Christine Quinn e il potere curativo di onestà

Il 14 maggio 2013 il New York Times ha pubblicato un articolo basato su interviste a Christine Quinn, che è attualmente candidata a Sindaco di New York City. Nelle interviste la signora Quinn ha rivelato la sua lunga battaglia, iniziando da adolescente quando è diventata la custode principale di sua madre, che stava morendo di cancro, prima con la bulimia e poi con l'alcolismo. Ciò che veramente colpisce della storia di Quinn – a parte il fatto che è riuscita a superare entrambe le afflizioni – è il ruolo chiave che l'onestà e la divulgazione sembrano aver giocato nel suo percorso verso la guarigione.

Una storia di guarigione attraverso la condivisione

Ciò che la signora Quinn ha scoperto per se stesso è qualcosa che è un punto di riferimento nella storia della guarigione. Nell'America degli anni Trenta, ad esempio, una compagnia conosciuta come Oxford Group divenne molto popolare basandosi su questa stessa semplice ma essenziale regola: condividere informazioni sui nostri difetti di carattere personale e percepire "peccati" con gli altri ha un effetto curativo sull'anima. In altre parole, rivelare informazioni personali che altrimenti terremmo segrete, per vergogna, può sollevare il peso della vergogna dalle nostre spalle e permetterci di ritrovare l'autostima perduta. La condivisione sostenuta dal movimento del gruppo di Oxford ha impedito ai membri di esprimere un giudizio su ciò che era condiviso da altri.

Bill Wilson, il co-fondatore di Alcolisti, ha partecipato alle riunioni del gruppo di Oxford e sembra aver basato la fratellanza che ha contribuito a creare secondo il sano principio. AA ora conta oltre 2 milioni di membri in tutto il mondo ed esiste come sottocultura virtuale all'interno della nostra più ampia cultura, completa con le sue tradizioni, i suoi rituali e valori condivisi. Il tipo di divulgazione sostenuto dal movimento del gruppo di Oxford è anche al centro dei "dodici passi" di AA. In effetti, la "promessa" di AA è che seguendo i suoi passi con il coraggio dell'onestà condurrà una persona al rinnovamento spirituale. E la tradizione più potente all'interno di AA è il racconto che continua nei suoi incontri. I membri si offrono volontari per "condividere" le loro storie, raccontando la loro discesa nell'alcolismo o nella dipendenza, seguita dalla loro ascesa nel recupero. Per tradizione nessuno fa domande o giudica il membro che sceglie di rivelare la propria storia.

La signora Quinn condivide

Non so se la signora Quinn è a conoscenza del movimento del gruppo di Oxford o si è mai avvalso di AA o ha seguito i suoi passi; tuttavia, una cosa che è chiara è che ha scoperto per sé il potere di guarigione della condivisione. Ecco un paio di cose che ha detto al suo intervistatore:

  • Ha detto che era arrivata a credere "che finché non smetti di nascondere le cose, stai nascondendo le cose. E nascondere le cose non è salutare. "
  • Quando ha preso la decisione di entrare in un programma di riabilitazione, "è stato il primo momento significativo della mia vita che ho chiesto aiuto, e penso fino a quel punto della mia vita che ho associato chiedendo aiuto con la sconfitta".
  • Durante la riabilitazione ha scoperto l'enfasi sul parlare dei sentimenti (condivisione) che era radicalmente diverso dal mondo da cui era venuta. "Ero abbastanza monosillabico per un po '. Voglio dire, questo tipo di conversazione non è la mia più grande forza in generale. Alla fine, però, mi ha messo sulla strada di lasciar andare la mia vergogna ".

Riassumendo la sua esperienza: "Chiedere aiuto, andare in riabilitazione, mi ha aiutato a rimettere insieme i pezzi".

Resta da vedere se la signora Quinn sarà giudicata, nella sua corsa per il sindaco, a causa delle sue rivelazioni. Come un altro Bill (Clinton) ha detto una volta, sembra che viviamo in un periodo dominato dalla "politica della distruzione personale", in cui l'esposizione delle nostre vulnerabilità può essere pericolosa. Ma Christine Quinn lo ha sfidato, e non sembrano esserci dubbi sul fatto che abbia scoperto da sola il potere curativo della condivisione. Forse dovremmo ringraziarla per questo.

@ 2013 di Joseph Nowinski, Ph.D., coautore di Almost Alcoholic: Is My (o My Loved One's) Bere un problema?

Solutions Collecting From Web of "Christine Quinn e il potere curativo di onestà"