Cibo Mood

I ricercatori hanno notato che alcuni comportamenti di dipendenza possono in parte dipendere dal genere. Ad esempio, gli uomini hanno maggiori probabilità di essere dipendenti da droghe, gioco d'azzardo e sesso, mentre le donne hanno maggiori probabilità di soffrire di "disordini del centro commerciale" come mangiare e fare shopping. Il cibo è – ovviamente – una ricompensa primaria in quanto è necessaria per la nostra sopravvivenza. Tuttavia, è questa ricompensa che dà cibo altamente appetibile (come lo zucchero) il suo potenziale di dipendenza, che porta a mangiare eccessivamente come un comportamento che crea dipendenza. Le possibili ragioni alla base di un tale consumo eccessivo nella società di oggi sono molte, tra cui la crescente disponibilità di cibo, uno stile di vita più inattivo e considerazioni finanziarie. Inoltre, come mezzo per migliorare l'umore, il cibo è altamente gratificante, facilmente disponibile, a basso costo e soprattutto è legale!

Tali giustificazioni dimostrano un certo grado di potere esplicativo, contribuendo alla ricerca sul tema dell'alimentazione eccessiva come area di crescente interesse. Tuttavia, nessuna di queste spiegazioni affronta la questione critica del perché certe persone sembrano mangiare troppo, nonostante i ripetuti sforzi per non farlo. La maggior parte dei casi obesi tende a risultare da un consumo eccessivo di energia, indipendente dalla mancanza di attività fisica. Quindi potrebbero essere le persone, piuttosto che il cibo, che devono essere concentrate qui.

I tassi di prevalenza per un'alimentazione eccessiva e coinvolgente sono molto variabili. I tassi di prevalenza dei disturbi alimentari nell'ultimo anno (in particolare i disturbi da alimentazione incontrollata, tra gli adolescenti e gli adulti in genere) variano tra l'1% e il 2% ma cifre molto più elevate sono state riportate in una varietà di studi in un certo numero di paesi diversi (tra il 6% e il 15% % in base al campione). Sulla base di questi numerosi studi che includevano campioni di almeno 500 partecipanti, il professor Steve Sussman, Nadra Lisha (entrambi della University of Southern California) e io abbiamo stimato un tasso di prevalenza nell'ultimo anno del 2% per la dipendenza da cibo negli adulti americani della popolazione generale.

La sensibilità alla ricompensa è un costrutto di personalità della Teoria della Reinforcement Sensitivity di Jeffrey Gray, ed è pensata per controllare il comportamento di approccio, attraverso il centro di ricompensa della dopamina. Gli individui che sono altamente sensibili alla ricompensa sono più inclini a rilevare i segnali di ricompensa nel loro ambiente (come il cibo) risultando nell'avvicinarsi a questi premi più frequentemente, oltre a rispondere più velocemente e con maggiore forza. La ricerca dimostra associazioni tra sensibilità della ricompensa e aumento del desiderio di cibo, peso corporeo, alimentazione incontrollata e preferenza per cibi grassi. Tali scoperte offrono una possibile spiegazione del motivo per cui solo alcune persone mangiano eccessivamente quando la ricompensa, in particolare quella prodotta dal cibo, è un processo disponibile per tutti.

Un eccessivo appetito per il cibo è stato a lungo legato al mangiare emotivo con ricerche che dimostrano che i dipendenti affetti da cibo raffinato riferiscono in particolare di mangiare quando si sentono ansiosi. Ad esempio, questo è dimostrato dalle abitudini alimentari degli americani in sovrappeso, che rivelano che le donne tendono ad abbuffarsi quando si sentono soli o depressi, mentre gli uomini mangiano troppo in situazioni sociali positive. Una ricerca risalente agli inizi degli anni '90 ha scoperto che le donne trattate per disturbi alimentari descrivevano sentirsi meno ansiose mentre un episodio di abbuffate andava avanti. Tali ricerche suggeriscono che le persone altamente ansiose hanno maggiori probabilità di rivolgersi al cibo per il comfort, portando a mangiare eccessivamente, ma a loro volta causano più ansia quando questo conforto non è disponibile. Ad esempio, questo è dimostrato dalle abitudini alimentari degli americani in sovrappeso, che rivelano che le donne tendono ad abbuffarsi quando si sentono soli o depressi, mentre gli uomini mangiano troppo in situazioni sociali positive.

La ricerca ha dimostrato che le persone obese hanno punteggi più alti nelle scale di personalità impulsive. L'impulsività è una tendenza ad "agire in base al momento", spesso associata a un fallimento nell'apprendere dall'esperienza negativa, in cui gli individui conoscono il modo appropriato di comportarsi, ma non riescono ad agire di conseguenza. I tossicodipendenti raffinati mangiano per un "pick-me-up", anche se sono consapevoli di non avere fame, suggerendo una correlazione tra la sensibilità della ricompensa e le reazioni impulsive a tali segnali di gratificazione. Gli individui impulsivi hanno la tendenza a reagire allo stress e all'ansia, con una brama di soddisfazione immediata come forma di sollievo. Sebbene il mangiare possa fornire questa ricompensa o sollievo, allora può condizionare le persone impulsive a reagire rapidamente, con questa risposta iniziale, a tali sentimenti in futuro; come con sentimenti di fame quando si sente ansioso. Questo potrebbe spiegare perché i ripetuti tentativi di limitare l'assunzione di cibo e perdere peso, così spesso si traduce in ricaduta nelle persone obese.

Sono state osservate anche associazioni tra l'autostima e una varietà di popolazioni di comportamenti alimentari eccessivi, come i mangiatori moderati, i pazienti bulimici e gli abbuffati. Una spiegazione per questo suggerisce che gli individui con bassa autostima hanno aspettative inferiori per le prestazioni personali, con il risultato di fare meno sforzi per resistere alle sfide e alle tentazioni per la loro dieta. Questo offre un'altra spiegazione che gli individui con bassa autostima dipendono più da stimoli esterni per controllare il mangiare, come il cibo sembra, piuttosto che spunti interni, come la fame, indicando la sensibilità della ricompensa e risultante in dieters con bassa autostima di autostima. Qui, una bassa autostima unita alla sensibilità della ricompensa e alle sue ulteriori correlazioni con l'impulsività e l'ansia, sembrano dimostrare un modello distruttivo di influenza sul comportamento, un tratto che amplifica ulteriormente il successivo che porta a mangiare continuamente in eccesso.

In relazione alla bassa autostima, la bassa desiderabilità sociale è stata vista correlare in modo significativo con il mangiare moderato nelle persone obese. L'alta desiderabilità sociale è più comunemente associata al desiderio di magrezza. Pertanto, sebbene esista un'associazione con il comportamento alimentare, è più probabile che un'elevata desiderabilità sociale sia correlata con comportamenti anoressici piuttosto che con un'alimentazione eccessiva. La bassa desiderabilità sociale, combinata con una bassa autostima come causa o effetto, potrebbe contribuire a spiegare l'eccessiva alimentazione in alcuni individui, che a sua volta potrebbe essere motivata dai contributi di tutti i tratti precedentemente menzionati.

Infine, la Professoressa Elizabeth Hirschman della Rutgers University ha proposto un modello generale di consumo che crea dipendenza che interrompe il comportamento di consumo eccessivo e compulsivo. Questo modello suggerisce caratteristiche simili che le persone esibiscono, insieme a cause comuni, modelli di sviluppo e funzioni simili che tali comportamenti servono agli individui. Molti di questi sono stati in precedenza associati a un'alimentazione eccessiva in particolare, suggerendo inoltre un principio generale di personalità del consumo.

Solutions Collecting From Web of "Cibo Mood"