Cibo, infiammazione e autismo: c'è un collegamento?

Di Krysteena Stephens, MA, IMFT, a cura di Victoria Dunckley MD

L'infiammazione nell'intestino può portare a infiammazioni nel cervello.

Qualsiasi persona che naviga negli annunci di annunci di lavoro negli ultimi anni potrebbe aver notato un marcato aumento delle posizioni legate al lavoro con bambini diagnosticati con Disturbo dello spettro autistico (ASD), un disturbo pervasivo dello sviluppo caratterizzato da menomazioni nella comunicazione e nelle interazioni sociali, interessi ristretti e comportamenti ripetitivi. Il Disturbo dello Spettro Autistico è segnalato dal CDC per colpire circa 1 su 88 bambini, una statistica scioccante che è aumentata negli ultimi anni. Genitori e ricercatori sono alla ricerca di nuove risposte sulla causa di questo disturbo, tra cui fattori ambientali e infiammazioni corporee legate a allergie alimentari, sensibilità o intolleranze. [*]

Recenti ricerche hanno svelato molto sostegno in questo settore. Ad esempio, uno studio ha confrontato la prevalenza delle condizioni di salute associate ai bambini con ASD e ha scoperto che le allergie, in particolare le allergie alimentari, erano più prevalenti nei bambini con ASD rispetto a quelli senza. [1] È anche risaputo che molti bambini con ASD manifestano anche problemi di alimentazione schizzinosi, problemi gastrointestinali o altre avversioni alimentari generiche [2]. Inoltre, sono stati segnalati casi di bambini con ASD che sono stati immessi in diete prive di glutine e / o caseina che hanno mostrato un declino evidente dei sintomi. [3]

In un articolo del NY Times pubblicato l'anno scorso, lo scrittore scientifico Moises Velasquez-Manoff presenta una teoria simile basata sul fatto che un terzo di tutti i casi documentati di ASD sembrano essere il risultato di risposte infiammatorie che si verificano mentre il bambino è nel grembo materno. L'autore spiega come il corpo produce una risposta infiammatoria quando sente di essere sotto attacco da qualcosa di estraneo nel tentativo di tornare all'omeostasi. Tale risposta si verifica con allergie e intolleranze alimentari. Negli individui autistici, la risposta infiammatoria supera la risposta antinfiammatoria in vari gradi, motivo per cui i sintomi autistici si presentano su uno spettro.

Duane Law, un naturopata e agopuntore, ha anche completato la ricerca su infiammazione, allergie e risposta allo stress. In uno dei capitoli del suo nuovo libro, Before Meds / After Meds, Law discute su come si verificano intolleranze alimentari e voglie associate: quando i nostri sistemi digestivi non sono in grado di abbattere correttamente alcuni degli alimenti che ingeriamo, la percezione che potremmo avere appena ingoiato una sostanza estranea manda il corpo in una modalità di attacco caratterizzata da infiammazione. Se è abbastanza grave, la nostra risposta al combattimento o al volo entra in azione, gli ormoni dello stress vengono rilasciati e lo zucchero [†] viene versato dalle cellule nel nostro flusso sanguigno per assicurarci di avere abbastanza energia per correre o combattere contro il pericolo ipotetico.

Un aumento dei livelli di zucchero nel sangue si traduce in un aumento della dopamina, il neurotrasmettitore della ricompensa (lo stesso neurotrasmettitore che spiega i comportamenti di dipendenza) e ci induce a provare voglie. In altre parole, i cibi che tanto spesso bramano, come lo zucchero raffinato, i dolci e il pane, sono gli alimenti a cui potremmo essere sensibili perché il nostro corpo non può elaborarli naturalmente. Per quanto riguarda i bambini con ASD, la caratteristica del cibo schizzinoso che è così spesso identificata nei bambini con questo disturbo può effettivamente essere il risultato di questa risposta infiammatoria, causando loro di essere più inclini a desiderare cibi che i loro corpi sono intolleranti, esacerbando così i loro sintomi e creando un circolo vizioso.

Quindi, come fai a sapere se tuo figlio con Disturbo dello spettro autistico ha un'intolleranza alimentare e cosa puoi fare per aiutarti?

Sfortunatamente, le intolleranze alimentari non sono sempre facili da diagnosticare e trattare. I pediatri testano spesso le allergie alimentari, che sono più fisicamente evidenti poiché causano reazioni acute. Tuttavia, la sensibilità alimentare può causare sintomi ritardati da due giorni a diverse settimane dopo l'ingestione. Poiché i trasgressori possono attraversare la barriera emato-encefalica, possono causare cambiamenti di umore, comportamento e cognizione. Le diete di eliminazione sono spesso utili per scoprire se il bambino ha una sensibilità alimentare. [‡] Questo può essere fatto rimuovendo il cibo in questione (ad es. Glutine o latticini) per almeno due settimane, quindi reintroducendo l'alimento e osservando eventuali reazioni avverse. I genitori possono anche cercare una riduzione dei sintomi ASD nei loro figli una volta che il cibo viene rimosso.

Incorporare gli antiossidanti nella dieta può anche aiutare a ridurre l'infiammazione associata alle intolleranze alimentari nei bambini con ASD. La ricerca mostra che gli antiossidanti come le more, i mirtilli e le fragole sono utili per ridurre i sintomi associati all'infiammazione corporale. [4] Gli acidi grassi Omega 3 sono anche noti come antinfiammatori naturali e si ottengono mangiando pesce selvatico come il salmone, il tonno , o sgombro, o può essere assunto in forma di supplemento come l'olio di fegato di merluzzo con EPA e DHA. Sebbene il consumo di alcuni acidi grassi Omega 6 sia necessario per una dieta sana, mangiare troppo può anche causare una risposta infiammatoria che può portare ad un aumento dei sintomi nei bambini con ASD. È meglio aumentare l'assunzione di Omega 3 e mantenere gli Omega 6 come farina, cereali e latticini, al minimo.

Per qualsiasi genitore di un bambino con Disturbo dello spettro autistico, instillare una dieta sana e antinfiammatoria e valutare la presenza di allergie o intolleranze alimentari può essere un'aggiunta saggia e benefica per il trattamento del loro bambino e aiutare ad aiutare la riduzione generale dei sintomi. Per ulteriori informazioni sugli standard accettati per i protocolli di eliminazione, consultare questo manuale del paziente fornito dal programma di medicina integrativa della University of Wisconsin Medical School.

La blogger ospite Krysteena Stephens, MA, IMFT, è una terapeuta del matrimonio e della famiglia con un particolare interesse nel rapporto tra nutrizione e disturbi mentali.

Per ulteriori informazioni sull'autismo e altri bisogni speciali, consulta Reimposta il cervello del tuo bambino: un piano di quattro settimane per terminare i tracimi, aumentare i voti e potenziare le abilità sociali invertendo gli effetti del tempo dello schermo elettronico

[*] Sebbene allergie, sensibilità e intolleranze siano spesso usate in modo intercambiabile, esse rappresentano meccanismi diversi e causano sintomi diversi. Per ragioni di semplicità, il termine intolleranza verrà usato genericamente per comprendere reazioni allergiche e di sensibilità nonché vere "intolleranze", dovute a un deficit enzimatico (come la lattasi), mentre i termini allergia e sensibilità sono spiegati di seguito.

[†] L'elevata glicemia è un altro fattore infiammatorio che contribuisce al ciclo di infiammazione del cibo.

[‡] Anche se ci sono laboratori specializzati in grado di testare la sensibilità alimentare testando gli anticorpi IgG piuttosto che gli anticorpi IgE innescati da una reazione allergica, i protocolli di eliminazione rimangono il gold standard per la valutazione delle sensibilità alimentari. In altre parole, un bambino può risultare negativo per un pannello di sensibilità alimentare, ma risponde comunque positivamente all'eliminazione di determinati alimenti.
_____________________________________________________________________________________

[1] Gurney JG, McPheeters ML, Davis MM., (2006). Rapporto genitoriale sulle condizioni di salute e sull'assistenza sanitaria tra i bambini con e senza autismo: indagine nazionale sulla salute dei bambini. Archivio di pediatria per l'adolescenza. 160 (8): 825-830. doi: 10.1001 / archpedi.160.8.825. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16894082

[2] Geneviève Nadon, Debbie Ehrmann Feldman, Winnie Dunn ed Erika Gisel, (2011). Associazione di elaborazione sensoriale e problemi alimentari nei bambini con disturbi dello spettro autistico. Ricerca e trattamento dell'autismo, vol. 2011. doi: 10.1155 / 2011/541926. http://www.hindawi.com/journals/aurt/2011/541926/

[3] Buckley, Julie A., Herbert, Martha R., (2013). Autismo e terapia dietetica: caso clinico e revisione della letteratura. Journal of Child Neurology. doi: 10.1177 / 0883073813488668.

http://jcn.sagepub.com/content/early/2013/05/09/0883073813488668.abstract

[4] Grimble, RF, (1994). Antiossidanti nutrizionali e modulazione dell'infiammazione: teoria e pratica. New Horiz. 1994 maggio; 2 (2): 175-85.http: //www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7922442

Solutions Collecting From Web of "Cibo, infiammazione e autismo: c'è un collegamento?"