Ciò che spinge un bambino a fare il prepotente

Di recente ho visto il documentario straziante "Bully". Il film racconta le storie di cinque bambini, di età compresa tra gli 11 e i 17 anni, che sono molestati fisicamente ed emotivamente. In due casi l'abuso era così grave da spingere i bambini a suicidarsi. Quando ho lasciato il teatro, non potevo smettere di pensare al film. Finora l'obiettivo principale di questi blog è stato quello di dimostrare come l'utilizzo degli strumenti può potenziare le persone. Ma dopo aver visto "Bully" mi è sembrato altrettanto importante descrivere come gli strumenti possono influenzare positivamente la cultura di istituzioni come le scuole, dove si verifica la maggior parte del bullismo.

L'adolescenza è quando la maggior parte di noi decide di nascondere la parte di noi di cui ci vergogniamo di più: quello che Jung chiamava L'ombra. In ogni adolescente c'è una spinta potente per adattarsi, per conformarsi alle norme di un gruppo di pari. Per fare questo, l'individuo deve nascondere tutte le qualità che non sono conformi. Una ragazza adolescente si fa morire di fame; un ragazzo adolescente nasconde la sua sensibilità emotiva.

La differenza tra il bambino medio, insicuro, che nasconde l'ombra e un bullo è che il bullo adotta una strategia più aggressiva: il bullo prende di mira qualcuno che non si adatta, qualcuno "diverso" e lo perseguita implacabilmente. Questo è rassicurante per il bullo perché distoglie l'attenzione dalla sua ombra. Funziona ancora meglio se riesce a far partecipare gli altri – il gruppo si unisce attorno a un nemico comune; il suo motto è "Non abbiamo ombre – l'unica ombra è quel ragazzino laggiù".

Purtroppo, tutti perdono. Le vittime del bullismo pagano un prezzo enorme: l'equivalente moderno del capro espiatorio biblico, portano i "peccati" della comunità e vengono esiliati nel deserto dell'isolamento sociale. Il dolore, l'alienazione e il disprezzo di sé possono essere gravi. I bulli pagano anche un prezzo, anche se meno ovvio. Spinti dalla paura di essere visti come "diversi", reprimono tutto ciò che li rende interessanti e unici. Un atleta non può anche essere un poeta sensibile. Una regina di bellezza non osa perseguire il suo interesse per la matematica. Invece, ognuno è assorbito in una cricca che promette il conforto dell'omogeneità, ma offre solo il terrore senza fine di essere scoperto e ostracizzato.

Il film fa un ottimo lavoro nel documentare il problema. Correttamente attribuisce parte della colpa agli amministratori scolastici i cui atteggiamenti "ragazzi-essere-ragazzi" minimizzano il problema. Allo stesso tempo, ritrae gli stimolanti sforzi di genitori e scolari che parlano apertamente di sensibilizzare sul bullismo.

Ma c'è bisogno di più. Una soluzione completa al problema del bullismo dovrà cambiare l'intera cultura delle scuole – da quella che denigra le differenze individuali con una che le onora. In breve, dobbiamo rendere ammirevole distinguersi, piuttosto che adattarci.

Questo può essere insegnato in modo didattico. Ma ancora più efficace sarebbe che fosse modellato per i bambini dagli adulti che trascorrono la maggior parte del tempo intorno agli adolescenti: genitori, insegnanti e amministratori scolastici. Se questi adulti possono essere coraggiosi ogni giorno, accettando ciò che è nuovo, diverso e potenzialmente imbarazzante in loro stessi, allora un nuovo spirito di accettazione pervaderà le scuole. Un adulto che accetta la propria ombra e utilizza lo strumento dell'autorità interiore descritto nei blog precedenti può avere un effetto profondamente positivo su ogni adolescente con cui entra in contatto.

Molto probabilmente, hai vissuto un individuo unico nella tua adolescenza e puoi ricordare quanto fosse liberatorio stare attorno a questa persona. Immagina come sarebbe essere parte di una comunità che celebra collettivamente l'individualità. Questo è il tipo di comunità che incarna l'incredibile coraggio mostrato dalle vittime quando mantengono le loro qualità distintive di fronte al ridicolo; è una comunità che può dare a un bullo lo stesso coraggio – riconoscere ciò che è imbarazzante ma unico in sé stesso, e permetterlo di prosperare.

Solutions Collecting From Web of "Ciò che spinge un bambino a fare il prepotente"