza sembra essere una delle preoccupazioni sulla privacy da parte di chi. I genitori si preoccupano degli sguardi indiscreti degli estranei, mentre gli adolescenti sono più preoccupati per gli occhi indiscreti e le orecchie degli adulti che li conoscono bene. Nelle parole di Boyd: " Quando gli adolescenti – e, per quella materia, la maggior parte degli adulti – cercano la privacy, lo fanno in relazione a coloro che detengono il potere su di loro. A differenza dei difensori della privacy e degli adulti più politicamente consapevoli, gli adolescenti non sono in genere interessati ai governi e alle società. Invece, stanno cercando di evitare la sorveglianza da parte di genitori, insegnanti e altre figure di autorità immediata nelle loro vite. Vogliono il diritto di essere ignorati dalle persone che vedono essere "nei loro affari". … Vogliono evitare adulti paternalisti che usano sicurezza e protezione come scusa per monitorare la loro socialità quotidiana.

A volte gli adolescenti che si avvicinano fisicamente a un altro testo o utilizzano i social media piuttosto che parlare, proprio così i genitori o altri che sono fisicamente presenti non sapranno cosa stanno dicendo. Gli adolescenti sono giustamente arrabbiati quando i loro genitori vanno online e leggono cosa era destinato ai colleghi, non ai genitori. È un po 'diverso, per loro, dalla lettura della posta privata, o il bugging della loro camera da letto, o la lettura del loro diario. Boyd (p 59) scrive, inoltre: " Nel 2012, quando ho chiesto ai teenager che erano i primi ad adottare Twitter, Tumblr e Instagram, perché preferivano questi servizi a Facebook, ho sentito una risposta quasi uniforme:" Perché i miei genitori non lo fanno " ne sono a conoscenza. "

È vero, tuttavia, che molti adolescenti ignorano o non sono a conoscenza delle tracce di lunga durata che possono lasciare quando comunicano attraverso i social media e gli effetti dannosi che possono verificarsi, ad esempio, se letti da un potenziale datore di lavoro futuro. Boyd ha scoperto che, nonostante la percezione comune che tutti gli adolescenti sono esperti di Internet, molti di loro non lo sono. Spesso non sanno come utilizzare le impostazioni sulla privacy sui social media e spesso ignorano o dimenticano fino a che punto il pubblico diverso da quello previsto possa accedere a ciò che sta dicendo. Boyd suggerisce che noi, come singoli adulti e come società, potremmo fare più di quanto facciamo attualmente per aiutare gli adolescenti a capire meglio i social media che stanno usando. Invece di avvertirli di non usarlo o di impedirgli di usarlo, potremmo aiutarli a trovare modi per usarlo in modo più intelligente.

Mito n. 4: i social media mettono i ragazzi a grave rischio di predatori sessuali.

In un sondaggio nazionale, Boyd e i suoi colleghi hanno scoperto che il 93% dei genitori era preoccupato che il loro bambino potesse incontrare uno sconosciuto online che li avrebbe feriti, mentre solo l'uno per cento di essi indicava che uno dei propri figli aveva mai avuto un'esperienza simile. Di gran lunga il più grande timore espresso dai genitori era di "predatori sessuali", "molestatori di bambini", "pedofili" e "trasgressori sessuali" che potevano contattare il loro bambino attraverso la loro partecipazione online. Ciò rispecchia le paure, rivelate in altri sondaggi nazionali e internazionali, che sono alla base delle decisioni di molti genitori di impedire ai loro figli di avventurarsi fuori casa, all'aperto, senza protezione per gli adulti. Sorprendentemente, i rispondenti al sondaggio di Boyd hanno espresso tanto timore per i loro figli quanto per le loro figlie.

Mentre io e altri (ad esempio Lenore Skenazy nel suo libro Free Range Kids ) hanno riportato altrove, il "pericolo estraneo" teme che molti genitori siano così sopraffatti. In effetti, il danno di qualsiasi tipo a bambini o adolescenti da parte di estranei adulti è molto raro, e ci sono poche prove che la tecnologia oi social media abbiano aumentato tale pericolo. Come dice Boyd (p 110): "Gli assalti sessuali avviati da Internet sono rari e il numero complessivo di crimini sessuali contro i minori è in costante calo dal 1992, il che suggerisce che Internet non ha creato una nuova piaga. "Certo, adolescenti e bambini dovrebbero essere tutti avvertiti di tali possibilità, e dovremmo discutere dei modi di senso comune per prevenirli con loro, ma il pericolo è talmente piccolo che è irrazionale bandire i nostri figli dai social media a causa di ciò.

Il fatto è che le molestie su minori hanno molte più probabilità di essere perpetrate da persone ben note al bambino, come parenti, amici di famiglia fidati, sacerdoti e insegnanti, piuttosto che da estranei. Di nuovo, nelle parole di Boyd (p 110): " Sebbene i legislatori siano felici di proporre interventi che limitino i diritti dei giovani per accedere agli spazi online, non hanno proposto leggi per vietare l'accesso dei bambini ad istituzioni religiose, scuole o case, anche se statisticamente più comuni siti di vittimizzazione ".

Mito n. 5: Il bullismo attraverso i social media è un enorme problema nazionale.

Il bullismo, il vero bullismo, è, ovviamente, un problema serio ovunque si manifesti; e, in effetti, ci sono alcuni casi ben documentati di cyberbullismo (bullismo online) che sono finiti in tragedia. Ma quanto spesso avvengono questi casi? Questo bullismo è abbastanza comune e abbastanza serio da vietare agli adolescenti i social media?

Come nel caso della dipendenza , parte del problema con il termine bullismo sta nel modo in cui le persone lo definiscono o identificano. Boyd nota di aver incontrato genitori che vedevano ogni atto di presa in giro come prepotente, anche quando i loro figli, compresi quelli che erano bersagli, non lo facevano. Ho incontrato anche questi genitori e alcuni sono incrollabili nelle loro convinzioni. La sovraestensione si verifica anche quando il termine bullismo è applicato a gravi controversie a due vie tra persone di pari potenza. Boyd ha scoperto che gli adolescenti stessi in genere avevano un modo più conservatore e più significativo di identificare il bullismo: il bullismo esiste quando c'è uno squilibrio di potere tra due individui o gruppi e il più potente attacca ripetutamente quello meno potente in modi che danneggiano il quest'ultimo.

Secondo questa definizione, secondo Boyd e gli adolescenti che ha intervistato, il cyberbullismo è molto meno comune di quanto credano i genitori. C'è un sacco di prese in giro on-line, un sacco di linguaggio volgare, e un sacco di quello che i giovani chiamano dramma e scherzi , ma non una grande quantità di bullismo nocivo. In effetti, Boyd (p. 133) ha rilevato che gli adolescenti hanno costantemente riferito un maggiore disagio per il bullismo a scuola, di persona, rispetto al bullismo online.

Boyd spende un numero di paragrafi per aiutare gli adulti a capire il fenomeno online piuttosto comune che gli adolescenti, per lo più ragazze, definiscono come drama , che definisce " conflitto performativo e interpersonale che si svolge di fronte a un pubblico attivo e impegnato, spesso sul sociale media. "Il dramma, secondo Boyd, è un'attività a doppio senso senza una chiara differenza di potenza. Inoltre, non è necessariamente doloroso. In effetti, molti degli adolescenti intervistati sembravano divertirsi partecipando al dramma; era, tra le altre cose, un modo per attirare l'attenzione su se stessi e raccogliere il sostegno dei loro amici. Circa il 9 percento dei ragazzi intervistati ha ammesso anche che a volte avrebbero generato un falso dramma pubblicando commenti anonimi e mediocri su se stessi e rispondendo a tali commenti come se fossero venuti da un'altra persona. I ragazzi si impegnano in attività simili, ma sono più propensi a chiamarlo schermaglia (o, più grossolanamente, punking ), un termine che rimanda esplicitamente alla natura canzonatoria dell'attività. Per molti adolescenti, è una questione di orgoglio rispondere abilmente a tali colpi senza abbattere o perdere la calma. Questo può, in parte, essere il modo in cui i giovani sviluppano una pelle spessa. Tali scambi hanno sempre fatto parte delle esperienze degli adolescenti, tanto più tra alcuni gruppi rispetto ad altri, e la loro comparsa online non cambia la loro natura.

Pensieri conclusivi

Mi piace il titolo principale del libro di Boyd, It's Complicated . Posso ben immaginare queste parole che precedono molte delle risposte che i ragazzi hanno dato alle domande che ha posto nelle interviste. Un messaggio prevalente del libro è che le supposizioni su adolescenti e tecnologia espresse dai media, dai politici, dai genitori, dagli educatori e persino dagli psichiatri infantili e da altri "esperti" sono spesso semplicistiche se non addirittura errate. Ogni volta che vediamo un comportamento tra adolescenti che ci sembra strano, o sentiamo esempi casuali di vere atrocità, tendiamo a correre verso il giudizio, e troppo spesso la direzione in cui affrettiamo è aggiungere un'altra restrizione alle vite già altamente limitate dei giovani di oggi.

A parte i gravissimi problemi di povertà e disuguaglianza, la più grande offesa della nostra nazione nei confronti degli adolescenti e contro i bambini più piccoli. anche, è mancanza di fiducia. Ogni volta che ci guardiamo dentro, ogni volta che vietiamo un'altra attività "per il loro bene", ogni volta che approviamo un'altra legge che limita il loro accesso ai luoghi pubblici, inviamo il messaggio "non ci fidiamo di te".

La fiducia promuove l'affidabilità e la mancanza di fiducia può promuovere il contrario. Gli adolescenti non sono né angeli né diavoli, non sono mai esistiti e non lo saranno mai più, così come non lo siamo io e io. Gli adolescenti non sono completamente maturi; fanno errori. Possono anche essere meno maturi e più inclini agli errori di quanto tu e io. Ma devono essere autorizzati a fare errori, perché è così che crescono. Non possono imparare a prendere il controllo della propria vita se non permettiamo loro di assumere quel controllo. Non possono imparare a fidarsi di se stessi se non permettiamo loro di praticare tale fiducia. La ricerca e il libro di Boyd sono grandi risultati, perché ha preso sul serio gli adolescenti e li ha ascoltati.

—-

Cosa ne pensi? Quali sono state le tue esperienze e osservazioni su adolescenti, tecnologia e social media? Sei d'accordo o in disaccordo con le analisi presentate qui? Questo blog è un forum di discussione e le tue storie, commenti e domande sono valutate e trattate con rispetto da me e da altri lettori. Come sempre, preferisco pubblicare i tuoi pensieri e le tue domande piuttosto che inviarmeli per e-mail privata. Mettendoli qui, condividi con altri lettori, non solo con me. Leggo tutti i commenti e cerco di rispondere a tutte le domande serie, se sento di avere qualcosa di utile da dire. Certo, se hai qualcosa da dire che vale veramente solo per te e me, allora mandami una mail.

—-

Per ulteriori informazioni sul bisogno di libertà dei giovani, vedere Free to Learn .

—-

Riferimento

danah boyd. È complicato: la vita sociale degli adolescenti in rete . Yale University Press, 2014.

Solutions Collecting From Web of "Cinque miti sui giovani e sui social media"