"Ci siamo sempre sentiti uguali, siamo partiti da un altro punto di vista" Bob Dylan, Tangled Up In Blue

Bob Dylan, sviluppo infantile e infantile e linguaggio dei sentimenti

La frase di Bob Dylan della sua canzone "Tangled Up In Blue" riassume splendidamente molto lo sviluppo del bambino e del bambino, in particolare i problemi che alcuni genitori sperimentano mentre i loro bambini passano all'infanzia e iniziano a parlare. I bambini ei loro genitori hanno gli stessi sentimenti, ma un punto di vista molto diverso: i genitori hanno una lingua e questo cambia tutto!

Tutti gli esseri umani nascono con gli stessi sentimenti incorporati. Il miglior modello che abbiamo attualmente suggerisce circa nove di questi sentimenti (i post precedenti lo descrivono in dettaglio). Questi sono interesse, divertimento, sorpresa, angoscia, rabbia, paura, vergogna, disgusto (una reazione ai gusti tossici) e dissoluzione (una reazione agli odori tossici). I genitori hanno parole e linguaggio per i sentimenti … ma il bambino no! Come esprime e comunica i suoi sentimenti? Attraverso le sue espressioni facciali, i suoi gesti e i suoi rumori! Quindi, come fanno i genitori a sapere cosa prova il suo bambino? I genitori traducono – traducono dalle espressioni facciali, dai gesti e dai rumori ai sentimenti! La chiave è la traduzione.

Quindi cosa succede quando la lingua appare tra circa 1 e 3 anni? Daniel Stern definisce il linguaggio un'arma a doppio taglio: può distorcere e aiutare la comunicazione, specialmente nel mondo dei sentimenti. La prima lingua del bambino tende ad essere piuttosto limitata e primitiva, ed è questa transizione al linguaggio che può far sì che le cose vadano male.

Dite che una bambina di un anno lascia cadere la sua macchinina dal seggiolone – punta, emette rumori e, con troppo ritardo, inizia a piagnucolare o diventare rossa in faccia e schiamazza. I sentimenti? Aumento dell'angoscia e della rabbia. La maggior parte dei genitori capirà questi sentimenti, sarà rassicurante e prenderà la macchina.

Ora facciamo avanzare di un anno o due – la stessa ragazza, seggiolone e auto. L'auto cade. La ragazza è paziente, ma poi inizia a arrabbiarsi … "Auto, macchina!", Lei esclama. Con troppo ritardo, la voce diventa più stridente: "Car down!" E, infine, lei grida al genitore che si muove troppo lentamente: "Non sono come te! Ti odio! "Il genitore potrebbe sentirsi aggredito e scagliato:" Non parlare così … non usiamo queste parole qui! "

Cos'è successo? Le sensazioni a un anno e tre anni sono le stesse: la bambina si sente angoscia e rabbia quando la sua auto cade e lei non riesce a riaverlo indietro. Ma lo stesso genitore che è in grado di capire i sentimenti della ragazza più giovane ora viene respinto dalle parole della ragazza più grande, anche se i sentimenti sono gli stessi. La risposta? Di nuovo, traduzione – ma questa volta nei sentimenti delle parole!

Sono i sentimenti che sono più importanti. Perché? Perché sono i sentimenti che portano alle azioni. Comprendi i sentimenti di tuo figlio e capirai il tuo bambino. Traduci le espressioni di tuo figlio – o parole – di nuovo nei sentimenti. Etichetta questi sentimenti con il tuo bambino: interesse, divertimento, angoscia, paura e così via. Usa il linguaggio dei sentimenti.

Dylan ha capito bene. Ci sentiamo allo stesso modo – potremmo iniziare da un altro punto di vista. La soluzione è semplice: basta tradurre in sentimenti!

Solutions Collecting From Web of ""Ci siamo sempre sentiti uguali, siamo partiti da un altro punto di vista" Bob Dylan, Tangled Up In Blue"