Cibo come medicina cerebrale

Dopo tre settimane di chirurgia spinale senza farmaci per il dolore, posso davvero apprezzare il valore del cibo come medicina, almeno come medicina del dolore. Questa esperienza arriva all'orario esatto della pubblicazione del mio libro di cucina, Brain Power Cookbook (Plume Publ. 2009). La maggior parte delle persone ha conosciuto gli ingredienti di determinati alimenti come sostanze utili per determinati problemi di salute, in particolare il brodo di pollo di Madre, e molti hanno buone prove scientifiche per sostenerli. Ad esempio, sappiamo che gli omega-3 e le proteine ​​fanno miracoli per lo sviluppo del cervello e che il L-triptofano incita la serotonina per i sintomi della depressione. La vitamina C e il complesso B sono eccellenti per la prevenzione dello stress. Antiossidanti, tè verde e pesce fanno meraviglie per la tua memoria. Ma la lamentela principale è che qualcuno si annoierà presto a mangiare questa roba, soprattutto quando ha il sapore del cartone o è solo viscido o strano.

Nella mia ricerca sulla funzione cerebrale, ho scoperto che anche il cervello ha una preferenza di gusto. Se non ti piace il gusto, il corpo non lo riceverà con molto entusiasmo e il contenuto, indipendentemente da quanto possa essere buono per te, non verrà elaborato adeguatamente. Questi risultati non dovrebbero sorprenderci molto perché gli stessi risultati derivano dalla ricerca sui farmaci. Se al paziente non piace il farmaco, il corpo non lo elaborerà come dovrebbe e il paziente non otterrà benefici. È vero che se non ti piacciono i broccoli, potrebbe non piacerti e potresti perdere una buona dose di nutrimento.

Il libro contiene ricette alimentari che hanno un buon sapore per la maggior parte delle persone che hanno bisogno di influenzare i loro stati d'animo e le funzioni cerebrali. I capitoli comprendono ricette per problemi, come stress e ansia, dipendenze, mancanza di concentrazione, memoria, sonno, depressione, rabbia, creatività, afrodisiaco e, naturalmente, dolore. Dato che sono uno psicologo che ha fatto ricerche in questo settore, ho chiesto alla dottoressa Maggie Robinson, esperta nutrizionista, di aiutarmi a trovare le migliori ricette (e più facili) con le giuste cose per ciascuna di queste aree.

Tornando alla mia speciale dieta per il dolore, ho adorato i frullati di frutta e gli enormi consumi di frutta secca, soprattutto mandorle. Mi piacciono le carote, quindi ho condiviso la mia parte con il nostro coniglio da compagnia. E io sono un succhiatore di patate arrosto e cipolle rosse. La mia testimonianza non era uno studio scientifico, e ho investito molto in questo libro, quindi devo essere sincero nel mio entusiasmo. Tuttavia, ho studiato il dolore cronico, le disfunzioni immunitarie, lo stress psicologico e una serie di problemi di adattamento per molti anni e posso dire che c'è una buona medicina nel tuo negozio di alimentari.

Solutions Collecting From Web of "Cibo come medicina cerebrale"