Ci sono differenze di sesso nel cervello?

Le differenze sessuali nel cervello sono interessanti solo se aumentano la nostra comprensione del comportamento biologicamente o socialmente significativo. Allora, quali sono questi studi che cercano di spiegare? L'argomento è impantanato la zillionth re-run del dibattito natural-nutrire: esistono tali differenze? Hanno importanza? Sono il risultato di differenze sessuali biologicamente determinate nel cervello, o differenze nell'educazione o nell'ambiente sociale? I protagonisti di ogni posizione hanno un terreno comune, che sono riluttanti ad ammettere: entrambi sono importanti e complessi e interagiscono; l'epigenetica sfuma il confine già indistinto tra loro. Gli esseri umani hanno una capacità senza rivali di cambiare il loro ambiente fisico o sociale: ma questo dipende da ciò che è considerato ottimale e dai meccanismi percepiti per raggiungere quell'obiettivo. Quindi abbiamo bisogno di sapere del cervello: se ci sono differenze di sesso, cosa possono dirci?

Grande eccitazione ha seguito la scoperta che c'era un'area nell'ipotalamo anteriore (SDA) nei ratti, una regione nota per essere interessata al comportamento sessuale, che conteneva più neuroni nei maschi rispetto alle femmine. La castrazione neonatale dei maschi, che riduce la loro risposta al testosterone più tardi nella vita e rende quindi più "femminili", ha ridotto il numero di neuroni. È migliorato: dare il testosterone alle femmine neonatali, il che le rende più "maschili" nell'età adulta, un numero di neuroni aumentato nella loro SDA. Questo sembrava molto un esempio convincente di una differenza strutturale sessualmente differenziata nel cervello che aveva conseguenze importanti e logiche per il comportamento.

Poi … la delusione. Numerosi studi non hanno dimostrato che l'SDA fosse coinvolto nel comportamento sessuale. Ci stiamo ancora chiedendo cosa faccia. Rimane un enigma centrale: anche se sapessimo, perché e come potrebbe il numero di neuroni SDA avere conseguenze comportamentali così profonde? C'è una lacuna critica nelle nostre conoscenze: in che modo particolari assemblee di neuroni determinano comportamenti di qualsiasi tipo o differenze nei suoi modelli. Questo vale anche per gli umani.

Più di 40 anni fa, Maccoby e Jacklin catalogarono le differenze sessuali nel comportamento, e conclusero che i ragazzi avevano migliori abilità spaziali e matematiche ed erano più aggressivi delle ragazze, che mostravano maggiori abilità verbali. A quel tempo, gli psicologi erano per lo più disinteressati al cervello: quindi le loro spiegazioni erano comportamentali: stili di educazione selettiva, copia del comportamento dei genitori ecc. Un recente problema [1] riassume i progressi da allora. Sperimentalmente, l'espressione genica del dimorfismo sessuale è ora nota in diverse aree del sistema limbico, tra cui l'amigdala, il nucleo del letto dello stria terminale (BNST) e varie aree dell'ipotalamo: ognuna ha un modello misto e regola molti comportamenti (ad esempio l'aggressività) , sessualità, comportamento materno ecc.). Molti di questi geni sono modificati epigeneticamente dal testosterone della prima infanzia, che è coerente con le differenze sessuali persistenti. Possono anche essere modificati dall'esperienza (es. Qualità della cura materna). Ma questi studi rimangono descrittivi piuttosto che esplicativi. E non sappiamo se si verificano negli esseri umani.

Tali differenze sessuali nel comportamento come negli umani si sovrappongono. Se questi derivano da fattori genetici o ambientali, si rifletteranno nell'organizzazione del cervello a un certo livello. Le differenze sessuali sono state descritte nel cervello umano (amigdala, ippocampo, ecc.) E sono state amplificate dall'uso di tecniche di imaging. Il modo in cui si relazionano alla funzione è ancora dibattuto; e il valore del volume come spiegazione è dubbio come lo è negli studi sperimentali. Il testosterone gioca un ruolo importante negli esseri umani: le ragazze esposte a livelli anormali prima della nascita si comportano più come i ragazzi. I maschi insensibili al proprio testosterone si sviluppano come femmine e possono essere indistinguibili da altre ragazze [2]. Non è chiaro come ciò si relaziona con l'organizzazione del loro cervello.

C'è ancora disaccordo sulle "differenze sessuali" nel comportamento umano, che si verifichino, quanto esse contano o si sovrappongano, se riflettono cambiamenti evolutivi o genetici nel cervello, o i potenti effetti dell'ambiente sociale (che avrà anche effetti sulla struttura e sulla funzione del cervello). Ci sono ruoli biologici per maschi e femmine, ma si sovrappongono. Ci sono cervelli "maschili" e "femminili" ma non sono sempre distinti. Questo ha la massima importanza per come vediamo, accettiamo e affrontiamo le differenze di sesso nella motivazione, nelle abilità e nelle opportunità, riconoscendo che ci sono molti fattori oltre al sesso e che gli individui varieranno in tutte queste dimensioni. È importante non abusare delle informazioni per fini politici. Molti autori confondono "somiglianza" con "uguaglianza". Ma abbiamo bisogno di sapere molto di più su come il cervello regola il comportamento prima di poter comprendere appieno il significato delle differenze sessuali nel cervello.

[1] Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci. 19 febbraio 2016; 371 (1688). pii: 20150119. doi: 10.1098 / rstb.2015.0119. Epub 1 ° febbraio 2016.

[2] Vedi: Joe Herbert. Testosterone: sesso, potere e volontà di vincere. 2015 Oxford University Press

Solutions Collecting From Web of "Ci sono differenze di sesso nel cervello?"