Ciò che non abbiamo può insegnarci a essere più felici

Ti piacerebbe sentirti più felice?

Poco prima della sua prematura scomparsa, il professor Hillel Einhorn dell'Università di Chicago si è occupato di questa questione in una rara intervista. Il suo consiglio: concentrati meno su ciò che desideri e altro su ciò che ha definito "non accadimenti:" le cose che non hai vissuto.

L'argomento di Einhorn è che i sentimenti di felicità si riducono infine ai propri "abbienti" e "desideri". Nella nostra mente, tendiamo a classificarli in tre gruppi.

La prima categoria consiste nelle cose che abbiamo che vogliamo avere . Una famiglia amorevole, un buon lavoro, una bella casa e la maggior parte dei nostri beni rientrano in questo gruppo. Questi sono intorno a noi tutto il tempo, sono facili da ricordare e sperimentare. Ci sentiamo grati di averli. Ci rendono felici.

La seconda categoria include le cose che abbiamo ma non vogliamo . Questi possono essere malattie, peso extra, un lavoro indesiderato, difficoltà finanziarie e altri attributi personali di cui potremmo fare a meno. La loro presenza ci infastidisce e ci rende infelici.

La terza categoria include le cose che vorremmo avere ma non lo facciamo . Più soldi, migliore salute, una casa più grande, una macchina di lusso sarebbe in questo gruppo. Come gli oggetti della categoria precedente, anche pensare a questi risultati è facile e ci rende infelici.

Einhorn ha suggerito di dedicare così tanto tempo ed energie a riflettere sul contenuto di queste tre categorie che non consideriamo la quarta ma cruciale categoria di "non-occorrenze": cose che non vogliamo e non abbiamo . Tutto ciò che non abbiamo vissuto e che davvero non vorremmo provare.

Consideriamo, ad esempio, le malattie e le sfide fisiche e psicologiche che potremmo essere abbastanza fortunati da non convivere. O i dolori che non sentiamo, i problemi che non abbiamo bisogno di risolvere, e le disgrazie potremmo avere l'immensa fortuna di non aver sofferto. L'elenco può andare avanti e avanti e avanti …

Questa quarta categoria ha tre caratteristiche importanti. Innanzitutto, come la prima categoria, pensarci ci renderebbe felici. In secondo luogo, è discutibilmente molto più grande dei precedenti tre combinati. È quasi infinito per la maggior parte dei cittadini in un paese sviluppato. E in terzo luogo, a differenza delle altre categorie, non viene in mente facilmente perché non dipende da ciò che abbiamo vissuto. Riguarda ciò che non abbiamo!

Infelice per esperienza

La nostra esperienza personale guida molto di ciò che sentiamo e apprendiamo. È considerato un grande insegnante. In questo caso, tuttavia, finisce per restringere la nostra prospettiva e ridurre la nostra felicità, rendendo difficile per noi pensare a questi orribili, ma possibili non accadimenti nella nostra vita.

Quindi, non considerando la quarta categoria, le persone si giudicano in genere meno felici di quanto non siano in realtà. Per valutare la nostra felicità, dovremmo migliorare nel "contare le nostre benedizioni" in termini non solo di ciò che abbiamo, ma anche di ciò che non abbiamo.

Un semplice trucco per creare questa abitudine potrebbe essere quello di iniziare a fare una lista di cose che appartengono alla quarta categoria. La lista di tutti sarà diversa. Tuttavia questo esercizio contribuirebbe a rendere questi non accadimenti più accessibili alla propria esperienza e intuizione.

Nella misura in cui la felicità è guidata dalla correlazione tra "vuole" e "abbienti", una valutazione accurata deve considerare tutte e quattro le celle del tavolo 2 × 2 che Einhorn ha disegnato per ricordarsi della quarta categoria.

Guardare e pensare a questa figura dovrebbe già farti sentire più felice di te in questo preciso istante.

Soyer & Hogarth

Einhorn's 2 × 2

Fonte: Soyer & Hogarth

Solutions Collecting From Web of "Ciò che non abbiamo può insegnarci a essere più felici"