Ciò che è "migliore" varia a seconda delle esigenze

All'interno delle comunità legali e di "risoluzione delle controversie", c'è stata una battaglia in corso su quale processo è "migliore", quale approccio all'interno di un dato processo è "migliore" e quale background e formazione è "migliore" per ogni dato processo e approccio.

Ho inserito alcune parole e frasi tra virgolette per ragioni che presto diventeranno evidenti.

Come definito dal dizionario di Oxford, "migliore" significa "Più desiderabile, soddisfacente o efficace".

Nel valutare se un prodotto o un servizio è "migliore" di un altro, non è essenziale valutare quale sia il potenziale utente del prodotto o del servizio che spera di raggiungere? Altrimenti, su quali basi stiamo facendo un tale confronto e in che modo i nostri pregiudizi, convinzioni, ipotesi, aspettative e valori personali influiscono sulla nostra valutazione?

Secondo la ricercatrice di scienze sociali Brené Brown:

"[W] e colpa perché vogliamo rendere le persone responsabili. Tuttavia, la colpa non ha valore e NON è la stessa responsabilità. Viviamo in una cultura della colpa – vogliamo sapere di chi è la colpa e come pagheranno. La colpa è definita come la semplice scarica di dolore e disagio. Facciamo un sacco di urla e puntiamo il dito, ma raramente riteniamo le persone responsabili. Come potremmo? Siamo così sfiniti dall'ingannare e dal delirare che non abbiamo l'energia per sviluppare conseguenze significative e farle rispettare. La responsabilità riguarda la comprensione di quanto ci sentiamo vulnerabili, esprimendo ciò e chiedendo ciò di cui abbiamo bisogno. Invece, tendiamo a indurre le persone a indovinare ciò di cui abbiamo bisogno e poi biasimarli per non averli consegnati. Le persone che ottengono il punteggio più alto nel tenere le persone responsabili ottengono il punteggio più basso sulla colpa. Non sarebbe meglio se potessimo essere più gentili, ma più saldi? In che modo le nostre vite sarebbero diverse se ci fossero meno rabbia e più responsabilità? Come sarebbero le nostre vite lavorative e domestiche se avessimo la colpa di meno ma avessimo più rispetto per i confini? "

A meno che il potenziale utente di un determinato prodotto o servizio non comprenda quanto si sentano vulnerabili, lo esprime e chiede ciò di cui ha bisogno, in che modo ognuno di noi può fornire una consulenza accurata? Dopotutto, la vita non è spandex e quindi di solito non esistono soluzioni a taglia unica.

Ad esempio, proprio ieri, ho completato una mediazione per una ex coppia senza figli non sposati, i cui problemi finanziari tra di loro erano legalmente considerati come una controversia civile o commerciale. Prima di iniziare la mediazione, erano entrambi d'accordo sul fatto che speravano di ottenere quanto segue: (1) risolvere la loro situazione amichevolmente (senza ostilità), (2) onorare e rispettare il loro passato; e (3) rimangono amici senza animosità. Hanno anche concordato che mi incontrerebbero ciascuno per due ore separatamente, entrambi per preparare le sessioni di mediazione congiunte, e per esprimere quanto sentono vulnerabili e le loro esigenze in quello che considerano un ambiente sicuro.

Su questa linea, la prima comunicazione che ho ricevuto da entrambi è stata una e-mail che ha fornito in parte quanto segue: "Spero che possiamo rimanere amici e attraverso la mediazione, realizzare questo desiderio. Questa è una situazione emotiva e non intendo implicare che sia facile. "

Si dice che avevano intervistato tre mediatori prima di incontrarmi, tutti e tre erano giudici in pensione.

Il primo mediatore con cui si sono incontrati ha dato la sua valutazione legale del caso durante la consultazione, il che ha sconvolto il partito che avrebbe dovuto perdere sotto una simile valutazione. Per ovvi motivi, a quella parte non interessava il primo mediatore.

Indipendentemente da ciò, "è stato scritto molto sul fatto che quando i coniugi si sentono obbligati a vincere le loro discussioni, finiscono per perdere la loro relazione. Avremmo dovuto tenerlo presente perché la necessità di "vincere" argomenti non favorisce matrimoni felici, dinamiche familiari positive o relazioni interpersonali di alcun tipo ".

Pertanto, non dovrebbe sorprendere il fatto che "la ricerca mostra chiaramente che la mediazione valutativa funziona meglio in situazioni in cui non vi sarà alcuna relazione in corso".

In realtà, il seguente estratto è tratto da un articolo pubblicato nel programma della Harvard Law School sulla negoziazione intitolato Mediazione: negoziare un divorzio più soddisfacente: la mediazione offre un'alternativa più pacifica alle tradizionali trattative sul divorzio e si è scoperto che ottiene tassi di insediamento più elevati rispetto al contenzioso.

"La mediazione sembrerebbe offrire un'alternativa più pacifica al tradizionale approccio contraddittorio ai negoziati sul divorzio. E, in effetti, i divorzi mediati, ora molto diffusi, sono stati trovati per ottenere tassi di insediamento più alti rispetto al contenzioso ….

[Uno studio recente ha rilevato che] rispetto a quelli coinvolti in contenzioso, i partecipanti che hanno partecipato alla mediazione hanno riferito di aver raggiunto accordi di qualità superiore, in base a quanto è stato personalizzato, equo, completo e chiaro l'accordo era ….

Oltre a verificare se i divorzi sono stati mediati o litigati, i ricercatori hanno esaminato lo stile negoziale dei mediatori e degli avvocati coinvolti. In una mediazione agevolativa, il mediatore si concentra sull'aiutare le parti a condurre una conversazione regolare e aperta; in una mediazione valutativa, il mediatore può anche valutare le posizioni delle parti e persino proporre una soluzione. Molti avvocati di divorzio hanno iniziato ad adottare un approccio più facilitativo, ad esempio, cercando di ridurre il conflitto e migliorare la qualità della relazione tra i coniugi divorziati.

Partecipanti allo studio il cui mediatore o avvocato ha adottato un approccio facilitativo alla negoziazione, in base alla loro tendenza a impegnarsi in comportamenti di risoluzione dei problemi e ad aiutare i propri clienti a focalizzarsi sugli interessi, in genere hanno riportato risultati di alta qualità.

Nel complesso, i risultati suggeriscono che le coppie sarebbero saggiamente aiutate da professionisti che credono che ridurre i conflitti e incoraggiare un dialogo aperto siano più propensi a promuovere un divorzio soddisfacente rispetto a un semplice approccio competitivo ".

Nel frattempo, il primo mediatore con cui i clienti si sono incontrati, ovviamente, si avvicina alla mediazione in maniera valutativa basata sui loro percepiti vincitori e vinti da un'analisi legale, come se fosse gestita da un tribunale.

Tuttavia, un tale approccio sarebbe stato in linea con il loro desiderio di rimanere amici sul completamento della mediazione?

Il secondo mediatore ha ritenuto di essere sembrato amichevole e ha quindi suggerito di lavorare per migliorare la loro relazione, piuttosto che dissolverla. Dal momento che almeno una delle parti coinvolte non aveva interesse a rimanere un paio a quel punto, sono state respinte dal suggerimento del mediatore.

Ricorda che la prima comunicazione che ho ricevuto da una delle parti coinvolte mi ha consigliato in parte come segue: "Questa è una situazione emotiva e non intendo implicare che sia facile."

La convinzione di questo mediatore era coerente con la convinzione che molti avvocati di diritto di famiglia detengano, il che è che "se le coppie divorziate sono in grado di avere un divorzio di successo, perché stanno addirittura divorziare?"

Anche se entrambi hanno apprezzato il terzo mediatore, quel mediatore ha effettivamente ascoltato e compreso i loro bisogni, il livello di emozioni coinvolte e ha concluso che non era adatto per il ruolo.

Infatti, mi ha contattato via email sulla possibilità di mediare il caso come segue:

"Ciao Mark, mi è stato chiesto di mediare uno scioglimento di una relazione di partner non sposata, non domestica …. Ho pensato a te e al divorzio collaborativo perché hanno davvero bisogno di qualcuno che li parli attraverso la loro separazione, che dicono essere amichevoli, ma penso che sia acrimonioso basandosi sul nostro primo incontro. Mentre loro vogliono che lo faccia, penso che qualcuno come te possa essere più esperto e meglio equipaggiato. "

Incluso nella prima comunicazione che ho ricevuto da una delle parti in questa materia era il seguente: "Ci stiamo dividendo e ci siamo riferiti a **** **** per la mediazione. Mi piace molto **** ma ha detto che crede di avere più esperienza nel tipo di situazione che abbiamo. "

Dopo la nostra iniziale consultazione, l'altra parte mi ha inviato il seguente messaggio: "Sono fiducioso nelle tue capacità nell'aiutarci a organizzare i nostri affari con rispetto e amore".

Dopo la nostra prima sessione di mediazione e prima della seconda, lo stesso partito ha inviato la seguente email: "Non vedo l'ora di vedervi domani e spero ancora in una felice e reciproca risoluzione con cui andare avanti".

Dopo aver concluso la loro sessione di mediazione finale, entrambi hanno espresso quanto si sentissero sicuri nel contesto della mediazione con me, quanto fossero migliorate le loro comunicazioni reciproche e quanto fossero sollevati che avessero compiuto la loro missione nel gestire questo attraverso il processo di mediazione.

Ho chiesto se c'era qualcosa su cui avrei potuto migliorare per riferimento futuro e non potevano pensare a una singola cosa.

Come dice Brown, "la responsabilità è capire come ci sentiamo vulnerabili, esprimendoli e chiedendo ciò di cui abbiamo bisogno. Invece, tendiamo a indurre le persone a indovinare ciò di cui abbiamo bisogno e poi biasimarli per non averli consegnati ".

Se i clienti avessero trattenuto uno dei primi due mediatori, qual è la probabilità che uno di loro avrebbe consegnato ciò che i clienti desideravano, considerando i loro bisogni e desideri chiaramente dichiarati?

Come si può valutare l'adeguatezza o l'idoneità di un particolare prodotto o servizio, se le esigenze del cliente non sono ben comprese?

Se vogliamo fornire ai clienti il ​​"miglior" possibile prodotto o servizio o fare riferimento a tali prodotti o servizi, non è necessario avere una comprensione molto chiara delle loro esigenze? Nella misura in cui gli individui non sono disponibili con tali bisogni, non dovremmo fare del nostro meglio per aiutarli a suscitare loro, in modo tale da non essere accusati di non averli consegnati?

Per riferimento, conosco, ho fiducia, mi piace e rispetto due dei tre giudici in pensione con cui i miei clienti di mediazione si sono incontrati prima di trattenermi. Sono entrambi molto rispettati e per una buona ragione. Non posso commentare uno di loro, solo perché non ho informazioni con cui formulare un'opinione.

A seconda delle particolari esigenze delle parti coinvolte, non c'è dubbio nella mia mente che uno di quei mediatori giudici in pensione sarebbe estremamente ben attrezzato per fornire servizi per i quali tali clienti sarebbero tremendamente soddisfatti.

Tuttavia, dipende dalle esigenze particolari delle parti coinvolte e dal fatto che il mediatore abbia le competenze necessarie per rispondere adeguatamente a tali esigenze.

In che misura i pregiudizi personali, le convinzioni, le supposizioni, le aspettative e i valori dei primi due mediatori si sono imbattuti durante le loro consultazioni? Se i clienti non si fossero accorti di queste cose durante la consultazione con questi mediatori e se avessero trattenuto l'una o l'altra di esse, come avrebbe potuto esserlo? Che dire se i clienti non avessero mai avuto l'opportunità di intervistare i possibili mediatori per apprendere cose del genere, perché i loro avvocati avevano selezionato il mediatore per loro, che è quello che accade tipicamente quando gli avvocati sono coinvolti?

Quando i clienti intervistano effettivamente il mediatore, se ascoltano abbastanza attentamente, sono in grado di cogliere i pregiudizi non controllati, il che può trasformarli in quel particolare mediatore. Potrebbe anche indurli a rendersi conto che il mediatore manca della consapevolezza di sé per tenere sotto controllo i pregiudizi, nella misura del possibile.

È interessante notare che "l'empatia sembra essere una straordinaria forma di riduzione del pregiudizio e aiuta a tenere sotto controllo i pregiudizi".

"L'empatia è una delle abilità più importanti da sviluppare e praticare. Ci permette di capire il mondo come gli altri lo vedono, è una componente chiave della compassione ed è incompatibile con la vergogna e il giudizio. Assenza di empatia, il pensiero critico è compromesso perché non vengono prese in considerazione tutte le prospettive, il che preclude una più profonda comprensione dei problemi ".

Fortunatamente per i clienti in questa particolare situazione, il mediatore che me li ha indirizzati ha avuto l'empatia necessaria per comprendere appieno i bisogni dei clienti e l'autocoscienza per conoscere i suoi limiti e le mie forze. Sfortunatamente, questo non è affatto vero per la maggior parte del tempo e non credo che il pubblico abbia le informazioni per prendere decisioni così informate.

Tuttavia, puoi solo dare ciò che hai e insegnare ciò che sai. Non è realistico aspettarsi che qualcuno dia ciò che non hanno o insegna ciò che non sanno. "Avere aspettative non realistiche è una fonte importante di infelicità ed è molto difficile essere grati per le delusioni".

I risultati sono in genere determinati dal modo in cui è progettato il "gioco". Pertanto, le cose non dovrebbero essere progettate per ottenere un risultato più desiderato?

Mi sembra che il terzo potenziale mediatore abbia aiutato questi particolari clienti della mediazione a progettare il loro "gioco" in modo da ottenere il risultato desiderato, cosa che hanno fatto.

I mediatori amano parlare dell'importanza dell'autodeterminazione dei clienti nel processo di mediazione.

Che ne dici dell'autodeterminazione per quanto riguarda la selezione del particolare processo e l'approccio stesso?

Tuttavia, l'autodeterminazione non può verificarsi in relazione a tale processo di selezione, se i clienti non hanno le informazioni da cui prendere decisioni informate.

Secondo me, l'autodeterminazione non è che i clienti prendano decisioni non informate perché i mediatori credono che fornire tali informazioni in qualche modo interferisca con l'autodeterminazione.

Dal mio punto di vista, le persone giuridicamente competenti che prendono decisioni informate possono accettare tutto ciò che vogliono, purché sia ​​legale e non in violazione delle politiche pubbliche.

Dove molti di noi sembrano differire è ciò che è richiesto, semmai, per tale consenso informato.

Come con tutto, ciò che è "migliore" o "migliore" è una questione di prospettiva e la prospettiva che conta di più è quella degli individui che hanno bisogno di un dato prodotto o servizio.

Solutions Collecting From Web of "Ciò che è "migliore" varia a seconda delle esigenze"