Cinque domande sulla scrittura e l'esecuzione: risposte!

1. Gli scrittori dovrebbero essere incoraggiati a scrivere per un posto o per una grande varietà di luoghi diversi?

-Una delle cose straordinarie della scrittura per vari tipi di luoghi è che quando non riesco a scrivere per un solo locale, scriverò per un altro; è qualcosa che suggerisco che ogni scrittore cerchi di coltivare nei termini del proprio lavoro. In questo modo non ti dai nessuna scusa per non scrivere, e quello – finalmente e in definitiva – è ciò che separa l'amatore dal professionista. Di solito sto lavorando a un progetto più lungo in ogni momento, ad esempio, ho appena pubblicato una raccolta intitolata Make Mine a Double: perché le donne ci amano bere (o non) per la University Press of New England, quindi quando non potevo sedersi e scrivere qualcosa di nuovo, potrei sempre "giocare" con la collezione, sia in termini di lavoro con uno dei 28 contributori o di redazione di un comunicato stampa (con Laura Rossi Totten, mia amica e pubblicista). Se ho un'idea per un pezzo più lungo, posso scriverlo anche mentre sto facendo un blog per Psychology Today o un articolo per Principal Leadership. Uno aiuta gli altri. Amo scrivere con Gene Weingarten del Washington Post perché ridiamo per tutta la conversazione, ma divento geloso quando scrive con altre donne. È un trade-off.

2. Appare su radio, TV e spettacoli dal vivo più difficile, più facile o semplicemente diverso dalla scrittura?
-Eseguire è completamente diverso dalla scrittura. Non uso le note quando mi alzo di fronte a un pubblico; poiché ogni gruppo è diverso, e ogni argomento ha bisogno di una sua risposta immediata, non è possibile attingere alle stesse risorse che useresti per iscritto. Devi essere in grado di essere assolutamente nel momento, non scegliendo ogni parola attentamente, ma rispondendo rapidamente e direttamente. Spesso gli scrittori si abbandonano alle esibizioni perché proviamo a fare su un palcoscenico quello che facciamo nella pagina – non è un'aspettativa appropriata.

3. Come scegli gli argomenti per la tua scrittura? Sono fastidiose cose che noti, sprazzi di ispirazione o locali ricercati?
– La vita è isterica, vero? Se trascorri quindici minuti ascoltando le conversazioni di estranei, hai abbastanza di cui scrivere per una settimana. Nemmeno io sto scherzando. Uno degli esercizi più produttivi che insisto è che i miei studenti di scrittura creativa completi sono quelli in cui, ogni settimana, arrivano con dieci "linee trovate": dichiarazioni favolose casuali fatte da persone che non conoscono. Imparano a prestare attenzione alle voci fuori dalle loro teste e anche a quelle dentro di loro, e spesso scoprono nel processo che guardare fuori è di enorme aiuto per uno scrittore. Non puoi semplicemente sederti e girare come un ragno dal nulla tutto il tempo – devi fare come un'ape, e andare di posto in posto, prendere delle cose appiccicose e portarlo altrove per fare cose accadere. In questo modo ti alimenti e ciò che ti circonda; ti fa anche uscire di casa. Per scrivere devi leggere e ascoltare, e non solo leggere il tuo lavoro e ascoltare la tua voce.

4. Perché usi l'umorismo come genere di elezione?
– Uso l'umorismo nel mio lavoro perché la risata è il suono che emetti quando sei libero – e per troppo tempo le donne non sono state in grado di emettere quel suono, almeno non in pubblico. La donna ridente è stata considerata l'isterica o il ridacchiato, quando tutti sappiamo che lei è davvero la verità e il sobillatore. Quando puoi aiutare qualcuno a ridere con te, per quel momento – quel momento glorioso, incredibilmente importante – stai entrambi nello stesso posto e vedi il mondo dalla stessa prospettiva. Ridere con qualcuno è il più vicino possibile a lui o lei senza dargli un abbraccio. Mi piace far sorridere qualcuno anche quando non sono nella stanza con lei, l'umorismo è un dono, un'arma e uno strumento.

5. Il tuo lavoro è identificato sia come femminista sia come umorismo. Pensi che l'una influenzi l'altra o che cambi il modo in cui il pubblico riceve l'altro?
-Dal momento che presumo che tutti quelli che incontro è una femminista – nel senso che io concedo alle persone il beneficio del dubbio e immagino che credano che le donne siano pienamente esseri umani, che è, dopo tutto, la definizione di femminismo – Non mi preoccupo di come femminista e umorista "vanno insieme". Sono solo contento che lo facciano. Entrambi mirano a guardare il mondo in un modo nuovo, a rendere la vita un concerto più gioioso, coinvolgente, arricchente e vivace, e ad assicurarsi che coloro che sono in una posizione di potere non rimangano estranei ai vestiti nuovi dell'imperatore (anche se li hanno comprati a TJ Maxx).

Solutions Collecting From Web of "Cinque domande sulla scrittura e l'esecuzione: risposte!"